Vegcarbonara

L’ennesima vegcarbonara? Può essere, ma io questa ancora su internet io non l’ho vista. Come al solito, una volta che in frigo ci sono Soyacetta e Cacio dragoncello, la ricetta è roba da 10 minuti…
Vegcarbonara poco calorica
Ingredienti:
280 g di matassine shiritake (o qualsiasi tipo di pasta, kcal 42, kcal 15/100 g)
20 g di mostarda di Digione (senza zucchero kcal 12, kcal 60/100 g)
25 g di lievito di birra fresco (kcal 12.96, kcal 54/100 g)
17 g di Soyacetta (kcal 19.23, kcal 113.1 kcal /100 g)
42 g di Cacio dragoncello (kcal 16.56, kcal 39.44/100 g)
3 g di proteine isolate della soia (kcal 11.37, kcal 379/100 g)

Procedimento:
In una ciotola mescoalare il lievito di birra, la mostarda e le proteine isolate della soia e lascaire riposare: le proteine daranno volume, consistenza e cremosità al tutto. Preparare gli spaghetti o gli shiritake al solito modo. Grattugiare il cacio dragoncello, che sa molto di pecorino romano, un po’ meno salato, ma simula alla perfezione, a mio avviso, il mix parmigiano/pecorino della ricetta originale. Infine, in padella anaderente scaldare leggermente la soyacetta e saltare gli spaghetti amalgamando la crema di lievito e la mostarda di  Digione e una parte del cacio dragoncello. Impiattare e aggiungere il rimanente cacio.

Considerazioni:
È una vegcarbonara con poche calorie (circa 114 in tutto), soprattutto se si utilizza pasta di konjac. Anche nel caso di normali spaghetti, l’effetto sulla glicemia della farina verrà mitigato sia dalle proteine della soia e della soyacetta, che dalle fibre del cacio dragoncello. No colesterolo in questa carbonara… un bel po’ di vantaggi rispetto alla versione crudele. Onnivori, meditate!!!

  1. che shiratake hai usato magica R!?

    Reply
  2. Queste matassine http://www.asia-market.it/shop/shirataki-di-konjac-c-56/shirataki-di-konjac-formato-matassine-200g-p-1710.html
    che però sgocciolate risultano 150 g e non 200g come dice nel sito !!! arghhh

    Sono un pochino più grosse degli spaghetti e non so decidermi quale dei due formati preferisco. Le matassine ricordano molto i nostri spaghetti di grano, sono meno gelatinosi, e meno attorcigliati. Insommasi rotolano bene con la forchetta, mentre gli spaghetti secondo me si mangiano meglio con gli chopsticks

    Reply
  3. Ma se la provo con gli spaghetti???

    Reply
  4. io acchiappo quasi tutto con i chopsticks oramai 🙂 dopo un lungo periodo di addestramento serrato!

    Reply
  5. si differen, anche con gli spaghetti normali va benissimo. Consiglio con i soba, quelli di grano saraceno, molto saporiti.
    Si Luca, anche io sempre chopsticks: comme dice una mia amica Kirzika, le pietanze mangiate con i bastoncini sono più buone !!! Verissimo. Diciamo che unica eccezzione sono gli spaghetti: con i chopstick non si gustano tanto. Con la forchetta ti puoi fare dei bocconi da masticare con calma e gustarli fino in fondo. Ogni regola ha la sua eccezione, no?

    Reply
  6. Dimenticavo: per imparare subitissimo a usare gli chopstick basta pensare che sono una estensione delle proprie dita … con questo pensiero si riesce, da subito, a prendere qualsiasi cosa, e li uso anche per cucinare. Magie della meditazione consapevole (zen) !!

    Reply
  7. oh si pure io li uso per cucinare 🙂 ed è verissimo ciò che hai detto ogni regola ha la sua eccezione se no non sarebbe una regola

    Reply
  8. Di carbonare non ce ne sono mai abbastanza, bisogna provarle tutte!!! Questa tua versione è ottima 🙂

    Reply
  9. P.S. Anche per me, bastoncini a tutto spiano!!!!!

    Reply
  10. Oggi ne ho provato una un po’ diversa invece delle proteine della soia 2g di gomma di xantano e almeno 50ml di acqua. È venuto un veg uovo sbattuto cremosissimo e soprattutto sembravano due uova giganti sbattute! Anche il sapore era più di uovo: meno dolce e più … Insomma proprio come un uovo che se lo mangi crudo ti sembra che scivoli in gola

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti