Nasi goreng: riso all’indonesiana

Nasi goreng: riso all’indonesiana Se siete amanti della cucina indonesiana, sicuramente vi siete imbattuti nel nasi goreng, una delle ricette simbolo di questo Paese. scopri con questa ricetta come farlo nella versione vegan non te ne pentirai.

Se siete amanti della cucina indonesiana, sicuramente vi siete imbattuti nel nasi goreng, una delle ricette simbolo di questo Paese.
Chi non l’ha ancora assaggiato né ne abbia mai sentito parlare deve sapere che nasi goreng significa “riso fritto”, anche se al dire il vero è bollito e poi passato in padella. Nonostante questa terminologia alquanto umile, è un piatto a dir poco fantastico: è squisito, leggero e al tempo stesso molto nutriente e saziante e per di più se ne può facilmente fare una versione vegana!

La versione originale, oltre alle verdure, prevede l’utilizzo di pollo e/o gamberetti per poi essere servito assieme a un’omelette o con un uovo all’occhio di bue. Una volta pronto, viene condito sia con del sambal oelek sia con del kecap manis. Il primo è un piccantissimo condimento a base di peperoncino tritato e lime; il secondo, invece, è una ricca e dolce salsa a base di soia e zucchero di canna.

Per realizzare la ricetta odierna per il nasi goreng non useremo alcun tipo di ingrediente di origine animale né tanto meno vi chiedo di andare a cercare le salse alle quali ho appena accennato poiché useremo degli ingredienti semplici e facilmente reperibili presso i supermercati. Nonostante alcune piccole variazioni rispetto al metodo originale, il risotto che ne scaturirà sarà bello profumato, saporito e molto colorato. La lista degli ingredienti e il procedimento potranno sembrare lunghi, ma vi assicuro che l’esecuzione è semplicissima e, una volta servito in tavola, il suo aroma vi trasporterà come per incanto in una delle esotiche isole dell’Indonesia…

 


Ingredienti per 4 porzioni:

200 g di riso basmati
3 cucchiai di olio di semi
1 cipolla (io ho usato quella rossa)
12 funghi champignon
½ broccolo
1 peperone
¼ di cavolo rosso
1 porro
½ cucchiaino di cumino in polvere
½ cucchiaino di coriandolo in polvere (opzionale)
Sale qb

Per il tofu:
400 g di tofu al naturale
3 cucchiai di salsa di soia
2 cucchiai di olio di sesamo

Per la salsa:
un pezzo da 3 cm di zenzero fresco
1 spicchio d’aglio
2- 3 peperoncini freschi
6 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 cipollotto (solo parte bianca)
3 cucchiai di salsa di soia
3 cucchiai di zucchero di canna grezzo (o di sciroppo)
scorza e spremuta di 1 lime
sale qb

Per servire:
parte verde di 1-2 cipollotti
sott’aceti (opzionale)
4 spicchi di lime (opzionale)

 

Procedimento per il riso:
Come prima cosa, preparate il riso, lavandolo accuratamente sotto l’acqua corrente (è uno step importante altrimenti otterrete del riso appiccicoso), quindi versatelo in una pentola insieme a 250 ml di acqua fredda (ovvero nella ratio di 1:1.25). Coprite la pentola con un coperchio e portate a ebollizione. Quando l’acqua inizia a bollire, diminuite la fiamma al minimo, e lasciatelo cuocere fino al totale assorbimento dell’acqua. Una volta assorbita tutta l’acqua, spegnete il fuoco, mescolate il riso e lasciate la pentola col coperchio sulla fonte di calore per un minimo di 10 minuti.
Una volta passati i 10 minuti, togliete il coperchio, mescolate di nuove e lasciare raffreddare. Potete preparare il riso anche il giorno prima.

Procedimento per il tofu:
Tagliate il tofu a cubetti.
Mescolate gli ingredienti della marinata, quindi versateli sul tofu e mescolate molto bene (se avete un contenitore col coperchio, shakeratelo in quel contenitore chiudendolo prima). Lasciate marinare per il tempo di realizzazione degli altri step della ricetta.

Procedimento per la salsa:
Preparate gli aromi: pelate lo zenzero e l’aglio, private il peperoncino dei semi interni, private il cipollotto delle estremità. Mettete tutti gli ingredienti della salsa nel contenitore di un frullatore e lavorate fino a ottenere una salsa grossolana. Una volta pronta, aggiungete la scorza grattugiata di un lime, quindi la sua spremuta e un pizzico di sale. Mescolate bene.

Procedimento per il nasi goreng:
Preparate le verdure: sbucciate la cipolla, quindi tagliatela a rondelle; dividete il broccolo in rosette; tagliate il peperone a strisce; afettate finemente il cavolo; private il porro delle estremità e tagliatelo a rondelle.
Scaldate 1 cucchiaio di olio in un wok o in una padella abbastanza grande, quindi aggiungete il tofu e cuocetelo a fuoco vivace per 2 – 3 minuti, friggendolo su ogni parte, quindi toglietelo dalla padella e mettete da parte.
Versate l’olio restante sul wok, quindi aggiungete le verdure in ordine seguente lasciando 1 minuto tra ogni ingrediente: la cipolla, il broccolo, il peperone, il cavolo e il porro (non dimenticatevi di mescolare ogni ingrediente), cuocete per 1 minuto, dopodiché trasferite le verdure in una ciotola.

Diminuite il fuoco al minimo e, servendovi della stessa padella, versate la salsa piccante insieme a 2 – 3 cucchiai di acqua, mescolate velocemente e cuocete per 2 minuti.
Spezzettate il riso con le vostre mani, aggiungendolo alla salsa, quindi mescolate molto bene e aggiungete il coriandolo e il cumino. Cuocete per 2 minuti a fuoco medio, quindi aggiungete le verdure e mescolate delicatamente.
Dividete il vostro nasi goreng in 4 porzioni. Prima di portarlo in tavola, decorate ogni piatto con il tofu fritto, la parte verde del cipollotto tritato, spicchi di lime e 2 cucchiai di sott’aceti se li usate.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Per conoscere meglio VEGANOK, scarica qui il nostro rapporto di impatto Etico.
Renata Balducci, presidente di Associazione Vegani Italiani e fondatrice di Veganblog
  1. Gian Maria Cavalieri 26 Gennaio 2021, 08:52

    Non ho mai provato la cucina indonesiana ma questo piatto con il suo tripudio di colori mi ha messo curiosità.
    Grazie per la ricetta 😉

    Reply
  2. Non conosco la cucina indonesiana ma questo piatto sembra buonissimo e anche saporito 🙂 bella ricetta

    Reply
  3. Interessante questa ricetta, da provare! Grazie mille

    Reply
  4. Non conosco questa ricetta ma sembra davvero invitante!

    Reply
  5. Mamma mia che bontà!
    Voglio proprio replicarla , queste preparazioni sono la mia passione .
    Grazie per l’idea!

    Reply
  6. Che bellissima tavolozza di colori !

    Reply
  7. Un vero e proprio quadro d’artista

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti