Colomba vegan con pasta madre

Ed ecco la versione per chi usa la pasta madre… si troverà una colomba più fragrante, croccante sopra e meno tendente al secco quando la si conserva 😀

Ingredienti:

500 g di farina di manitoba tipo 0
150 g di pasta acida (pasta madre)
300 g di acqua
150 g di malto di mais
100 g di olio di mais spremuto a freddo
100 g di mandorle tostate e tritate
2 arance (si utilizza la buccia grattuggiata e il succo, quindi è meglio se sono bio)
1 cucchiaio di pasta di nocciole (facoltativa)
5 g di sale
5 g di cannella
50 g di mandorle in scaglie

Procedimento:
Sciogliere 150 g di pasta acida in 300 g di acqua e aggiungere 500 g di farina. Amalgamare il tutto e coprire con un canovaccio. Lasciare riposare per 4 ore circa in ambiente caldo (per esempio un pensile sopra la cucina). A questo punto nell’impasto si saranno formate delle bollicine segno della fermentazione. Si aggiunge il sale, la cannella, 1 cucchiaio di pasta di nocciole (facoltativo), il succo e la buccia di 2 arance (facendo attenzione a grattare solo la parte arancione), le mandorle tostate e tritate, l’olio di mais e il malto di mais. Si amalgama bene l’impasto fino ad arrivare a una consistenza morbida appiccicosa. Se dovesse essere troppo duro o troppo morbido si aggiunge a seconda dei casi un po’ di acqua tiepida o di farina, ma senza esagerare nelle quantità per non alterare le proporzioni iniziali. Colare l’impasto nella forma della colomba (in commercio si trovano anche forme di cartone adatte per il forno che non c’è bisogno di ungere) e si lascia riposare per 2 ore circa, sino a quando l’impasto non raddoppia il suo volume. Facendo molta attenzione, si inforna a 190° per circa 1 ora. A metà cottura, è consigliabile dare un’occhiata al forno e se la parte superiore della colomba ha preso già troppo colore, la si può proteggere cn un foglio di carta stagnola. A fine cottura, spalmare con un pennellino una miscela di malto e acqua (3 a 1) e guarnire con mandorle in scaglie leggermente tostate. Da servire fredda.

Nota:
Ricetta a cura di Pasquale Boscarello, pubblicata su AAM Terranuova, Aprile 2007, pag. 16-17

  1. bella la colomba pasquale ma ….manca per caso lo zucchero?

  2. Ciao Sunny Erbaviola ha usato il malto di mais come dolcificante al posto dello zucchero 🙂
    Prima o poi mi dovrò cimentare in un capolavoro così 🙂

  3. oh ! scusa non avevo notato tra gli ingredienti il dolcificante “Malto di Mais” . come non detto . mi sa che provo a farla nei prossimi giorni visto che pasqua e´alle porte . grazieeeee

  4. Ciao, sono entusiasta ancora prima di iniziare, ma non sono molto esperta. Non ho mai preparato la pasta madre (sono intollerante al lievito di birra) di cui ho trovato la ricetta.. praticamente il lievito madre non è altro che farina e acqua fermentati a quanto ho capito? cmq appunto ho letto di mescolare 100 gr acqua e 100 farina il 1° giorno, poi 50 gr per i successivi 4. Si tratta di farina normale? E poi alla fine prendo solo 150 gr del risultato. Va consumata subito, alla fine del 5°? il restante non si conserva immagino? grazie mille silvia

  5. Scusa è malto di orzo o malto di mais?
    Non riesco a capire.
    Ciao e grazie

  6. Ciao Marina, purtroppo Erbaviola non ha ancora risposto però io sto lavorando alla pasta madre. Io ho trovato il “malto di mais” vero e proprio e nei suoi ingredienti c’è scritto che c’è una percentuale di mais ed una di orzo, quindi forse sono sostituibili.. sullo scaffale c’era anche il malto di orzo a base solo di orzo comunque. ciao

  7. Non riesco più a trovare la ricetta che hai pubblicato per fare l’olio per i capelli fatto dai semi di lino, se riesci a farmela avere ti sarei grata, grazie.

  8. oddio!ho letto ora i commenti! io ho comprato lo sciroppo di mais… è una cosa diversa? devo prendere il malto di orzo allora?

  9. HELP!!!!!! Dopo aver mescolato tutti gli ingredienti, l’impasto deve rimanere molle o dovrei riuscire a formare una palla tipo quella della pizza?!?!? Ho già aggiunto un po’ di farina e zucchero integrale di canna xké credevo fosse troppo liquido!! Grazie!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti