Decotto di salice

… contro l’influenza! Nonostante io non abbia l’influenza da quando ho cambiato la mia dieta, circa tre anni fa, circa sei mesi fa con il cambio di luogo e di modo di vivere ho avuto un po’ di febbre e debolezza e in questo eco-villaggio in cui stavo mi hanno consigliato di bere questo decotto di salice ed è stato di grande aiuto. E’ vero, sicuramente agisce in modo più lento, ma visto che non ho nessuna intenzione di assumere medicinali, ecco qui la soluzione!

Ingredienti:

1 cucchiaino di corteccia di salice
100 ml di acqua

Procedimento:
Mettiamo corteccia ed acqua in un pentolino e facciamo bollire per circa 10 minuti e lo lasciamo riposare per altri 15 minuti. Filtriamo e beviamo.

Posologia:
2 volte al giorno lontano dai pasti.

Considerazioni:

Il salice, come ho scoperto, contiene glucosidi dell’acido salicilico che è poi il principio attivo delle aspirine. Quindi se si è allergici all’aspirina bisogna assolutamente evitare prodotti a base di salice. E’ anche sconsigliato a chi soffre di ulcere, gastriti o problemi di simile natura. Infine, non bisogna sovraddosare la quantità di salice nell’acqua ma rispettare fedelmente le dosi. Detto tutto ciò vi lascio con i rami del salice accanto alla mia casetta, imbiancato di ghiaccio poverino! E’ a lui che ho rubato un pezzetto di corteccia per curare l’influenza del mio fratellino che è guarito in due giorni! 🙂

Buona serata a tutti! 🙂

N.B.:
I suggerimenti contenuti su Veganblog.it sono da considerarsi puramente come divulgativi ed educativi e non costituiscono un invito all’autodiagnosi o di automedicazione. In nessun caso i contenuti pubblicati su Veganblog.it possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Gli autori ed il direttore non si assumono responsabilità per danni a terzi derivanti da uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.

  1. Veramente interessante…Il salice è spettacolare!

  2. Nooooooo!!!!!!!! Non lo sapevo!!! Pensa che io l’unico medicinale che prendo è l’aspirina! A volte è necessario, perché soffro di emicranie (anche se sempre meno, forse perché mangio cose più salutari) e quando mi vengono degli attacchi forti non riesco a fare niente, nemmeno riposarmi o dormire. appena incontro un salice (spero presto, a casa dei miei) gli chiedo il permesso di prendere un pezzettino di corteccia! Grazie mille delle info!!!

  3. odio quando succede questo!!! il doppio commento!!! uff… (scusa)

  4. Si Romy, è davvero una pianta magica! 😀
    Marianna, figurati! Prova e fammi sapere. Mio fratello aveva la febbre a 39 ed è guarito nel giro di due giorni bevendone solo due tazzine! 🙂

  5. non la sapevate la storia della nascita dell’aspirina? le pecore usavano mangiare in alcuni casi queste foglie, notato poi il comportamento che seguiva, siamo arrivati a riconoscere questa pianta come salutare contro molti disturbi, e abbiamo creato l’aspirina, che credo sia il farmaco più venduto al mondo.
    Felice di vedere che anche altri di voi sono interessati a rimedi naturali per curarsi.
    Brava Dalila

  6. Davvero molto interessante! E bellissimo il salice ghiacciato! 😀

  7. Che la corteccia di salice avesse queste proprietà lo sapevano di sicuro i pellerossa, inoltre da bravo chimico se un composto (l’aspirina) si chiama Acido acetilsalicilico…la lampadina sulla sua origine si accende immediatamente. In tutti i casi w i rimedi della nonna, ma anche della bisnonna e della trisavola 😀

  8. Ciao der Himmel, questo racconto me lo avevano narrato in passato e oggi mi sorprende davvero riconoscere che la maggior parte delle persone (me compresa) si allontana sempre più dalla natura per mancanza di fiducia o tradizione. Anch’io all’inizio ero un po’ scettica, ma dopo la prima volta mi sono aperta completamente ai rimedi naturali ed è davvero fantastico! Grazie a te! 🙂

  9. Michy, adoro quel salice! In tutte le stagioni, è bello e affascinante! 😀

    Nadir, evviva anche le nonne, le bisnonne e le trisavole e non solo i loro rimedi! 😀 pensa che mia nonna mi racconta ancora di quando cagliava il latte di pecora con il latte di fico…! Che emozione ascoltare tutti quei metodi naturali che usava in ogni frangente, dalla cucina al corpo, alla saponificazione. Meraviglioso. 🙂

  10. Molto interessante questo post! mi piacerebbe provarlo, al posto dell’aspirina, se ce ne fosse necessità (ma spero di no!)
    tu dove hai trovato la corteccia di salice? cioè si compra o va bene anche prenderne un pezzettino da un salice? (il dramma è che io non so riconoscere un salice XD) 🙂

  11. Ahahah ma si che lo riconosci! 🙂 ha i rami sottili e lunghissimi e la corteccia a croste. Comunque io ne ho preso un pezzo dalla corteccia del salice vicino a casa mia! 🙂

  12. mmmh…secondo me la prossima volta che sarò influenzata finirò per bere un decotto di platano :D..oppure mi farò aiutare da mia nonna, più abile di me nel riconoscere le piante!

  13. che scoperta…. oggi l medicine nn sappiamo nemmeno cosa contengano 🙁
    Ci vorrebbe più informazione, e meno diffidenza verso le proprietà benefiche delle erbe
    grazie dalila: xò qui in giro nn ho salici a portata di mano 😀
    stupendo tt innevato

  14. Cassiopea, io del platano mangerei volentieri le chips più che il decotto! 🙂 Comunque una volta che vedi il salice è praticamente impossibile dimenticarlo!

    Federica, 🙂

    Fatina, già i medicinali sono un vero mistero e le malattie anche! La medicina naturale esiste e funziona, bisogna solo provare! 🙂

  15. Il decotto della corteccia di salice NON si assume MAI A STOMACO VUOTO! Contiene acido salicilico che è fortemente gastrolesivo, quindi se si deve assumere il decotto della corteccia di salice assumetelo DOPO IL PASTO.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti