Pasta con pesto di cavolo cappuccio viola

Pasta con pesto di cavolo cappuccio viola e’ un condimento diverso dal solito tutto viola. Questo ortaggio, oltre ad avere un bellissimo colore, contiene anche tante proprietà nutritive che restano intatte se mangiato crudo, è una ricetta estemporanea che ho preparato oggi a pranzo per utilizzare un pezzetto di verza rossa.

Da un po’ di tempo che non vi rendo partecipi delle mie ricette, adesso è arrivato il momento di condividerle con voi! Oggi vi presento un pesto diverso dal solito; un pesto tutto viola. Spero che stimoli le vostre papille gustative come lo è stato per me e per la mia famiglia. Adesso leggete e date inizio alla vostra immaginazione.

Ingredienti:
250 g di cavolo cappuccio
80 g di mandorle
50 g di pinoli
1 cucchiaino di rosmarino tritato
100 g di olio di oliva
cucchiai di succo di limone
50 g di pane integrale
2 cucchiaio di lievito alimentare
sale e pepe
1 spicchio d’aglio

Procedimento:
Tostare i pinoli in una padella, eliminare le foglie esterne del cavolo e tagliatelo a striscioline. Frullate le mandorle e i pinoli, poi aggiungete il cavolo cappuccio precedentemente tagliate, aggiungete il rosmarino, il sale, il pepe, il lievito alimentare, il succo di limone e l’olio. Aggiungete 70 ml d’acqua se troppo denso. Tagliate il pane a cubetti e frullatelo, per ottenere una mollica grossolana. Prendete una padella, mettete 2 cucchiai d’olio di oliva e uno spicchio d’aglio. Aggiungete la mollica e fatela tostare fino a quando non sarà dorata e croccante. Cuocere gli spaghetti in acqua salata. Appena cotti conditeli con il pesto. Per finire guarnite il piatto con la mollica.

  1. Che bella ricetta. La provo sicuramente, amo il cavolo viola!!!

  2. Interessante e invitante… Adoro queste preparazioni dall’aspetto rustico…
    🙂

  3. Che bell’aspetto mi piace questa abbinamento molto particolare

  4. Un bel pesto colorato assolutamente da provare!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti