Piada di Sano Martino

Oggi a Santarcangelo di Romagna, ridente località dell’entroterra romagnolo, si festeggia San Martino. Il paese si riempie di anime in festa. I bambini si divertono sulle giostre e i grandi curiosano tra bancarelle e mangiano… In effetti quei profumi di sagra sono davvero avvolgenti e ci riportano alla memoria pensieri leggeri legati all’infanzia… Non sono altrettanto leggere le proposte enogastronomiche; regina della sagra è sempre lei la piadina, cipolla, peperoni e ingrediente crudele! Tornata a casa dopo una bella passeggiata nel borgo vecchio ero molto affamata 🙂 Armata di matterello ho steso la mia piadina integrale all’olio d’oliva e ho preparato cipolle e peperoni alla piastra. E la sagra si è spostata a casa mia! 😀 Che vi devo dire… Le immagini parlano da sole! Ecco cosa vi serve per prepararla…

Ingredienti:

1 cup di farina integrale
1 dl di acqua fredda
1 pizzico di sale
3 cipolle medie
1 peperone
olio evo
sale, pepe

Procedimento:
Affetta la cipolla sottile e mettila a bagno in acqua tiepida con un pò di aceto di mele. Prepara l’impasto della piada mettendo in una ciotola la farina, 1 pizzico di sale, 3 cucchiai di olio evo, unisci l’acqua e impasta. Sciacqua e scola la cipolla e mettila sulla piastra molto calda con 1 cucchiaio di olio sale e pepe mescolando spesso. Quando saranno cotte trasferiscile in una ciotola e prepara il peperone alla stessa maniera. A cottura ultimata uniscilo alle cipolle, regola di sale e aggiungi 1 goccio di olio. Metti il testo sul fuoco, stira le piadine e cuocile 1 minuto per parte. Farcisci con la verdura, taglia a metà e servi :-P.


Buonissima e sana! Una ricetta che mipiacemifabene 😉 Alla prossima! Ciao 😀 Federica :-).

Leggi altre notizie con:
  1. buona la piada!io da marchigiana di nascita ne ho sempre mangiata un sacco e da anni solo in versione vegan! purtroppo non mangio peperoni ma mi hai fatto venire voglia di rifarla presto! ieri ho fatto l’injera, il pane etiope con la farina di teff!acidognolo e buonissimo!

    Reply
  2. E questa è molto meglio sicuramente che mangiarsi la salsiccia 😉

    Reply
  3. Che meraviglia Fede!!! 😀

    Reply
  4. viva la piada.. ovviamente la tua!!!

    Reply
  5. 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

    Reply
  6. sei la regina delle piade!!!! grazie di tutte le tue favolose ricette!

    Reply
  7. Buongiorno carissime!!!! Grazie a tutte!

    @nica: mi piacerebbe tanto vedere una foto del tuo pane etiope… Pubblicherai la ricetta?? Dai 😀
    @different: sicuramente molto meglio senza salsiccia!!! Per noi e per il maiale 😀 un abbraccio!
    @Eli: grazie cara :-*
    @darmasin: grazie grazie darma 😉 😀 smack!
    @vika: 😉 :-**************************************************************************************************
    @imo: grazie mille a te!! E’ sempre bello quando ti manifesti 😉 spero tutto bene 🙂 un mega bacione!

    Federica 🙂

    Reply
  8. Che fame!! Magari trovarle anche alle sagre delle piade così!

    Reply
  9. tutto bene fede!!! con due pargoli il tempo è poco in più la connesione ultimamente non mi lasciava aprire il blog! comunque silenziosa e ivisibile ti seguo sempre!!!! anche sul tuo blog!!!

    Reply
  10. Wow, tu sei veramente la regina delle Piade!! 😉

    Reply
  11. Gran bella faccia queste piadine! Te lo scrive una di Rimini che dopo anni di piade indigeribili allo strutto, ha scoperto che le piade fatte con la farina integrale e l’olio sono molto, ma molto meglio in tutti i sensi (io adesso ho scoperto anche che aggiungendo un pochino di lievito madre vengono ancora piu’ buone).

    Reply
  12. @gala: in effetti oggi ho fatto un altro giretto a santarcangelo e devo dire che anche se si respira una piacevole aria di festa per quanto riguarda gli stand enogastronomici non c’e’ proprio alternativa per chi vuole mangiare sano… Ripensandoci bene pero’ c’erano castagne carrube e pannocchie… venduti al peso dell’oro!

    Reply
  13. @imo: Che bello sapere che ci sei anche se non ti vedo!!! 😀 mi sono proprio affezionata a te 🙂 dammi un segno ogni tanto!! Un bacione a te e ai piccolini 🙂 ciao!!

    Reply
  14. Eheheheheh grazie @poly !!! 😉 smack!!!

    Reply
  15. Ciao @lillina 😀 anch’io sono di rimini 🙂 ultimamente molte piada e cassoni offrono piadine integrli all’olio! La mia preferita la fanno alle fontanelle a covignano 🙂 io mi prendo la piadina con insalata e gratinati… Buonissima ! Viene bene con il lievito madre ?!? E dire che io ho appena tolto completamente il lievito dalla piada…. Provero’ ! Grazie del consiglio e di essere passata 😉 ciao!

    Federica 🙂

    Reply
  16. Ciao che nostalgia, sono di Rimini ma ormai non ci abito piu’ da molti anni anche se ci torno regolamente. Terrò presente il consiglio della piada alle Fontanelle. Con il lievito madre viene bene, ma bisogna metterne poco e non lasciarlo lievitare (insomma non deve diventare pane!); in alternativa, se non ho lievito madre a disposizione, non metto nulla, ma lascio riposare a lungo l’impasto però.

    Reply
  17. Che buonaaaaaaaa!! Cipolle e peperoni è insuperabile!

    Reply
  18. @lillina: in effetti rimini ha una dimensione tutta sua. Poi ha di bello (anche di brutto) che e’ come un paesino 🙂 in inverno non so se le fontanelle sono aperte… Io quel posto lo associo all’estate. Quando fa molto caldo vado a mangiare la’ e a prendere un po’ di fresco tra le frasche deii colli riminesi 🙂 ….

    Tornando alla nostra piadina io ho notato che viene bene anche quando non la faccio riposare, quindi quando non so cosa mangiare impasto in 2 minuti e cuocio la piadina sul testo. Poi qualcosa per riempiela la rimedio sempre ed e’ sempre un successo 🙂 ti saluto rimini!! Un abbraccio 😀

    Federica 🙂

    Reply
  19. Ciao @furbilla 🙂 grazie!!! In effetti la piada con cipolla e peperoni e’ davvero un classico!!! Un bacione!!!!! Ciao 😀

    Reply
  20. Se qualcuna di voi ha difficolta’ a digerire cipolla e peperoni vi consiglio di masticare semi di cardamomo 🙂

    Reply
  21. Dai che bellina! Anche il digestivo! Io vivo di tisane al finocchietto e della Tisana della Luna.. buonissima e solidal (il mio compagno dice che sono dipendente). Ho curiosato tra le tue ricette, una più bella dell’altra, e ho “scoperto” (non ci voleva tanto) che vivi a Rimini, ci sono stata pochissimo tempo fa perché ogni tanto vado a trovare le mie nipotine e mia sorella.. è decisamente più accogliente di Parma 🙂

    Reply
  22. Mitiche! COME SEMPRE. I love you!

    Reply
  23. la provo di sicuro! Ma con che sostituiresti i peperoni? Il mio stomaco ci fa a botte….

    Reply
  24. ciao @furbilla 🙂 allora la prossima volta che vieni a fare un giro dalle mie parti avvisami che se riusciamo ci incontriamo 😀 il cardamomo è magico! provalo 🙂 se ti piacciono le tisane ti consiglio un infuso; alle tua tisana della luna aggiungi una fettina di zenzero fresco e 2/3 scorzette di arancia 🙂 buona, digestiva e rilassante 😉 ciao !!!

    Reply
  25. @jaja: grazie cucciola! <3
    ciao @emma 🙂 potresti mettere del seitan alla piastra, verdure gratinate, insalata… o quello che preferisci 😉 i peperoni ti danno fastidio anche spellati?? Prova a pestare con un mortaio dei semi di finocchio e uniscili ai peperoni… a volte si verifica il miracolo! 😉

    Un bacione!

    Federica 🙂

    Reply
  26. che bontà!! Non ho il testo.. ma magari in padella normale si può fare ugualmente che dici ?

    Reply
  27. Ciao @catmat 😀 grazie!!! A dire il vero il testo fa la differenza ma io stessa ho cucinato per molto tempo centinaia di piadine in una padella antiaderente (dal fondo spesso). Si puo’ fare tranquillamente ma ti consiglio comunque di procurarti il testo, se lo prendi col fondo antiaderente puoi grigliare le verdure in poco tempo e fare piade stratosferiche 😉 un bacione catmat! A presto 🙂

    Federica 🙂

    Reply
  28. Fede ti rispondo in ritardissimo, ho provato la tisana con le scorzette d’arancia ed è buonissima. Se passo a Rimini ti faccio sicuramente sapere! A prestooooooooooo!

    Reply
  29. Che deliziaaaaaaaaaaaaaaaaaa! Io, poi, mangerei cipolle anche a colazione!!!!!! 🙂

    Reply
  30. Ciao @furbilla! 🙂 grazie a te 🙂 sono contenta che ti sia piaciuta 🙂 oggi me la preparo anch’io ne ho proprio bisogno 🙂 manifestati se vieni a rimini 😀 un bacione!
    Ciao @annarella 🙂 la cipolla e’ buona e fa bene! Io non so se la mangerei a colozione ma la adoro per il suo sapore che rende speciale ogni piatto!! Mi viene in mente il mio adorato cous cous col peperone le zucchine, melanzane, basilico, curry e cipolla… Ecco, senza quest’ultima non e’ la stessa cosa 🙂 grazie annarella! Un bacionissimo!!!

    Federica 🙂

    Reply
  31. scusa l’ignoranza cos’e’ il testo??ho provato a farle x la prima volta in padella antiaderente ma sono venute spesse e non belle sottili come le tue .Puoi darmi qualche consiglio??grazie maurizia

    Reply
  32. Ciao maurizia 🙂 il testo e simile a una padella antiaderente ma molto piu’ spesso. E’ fatto apposta per cuocere la piada ma io cuocio quasi tutte le mattine i pancakes e puoi prepara delle ottime verdure alla piastra. Lo puoi trovare nei negozi di casalinghi, e’ davvero molto utile! Per quanto riguarda i miei consigli ti posso dire che la temperatura della padella deve essere molto alta ma non rovente, devi formare delle palline della grandezza di mandarino, le piade le devi stendere sottili e le devi lasciare cuocere 1 minuto per parte e non girarle piu’ di due volte. Poi e’ importante impilarle su un piatto in modo che trattengano l’umidita’. Con un po’ di pratica potresti diventare la regina della piada 😉 Fammi sapere le evoluzioni 😉 grazie per essere passata. A presto!

    Federica 🙂

    Reply
  33. Era tanto che volevo provare la piada vegan, a Faenza e dintorni, in ogni chiosco, le fanno con lo strutto!!
    Con i consigli di Federica mi metto subito all’opera…

    Reply
  34. Grazie @chiara 😉 la piada e’ buonissima! 😀 baci

    Federica 🙂

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti