Liquore di rosa canina

La rosa canina, grazie alla presenza delle antocianine, oltre ad una forte azione anti ossidante e quindi anti tumorale, protegge i capillari diminuendone la fragilità. Ha anche un leggero effetto lassativo.
Rosa Canina
Ingredienti:
380 cc di alcol
400 cc di acqua
350 g di zucchero
20 bacche di rosa canina (cinorrodi)
rosa-canina1
Procedimento:
Mettere in infusione nell’alcol, per 20 giorni circa, 20 bacche di rosa canina. Trascorso il periodo togliere l’alcol e tenere a bagno le bacche per 1 giornata circa nell’acqua. Aggiungere all’alcol lo zucchero e l’acqua aromatizzata. Agitare fino a completa soluzione dello zucchero. Non c’è bisogno di farlo tutto in una volta. Far maturare il liquore 1 mese prima di berlo. La dose che ho dato è per 1 l di prodotto finito. Dalla foto si vede che ne manca un po’… l’assaggio. Sapore gradevole, facile da fare. Il colore è quello naturale, non è stato aggiunto altro. Può variare a seconda del colore delle bacche raccolte. Resa 1 l a 35.6° circa. Voto 7.

  1. MMM hai dimentico una cosa fondamentale sulla rosa canina: è buonissima!

    bless and love!

  2. Interessante utilizzo della rosa canina. Il può variare a seconda delle bacche raccolte vuol dire che lo puoi fare con altri tipi di bacche??? Che so mirtillo rosso???

  3. MastroMagoMichele… 😳 : stavolta ti sei superato 😉 ! E’ troppo bello ‘sto liquorino e la Foti delle bacche é perfetta 😀 !
    💡 ! Sto pensando… 🙄 perché non fai anche l’Acqua Michela di Rose? 🙂
    L’alcool ci vuole e poi … vedi tu 🙂 !
    Dai ti prego…

  4. different : Volevo dire che il colore può variare sempre usando rosa canina perché se uno le raccoglie a novembre dicembre sono più rosse e fresche (lo consiglio) se invece le raccogli a gennaio febbraio sono un po’ più secche e gialle (ecco il mio colore). Per quello che riguarda altre bacche , cerca tra i miei articoli e troverai mirtilli, ribes lamponi, more ecc ….Guardateli un po’ tutti, magari i titoli e se c’è qualche cosa che ti incuriosisce prova, sono tutte ricette sperimentate.

  5. Lali64 e Luca Grazie !!!! A Lali64 dico rose non so, non mi attirano e poi spesso danno dei pesticidi, non mi fido. Ma a breve, forse il prossimo che pubblico è fatto con un fiore, del mio colore preferito, il Viola. E’ già pronto ma volevo aspettare un po’ di giorni per anticipare la ricetta alla fioritura ma non troppo altrimenti passa nel dimenticatoio. Cosa sarà ? Proviamo a vedere chi indovina

  6. potrebbe esser la lentiggine o la viola mammola o il glicine o le surfinie..sono tantissime è difficile! 🙂

  7. Michele io intendevo chiederti se potevi preparare un profumo… :mrgreen: !
    Per quanto riguarda le previsioni mi butto: …. Fiordimelo? 🙂

  8. Per il colore viola anch’io penso alla viola mammola (qui in città a Trento ci sono già) perché per il lillà ancora é presto 🙄

  9. Ah ok scusa 🙂 grazie do un occhio … ma ti leggo da un po’ anche se commento solo ora …

  10. No, no, non ci siamo le avete nominate tutte meno quella . Si fanno i profumi anche con quella, è la L…… ! Per fare i profumi ci vuole il distillatore, poi evaporano. I liquori rimangono in corpo, danno energia, calorie, disinibizione, sciolgono la lingua, sbronzano,…ti spaccano il fegato. Dai uno sforzo e avete indovinato la pianta è un cespuglio .

  11. Ho capito: é la lavanda! 🙂
    Ma qui bisogna aspettare ancora un mese o più perché fiorisca 🙄 …
    MagoMichele… per le acque profimate non serve il distillatore… e neanche per i tonici di bellezza. Perché non provi? 🙂 Io non posso bere i liquori ma mi piacerebbe usare a titolo cosmetico i cocktail di erbe profumate 😉

  12. Brava Lali hai indovinato ! La ricetta la metto per tempo in modo che al momento della fioritura chi si vuole impegnare ha già tutto pronto. Per le tue essenze non ti prometto niente. Magari una prova. Il liquore di lavanda sa fortemente di lavanda, l’ho fatto ad agosto scorso, ma mi riproponevo di metterlo su adesso perché non andasse nel dimenticatoio. Ovviamente togliendo lo zucchero !! Quanti gradi fa un acqua profumata ? Non sono esperto di queste cose da bravo maschietto vecchio stampo !

  13. la lavanda!!! mi era proprio sfuggita!

  14. Si Mago, ma i più grandi “nasi'” per la produzione di profumi sono appunto maschietti eheh 😉
    Mal che vada mi metterò addosso il tuo liquore alla lavanda o quello di rosa canina (Bau Bau :mrgreen: ) così tutte le api, bombi, vespe e coleotteri mi inseguiranno quando esco di casa… Il tal caso potrei dire di essere una donna che lascia uno SCIAme di profumo anziché la scia 😉 !
    Ho letto su Internet qualcosa che fa per me x la produzione di tonico all’acqua di rose. Era sul sito http://www.edenstylemagazine.it . Per 70,4 g di acqua distillata hanno usato 15 g di alcool Bongusto oppure si può fare anche con 47,4 g di acqua e 35 g di vodka pura. Mi pare che “g” stia per gocce 🙂

  15. Comunque Lali il rapporto è sempre quello, gocce o grammi che siano. Per me sono grammi, come fai a fare 47,4 gocce ?
    Entrambe le preparazioni sono sui 16 – 17 gradi alcolici finali. Tu mi fai divorziare !!! Già la moglie sbrontola che spendo troppo per l’alcol (e ha ragione) fammi fare anche i profumi…. Visto dove abiti potresti anche fare la ninfa dei boschi, ti posizioni a lato di un abete e spargi aromi per la delizia dei turisti !

    X Luca : con la rosa canina ci puoi correggere anche la grappa , aumenta le bacche di un 50% e due mesi di infusione e bevi in coppa !

  16. Va bene, desisto :mrgreen: !
    Il matrimonio é sacro! 🙂
    Magari mi farò aiutare dagli abitanti di Laliland per fare qualche intruglio… e chissà che non venga fuori una Lalifragranza 😉 !

  17. è buonissimo !
    Michele Allochis lo faccio anche io da anni, è un prezioso liquore dal sapore eccellente!
    A noi piace tanto…(le bacche le raccolgo a novembre dicembre e viene un po’ più rosso)

    Provatelo!!!

  18. Patrizia dici benissimo, infatti nei commenti soprastanti dicevo a Different del problema del colore. Io è la prima volta che lo faccio e ci ho pensato un po’ tardi. Ormai tante bacche erano cadute e le superstiti erano ingiallite. Ecco il perché del colore “aranciato”. Visto che è la prima volta che lo faccio hai qualche suggerimento ? Grazie

  19. Questo liquore è curativo! Ottimo Michele, grazie dei tuoi consigli preziosi e le tue condivisioni 🙂

  20. e bravo il mago alchimista,hai colpito ancora grazie copioed incollo con piacere

  21. Michele, si avevo letto del periodo di raccolta delle bacche, oltretutto in ogni regione il momento adatto alla raccolta può variare un po’ anche in base all’altitudine, io ad esempio vado a raccoglierle il alta collina (lontano dalla città) la tua ricetta mi sembra ottima, la mia ricetta (presa da un libro) prevede più cinorrodi e l’utilizzo dopo aver tolto i semini dentro (un lavorone!) mi sa’ che proverò anche la tua, la prox stagione.
    Ci si fa’ anche la confettura con le bacche, è squisita!

  22. Patrizia è facile che il colore dipenda anche dalla quantità dei cinorroidi. Quanti ne mette x litro la tua ricetta ? Magari provo la prossima volta con quella dose. Le altre colte che avevo usato la rosa canina, sempre come componente insieme ad altre erbe di amari, avevo preso quella secca di erboristeria e avevo notato che mi dava una colorazione rossa. Grazie del suggerimento se puoi.

  23. Non sono un’amante dei liquori, ma se riuscissi ad inventare un simil zabaione per fare il bombardino trentino…..ti farei un monumento 😉

  24. Soei99 per simil zabaione credo di aver capito, un liquore denso morbido avvolgente ma il bombardino trentino che cos’è ? Io del Trentino conosco le grappe, il Capriol, l’amaro alpino, ma del bombardino non conosco nulla. Descrivimi e suggerisci , non poniamo limiti alla provvidenza

  25. MMM il bombardino è una bevanda tipicamente invernale a base di panna, zabajone caldo, brandy e caffè (poi varia da paese a paese anzi da persona a persona direi) 🙂

  26. Il bombardino è una bevanda servita calda con panna montata a base di zabaione, brandy e caffè anche se quest’ultimo puoi anche ometterlo. Dipende da come lo vuoi 🙂

  27. Praticamente quello che si prende in montagna per uscire incoscientemente di pista ! Il problema, e Luca lo sa, perché mi aveva fatto una domanda simile, sull’uso dell’uovo non uovo per fare lo zabaione. Su queste materie siete migliori di me. Io vi posso solo suggerire un rapporto . Considerando un brandy o grappa a 40-43 gradi fare un miscuglio di 2/3 di brandy e 1/3 di crema e caffè da scaldare ed amalgamare

  28. ma certo Michele,
    per la quantità di alcool che hai usato tu, dovresti metterne 200 grammi (netti, cioè senza i semini)
    le altre porporzioni suno uguali alla mia ricetta

  29. Patrizia, che ti devo dire, la pratica ha sempre ragione sulla teoria. Non mi avessi detto che sono anni che lo fai e che ti viene buono, avrei detto che 200 gr. per poco più di 1/3 di litro sono troppi. Sono talmente curioso che vado dall’erborista e ne prendo 200 grammi e provo. Magari il colore e sicuramente anche un po’ il sapore,essendo bacche secche, cambierà un po’ ma tentar non nuoce. Praticamente 1/2 kilo circa a litro d’alcol, mi puoi confermare ? Grazie

  30. La ricetta è presa da un libro, il peso quello che ho indicato
    però io l’ho sempre preparato ‘solo con cinorrodi freschi’,
    quindi non so’ come verrebbe il gusto se le bacche fossero secche,
    anche la proporzione per la quantità di cinorrodi non è la stessa con bacche secche o fresche,
    ma tu sicuramente sai ricalcolarla.

  31. Grazie Patrizia , mi hai detto quello che volevo sentire e cioè l’esperienza pratica, è quella che conta. Aspetterò qualche mese e mi procurerò i cinorrodi freschi. Probabilmente, essendo più umidi, assorbono meno e contengono anche più sostanza. A parte che li ho usati con i semini, ma non li avevo pesati. Avevo elaborato una ricetta che però parlava di grappa corretta con rosa canina. Siccome l’alcol, avendo il doppio (almeno) dei gradi rispetto alla grappa comune, ha anche più proprietà estrattive, ho ridotto il numero delle bacche. Bene, grazie ancora e…per Natale avrò la prova fatta

  32. di nulla Michele figurati, a Natale mi dirai che ne pensi,
    io contemporaneamente proverò la tua ricetta appena avrò i cinorrodi…
    a presto.

  33. Ciao Michele!!!!!! Hai già dato fondo alle scorte di liquore al l’erba iva ?? 😉 ti scrivo perché avevo salvato questa tua ricetta e adesso che in giro ho trovato le bacche di rosa canina ( che nel mio dialetto si chiama “stopa cu” , chissa perché?? Forse per la forma a supposta? Boh, comunque mi ha sempre fatto ridere) l’ho fatto e proprio stasera mi sono resa conto che era già finito! Accidenti, ne avevo fatto poco per assaggiarlo… Ho messo meno zucchero rispetto alla quantità che hai indicato, ma è venuto buonissimo, infatti dopo due, dico DUE giorni che l’ho aperto qua a casa e già finito…. Va bene che siamo in tanti qua a casa…. Ma almeno un secondo cicchetto mi avrebbe fatto piacere! S’ha da rifà !!! Intanto grazie, a presto!!! Saluti!!

  34. El ahrairah hai fatto bene a mettere meno zucchero, si può bere anche con lo zucchero che ho indicato io ma mettendocene di meno esalti di più l’amarognolo delle bacche. L’Erba Iva ? Son 3 volte che lo rifaccio, mi sta piacendo tantissimo, ha un sapore stupendo (solo il Genepy) gli è superiore). Lo faccio assaggiare e ricevo complimenti. L’altra sera l’ho portato al club dei tifosi Viola , l’ho fatto assaggiare dopo cena con ottimi apprezzamenti tanto che finita la partita (male) si sono voluti consolare con un altro giro. Ormai è entrato a far parte di quei 10 liquori che terrò sempre pronti. Il nome sarà “Stapa cu” o “Stopa cu” visto che hanno un leggero effetto lassativo?

  35. Sono contenta Michele!!! Anche per me rientra fra i preferiti, anche se in vetta rimane la grappa di uva americana ( o di Merlot, ma di americana mi piace di più) . Hai fatto benissimo a condividerla in quei contesti, si sa che un goccio tira su sempre… O tira su o riscalda, di pretesti ce ne sono tanti 😉 stopa cu l’avevo sempre inteso al contrario (stopa nel senso di “fa il tappo”) non sapevo fosse leggermente lassativo! Buono a sapersi ! Stai bene, a presto!

  36. El ahrairah hai evidenziato una falla nelle mie conoscenze. Io la grappa di uva americana non la conosco. Ne conosco tante, da quella di Brunello a quella di Verdicchio, tutte simili ma con ampie sfumature, ma quella di uva americana proprio no. Che dici il liquore di Erba Iva fatto con la millefolium o con la moscata sarà molto differente? Da me in erboristeria avevano dato la Millefolium.

  37. Ciao Michele.. mi diletto da qualche mese nella produzione di liquorini ottenuti da varietà di piante,frutti,erbe bacche spontanee raccolte tra le montagne della mia terra..mmh vivo in Sicilia 😎😃 mi sono riusciti tutti benone.. tranne quello di cinorrodi.. mmh in pratica dopo aver aggiunto l’infuso di acqua e zucchero.. si ha in atto una reazione che non collega bene il tutto.. dopo qualche ora si nota una separazione velosa mmmh! Non capisco perché ,riusciresti a darmi qualche spiegazione? Grazie ☺️ P.s ho più di 40 anni meno di te.. maestro

  38. Onestamente non so cosa dirti . Le hai raccolte adesso ? Forse erano troppo fresche ? A me non lo ha fatto. Sei sicuro che fossero di rosa selvatica ? Comunque lascia riposare per 15 20 giorni e prova a mettere nel frigorifero in modo che la bottiglia stia ferma. Se fosse una parte grassa dovrebbe consolidarsi e potresti prelevarla in gran parte. Oppure l’acqua che hai usato è molto ricca di calcio e intorbidisce . Filtrando non va via questo velo torbido ?

  39. Ciao Mike..grazie per la tempestiva risposta. Se mi lasci L indirizzo email ti manderò una foto magari riuscirai a farti un idea migliore. Mentre adesso ti darò più dettagli: Le bacche sono state raccolte nel mese di aprile/maggio molto asciutte dentro ma con un grande aroma.. effetto” appassito”. Ho usato dell’acqua di sorgente naturale.. mmh non so se è ricca di calcio.. ma suppongo che anche gli altri liquori dovevano intorbidirsi, se per questa causa. Ho comprato dei filtri potrei farlo depositare e poi filtrarlo nella stragrande maggioranza.. ma mi rendo conto che tolta quella parte che aggitandola si amalgama per qualche ora.. toglierebbe tanto aroma al prodotto finale.. dato che anche visivamente.. da un arancione brillante si passa ad un arancio pesca! Mmh una domanda L infuso di acqua e zucchero deve bollire o sobbollire? Potrei ottenere la miscela a freddo facendo sciogliere naturalmente tutto lo zucchero ?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti