Peachcake

La pesca… Un frutto profumatissimo e delizioso è la protagonista del giorno! Questo plumcake ha l’estate dentro! 😀

Ingredienti:
2 cups di farina integrale
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
1/2 cup di zucchero di canna
1 scorza di limone
1 pizzico di zenzero
1/2 cucchiaino di vaniglia
1/2 cucchiaino di curcuma
1 cup e 1/2 di latte di soia
4 cucchiai di olio evo
2 pesche

Procedimento:
Metti in una ciotola la farina, il lievito, il sale, lo zucchero, la scorza di limone tritata, lo zenzero, la vaniglia e miscela bene il tutto con una frusta. Affetta le pesche e tagliale in piccoli pezzi, aggiungile al resto e infarinale bene.  Unisci il latte di soia, l’olio e mescola bene. Trasferisci in uno stampo da plumcake e inforna a 180° per 40 minuti circa (consigliata la prova stecchino). Se hai pazienza di farlo raffreddare è ancora più buono!! 😉

Alla prossima ricetta! Federica 🙂

  1. Ho il frigo pieno di pesche…mmm mi stai tentando!

    Reply
  2. ciao romina, grazie 🙂 che bello!! io ho le ultime… sono alla frutta! 😉

    Reply
  3. Dev’essere buonissima +_+ (e ovviamente bellissima!!!)

    Reply
  4. una ricetta molto sfiziosa…brava a federica 🙂 🙂

    Reply
  5. ciao @luu 😀 grazie!!! smack :-***

    Reply
  6. Che voglia di plumcake con una tazza di latte di soia fumante…già me lo immagino 😀 con ancora il gusto dell’estate (le pesche). Mi dai la giusta carica per la “rentrée”!! Ottimo!!

    Reply
  7. Sembra morbidissimo! Io vorrei fare dei muffins nei prossimi giorni, secondo te posso usare questa ricetta e muffinizzarla?

    Reply
  8. mi hai regalato un sorrisone e voglia di fare qualcosaa di bello e buono in una giornata iniziata male, federica del mio cuor <3

    Reply
  9. Mi piacerebbe trovarlo domattina a colazione un dolce così!

    Reply
  10. grazie @terri! in questo periodo sforno torte, muffin e plumcake a volontà 😛 mi piacciono troppo. Proprio stamattina mi sono preparata una tazza di latte di soia con il caffe d’orzo e ci ho inzuppato una fetta di plumcake… che bel modo per iniziare la giornata!!! 😀 buon rientro terri! un bacione :-*
    ciao @greenmushroom 🙂 certo che puoi! sicuramente i muffin richiedeono meno tempo di cottura 🙂 secondo me saranno buonissimi 😉 ciao !
    @emma: tesorina! grazie!!! :-***
    ciao @gala 🙂 se abitassi vicino a me te lo porterei volentieri! 😀 grazie!

    Federica 😀

    Reply
  11. si,si.mi unisco al coro e ne voglio mezzo a colazione.altro che solo una fettina!

    Reply
  12. @valentina 😀 in effetti ci è voluta una bella forza di volonta per limitarmi ad una sola fetta… ciao, un bacione!

    Reply
  13. eccolo qui uno dei bellissimi plum-cake dei quali parlavo.. è l’anti mattonella ehehe… no comunque una fetta sola non esiste.. minimo due!

    Reply
  14. mamma mia darmasin… è proprio difficile limitarsi a una sola fetta! quando me lo vedo lì davanti ne mangerei 2…3 fette. sono una golosona! 😀 se di do 2 fette del mio “PeachCake” tu mi dai una fetta della tua mattonella??? 😉

    Reply
  15. Fantastico 😀 sai, ho lo stampo per plum cake ma ancora non mi sono cimentata: non so perchè, ho paura che non mi lieviti bene…mi sai dare qualche consiglio?
    fantastiche le pesche…le mie preferite sono le pesche noci bianche!! 🙂

    Reply
  16. ciao @cassie 🙂 non temere! intanto comprati un lievito di qualità e vegan. ne usi una bustina per 300/450 g di farina, aggiungi un pizzichino di sale e se vuoi anche 2/3 cucchiai di fecola oppure di maizena (anche se io non la uso spesso)… se fai torte con la frutta non esagerare nella quantità altrimenti rischi di appesantirle troppo. cuoci a 180 gradi e non aprire mai il forno per almeno mezz’ora…cavolino, vabbè che parliamo di ricette ma rileggendomi sembro un medico!!! 😉 guarda cassie non puoi proprio sbagliarti!! abbi Fede 😉

    Reply
  17. oh yes! sono x gli scambi culturali, sempre! 🙂

    Reply
  18. Son d’accordo con DarmaSin, almeno due fette!! Buono e bello ma che te lo dico a fare?? 😉

    Reply
  19. Fede: grazie 😀 allora proverò!! ma non saranno troppi 300 g di farina? il mio stampo è piuttosto piccolo…

    Reply
  20. Non ti smentisci mai! Sono piena di pesche e quindi non mi farò certo mancare questa tua delizia per colazione! Sembra sofficissima….=D

    Reply
  21. aggiudiucato domani compro almeno un paio di pesche! La devo fare assolutamente!

    Reply
  22. @darmasin: 😉
    Ciao @poly!! In effetti credo abbia ragione darmasina 😉 😀
    Ciao @cassie 🙂 non so che capienza ha il tuo stampo… In effetti il mio piu’ che da plumcake e’ da pane 🙂
    Ciao @laura 🙂 non sbagli; e’ davvero soffice 🙂 provalo!!! Un bacione, a presto 🙂
    Ciao @catmat 😀 allora fammi sapere se ti va 😉 un abbraccio!

    Federica 🙂

    Reply
  23. L’ho fatta ieri sera, aggiungendo anche un pò di cioccolata grattuggiata, amo il connubio pesche e cioccolata 🙂 E’ venuta proprio buona, brava come sempre Federica!

    Reply
  24. ciao @steffina 🙂 grazie!!! anch’io adoro pesche e cioccolato… 😛 a presto!!!

    Federica 🙂

    Reply
  25. siccome non voglio combinare un guaio come con i biscotti. La mia bustina di lievito baule volante è di 18 grammi e dice di usarla per 500 g di farina…ma tu ne hai usata, dimezzo o non dimezzo? that is the question!

    Reply
  26. volevo dire *ma tu di farina ne hai usato circa la metà 😉

    Reply
  27. Ho avuto l’idea geniale di dare una frullatina all’impasto per amalgamare pesca e farina al meglio. Dici che è per questo che è collassato tutto dopo che l ho tolto dal forno e l’interno è rimasto liquido? maria, ‘sti dolci…

    Reply
  28. I tuoi dolci sono sempre spettacolari!
    complimenti Fede!

    PS ma vieni da Pina?

    Reply
  29. ciao @emma! scusa… vedo solo ora i tuoi messaggi… io uso una busta per 2 cups di farina perchè la frutta appesantisce parecchio l’impasto. invece l’idea di frullare la frutta non so se è il massimo e mi permetto di dirtelo perchè una volta l’ho fatto anch’io con dei muffins alla fragola che sono risultati immangiabili… il fatto è che il rischio è che l’impasto non lieviti è le torte rimangano molto pesanti… sai, credo che la frutta si possa frullare e inserire negli impasti ma in piccolissime quantità. comunque fai bene a sperimentare, così magari inventi qualcosa di nuovo!!!! Smack!!!!

    Reply
  30. ciao @mirtilla! grazie cara 🙂
    purtroppo non riesco a pianificare. è possibile che io venga ma sicuramente non a dormire… però sto facendo con le mani e coi piedi 😉 ciao, un bacione!!!

    Federica 🙂

    Reply
  31. sì, misà che il problema è stato quello. Ma lo mangio lo stesso, perchè l’impasto è delizioso…Ne è caduto una goccina per terra e Zoe ha subito leccato via tutto! 😉 Dici che mi fa male mangiarlo così?

    Reply
  32. non credo ti faccia male 🙂
    non ti arrendere!! sai quante torte mi sono venute così?! adesso ormai ho le dosi e ho capito che andare a occhio non è un grande affare 🙂 è molto importante anche la temperatura del forno… i dolci senza uova richiedono una cottura più lunga e più bassa altrimenti si bruciano fuori… comunque sono diventata molto metodica soprattutto con i dolci; io misuro tutto!

    Reply
  33. giuro che ho pesato anche l’aria! L’unica libertà che mi sono presa è stata quella del frullare la pesca…e si vede che non dovevo prendere neanche quella 🙁 Cmq da fondatore del fun club federicagif visto che, come dici, i dolci necessitano di una precisione certosina, ti muovo una critica costruttiva: la prossima volta voglio vedere le grammature del lievito e della frutta al netto degli scarti! No perchè le mie pesche sembravano meloni e secondo me due sono state troppe. E poi, si fa presto a dire farina integrale, ma integrale di che? Segale, grano duro, tenero, orzo, saraceno @[email protected]

    Reply
  34. okay forse d’orzo non esiste. Però faceva numero 😛

    Reply
  35. eheeheheh hai ragione @emma 😀 io quando non specifico intendo un formato medio. faccio lo stesso anche per la farina. quando non specifico intendo quella di grano… comunque posso fare di meglio! 😉 un bacione emma!!! a presto

    Reply
  36. dai, non era che un maldestro tentativo di scaricare parte della responsabilità dei mie pasticci su qualcun’altro! bacio 🙂

    Reply
  37. si, c’è anche la farina d’orzo 🙂

    Reply
  38. comunque non c’è trucco. vedrai che con un pò di pratica ti verranno dei dolci buonissimi! perchè non ti procuri il cup?! è davvero tutto più semplice 😉 ciao, un bacione!

    Fede 🙂

    Reply
  39. Ciao flowerpower!! Grazie :-***

    Reply
  40. il cup ce l’ho già! Quello che mi manca è, come ben dici, la formula magica 😉

    Reply
  41. ma no dai emma, ti manca solo un pò di pratica 🙂 con tutta la passione che hai arriverai presto a fare dolci buonissimi sono sicura! un bacione!!!!

    Federica :-*

    Reply
  42. Pesche non le ho trovate ma me la tengo li in memoria… Ho deciso di prendere solo bio e quindi la frutta e la verdura mi devo attenere a quello che ha il contadino 🙂

    Reply
  43. Perfetto: ho detto al mio compagno di farmi dei muffin con questa ricetta 😉 ho tutti gli ingredienti ed anche le pesche!!
    e poi Federica sei veramente brava e anche ieri a bologna sei stata fantastica con i tuoi wraps 😉 semplici ma gustosi 🙂

    Volevo anche dire una cosina ad Emma..sei troppo forte, mi hai fatto ridere con i tuoi commenti ed evviva la farina d’orzo ehehh!

    Reply
  44. ciao @catmat 😀 anch’io seguo la stagionalità di frutta e verdura 🙂 credo che sia la cosa più giusta, per noi e per l’ambiente! prova a farli con altri tipi di frutta, magari con le prugne!! ciao, un bacione!!
    ciao @maddy! grazie !!! 🙂 Sono contenta che ti sia piaciuto il mio intervento al Sana, sono sempre molto emozionata quando cucino di fronte a tanta gente 🙂 allora fammi sapere com’è andata 😀 ciao, a presto!!

    Federica 🙂

    Reply
  45. sei un tesoro. smack 🙂

    Reply
  46. @maddy T vi terrò aggiornate coi miei pasticci, che ci divertiamo! 😉

    Reply
  47. Ciao,complimenti per questa ricetta!Io l’ho fatta ieri ed è stato un successone tenendo conto che mio marito è molto esigente! 🙂
    Ho però aggiunto un bicchierino da 125 gr di yogurt bianco di soya e tolto mezza tazza di latte perchè rende più morbido il tutto dato che la farina integrale tende a seccare.grazie ancora per le tue ricette che sono favolose!:)

    Reply
  48. Che carina @simona, grazie mille, anche per avermelo detto! Smack!!!

    Reply
  49. Fede, l’altro giorno l’ho fatta con una mela e una pera è venuta ottima anche se a 40 minuti di cottura alla prova stecchino dentro sembrava cruda e per un attimo ho tenuto il pasticcio ma a 50 minuti ara ok. Mi ispira con le prugne ! Che faccio , semplicemente le taglio a pezzetti?

    Reply
  50. Ciao @catmat 🙂 grazie mille per avermelo detto 🙂 sono contenta che ti sia venuta bene! Per la cottura io metto sempre “circa” perche’ dipende molto dal forno… I dolci senza uova devono cuocere parecchio, io a volte con tortiere particolarmente grandi supero anche l’ora a 180 gradi … La prova stecchino e’ fondamentale! 🙂 ciao cara catmat 🙂 un bacione e a presto 😀

    Federica 🙂

    Reply
  51. ce l’ho fatta, peachcake appena sfornato…non vedo l’ora che venga domattina…sarà la colazione più buona del west! 😉 grazie ancora per la ricetta carissima…y un beso topatì! 🙂

    Reply
  52. mi hai messo proprio voglia di plum cake!! Di nuovo!!! 🙂

    Reply
  53. Brava emma!!!!! Allora buona colazione!!! Fammi sapere 🙂 un bacione

    Reply
  54. Ciao @catmat 🙂 io ormai sforno plumcake a giorni alterni… Bisogna che mi dia una regolata… 😉 comunque se non si fosse ancora capito questo e’ il genere di dolci che piace a me 😉

    Reply
  55. Ah @emma!!! Sai, ti volevo dare un consiglio; taglia una bella fetta spessa e inzuppala in una tazza di latte di soia o di mandorle col caffe’ d’orzo… Prezioso consiglio vero!?! 😉 😉 mi e’tornata fame… Ciao cara 🙂 un bacione

    Fede 🙂

    Reply
  56. absolutely! eseguirò presto, ma non domattina: il caffè d’orzo lo dovrò prima comprare….sono forse l’unica italiana che non beve caffè nè surrogati 🙂 comunque grazie! 😉

    Reply
  57. se sono fortunata domani trovo qualche pesca chissà 🙂

    Reply
  58. @emma: anch’io non bevo caffè perchè quando l’ho fatto sono stata malissimo… peccato però, tutte le volte che sento il profumo lo vorrei tanto versare nel latte di soia. Così mi sono data all’orzo che mi piace abbastanza 🙂 Comunque non è obbligatorio consumare caffè e surrogati 😉 😉 😉
    @catmat: davvero?! vai a fare un giro tra gli alberi? io qualche volta vado dalla mia coltivatrice diretta 🙂 è una cosa che mi piace un sacco! 😀 Fammi sapere 🙂 ciao!!!

    Federica 🙂

    Reply
  59. niente pesche purtroppo… no.. niente giro tra gli alberi 🙂 , speravo solo che il mio contadino di fiducia ne avesse ancora qualcuna dove le porta al mercato ma non mi scoraggio… 😉 sarà le prima cosa che farò alla prossima stagione… per ora sostituirò frutta! 🙂

    Reply
  60. Beh, faremo senza pesche 🙂 bisogna seguire la stagionalita’ di frutta e verdura e sono sicura che con la tua fantasia non avrai problemi a trovare un altro frutto per il tuo plumcake 🙂 vedrai che verra’ comunque buonissimo 🙂 ciao catmat 🙂 un bacione!

    Reply
  61. devo ringraziarti per il consiglio della cottura dolce delle torte..l’ultima infatti ho tenuto 180 gradi ma anche meno e pur essendo abbastanza alta è venuta perfetta!! E anche l’infarinamento della frutta all’inizio è geniale!!

    Reply
  62. Ciao @catmAt 🙂 che bello!! Sono contenta che i miei consigli ti siano stati utili !!! Un bacionissimo! Federica 🙂

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti