Bruschette ravanellose


Ingredienti (per 4 tartine):

1 mazzetto di ravanelli tondi piccoli, affettati sottilmente
4 fette pane di segale o integrale
margarina vegetale non idrogenata (ad esempio Rapunzel, soja, ecc.) bio
sale integrale
pepe

Procedimento:
Abbrustolire in forno le fette i pane poi farle raffreddare. Immargarinate le fette di pane con della margarina vegetale, aggiungete i ravanelli tagliati sottilmente poi finite con un po’ di sale e pepe. Potete aggiungere una foglia di ravanello tritata sottilmente.

  1. TommasoFarina.com – Un diario di gusto e piacere » Blog Archive » Ricette vegan salutiste, ma la margarina che ci azzecca con la bruschetta? 8 Aprile 2008, 14:38

    […] sua spina, anche se molto relativa. E in questo blog, la spina è rappresentata dalla ricetta delle “Bruschette ravanellose”, datata 4 aprile e proposta nello screenshot un po’ casereccio che vedete qui. Diamo […]

  2. Al di là del fattore “margarina” che tira in ballo il nostro Farina, la bruschetta per noi (aggiungo, romani) è certamente impensabile senza olio d’oliva e una passatella d’aglio. Ciò non toglie che ognuno cucina come gli pare e si è liberi di scegliere se provare o meno una ricetta. Purtroppo è stata un’occasione per un tuffo nei soliti triti luoghi comuni degli ….”onnivori”. Suppongo che un po’ tutti i vegani siano già costretti a sentirsene di tutti i colori, a vedere sorrisini scemi come se si fosse una bizzarria della natura, e compagnia bella…
    Per far spegnere un po’ quei sorrisini mi verrebbe voglia di mandare un po’ di fotine, un po’ di notizie su mattatoi e affini (insomma quello che tutti noi sappiamo ma altri fanno finta di non sapere), ma mi tengo. Giuro che mi tengo.

  3. Ma figurati ariel se a loro gliene frega qualcosa dei mattatoi l’importante è riempire la pancia, il loro motto è godiamo e chi se ne frega della sofferenza. Sono solo dei poveracci perchè non sanno (acceccati dalla ricerca dell’orgasmo sbavareccio) che si può godere lo stesso mangiando, senza creare e fare danni ad altre anime senzienti.

  4. Basta, voglio un mondo dove la margarina sia libera di esistere!!! Free margarina!!! Save margarina!!!! 😀 Scherzo, anche per far vedere che noi Vegan non siamo poi così bacchettoni!!!!!

  5. cara stella seguo il tuo blog da lontano da povera appassionata. ho letto il pezzo sul blog di t. farina e gli interventi tra cui quelli di buso che apprezzo (avo) come giornalista del settore. non lo facevo così pieno di boria. sarà che scrivere per l’espresso allontana dalla realtà??? vai avanti così io dal mio piccolo e umile ti leggo.
    besos sonia

  6. liloni adriano 9 Aprile 2008, 20:21

    niente di piu’ sbagliato mie care puriste……se volete parlare con me ve ne daro’ spiegazione…..aldila’ delle battute che la carina si e’ cercata con le sue veementi argomentazioni…..
    trattoriapegaso@libero.it

  7. Bacioni anche a te Sonia, grazie per il sostegno anche se credimi non sono/ero affatto preoccupata e probabilmente lo si è anche capito, non credo che continuerò però perchè oramai i toni sono scesi a livelli un po’ terra a terra, oddio non che prima fossero molto alti comunque visto che ci avevano interpellato era doveroso rispondere.

  8. liloni adriano 9 Aprile 2008, 22:16

    baci vegane….siete proprio irritabili nonostante la dieta purificatrice….. :-O)

  9. Parole sante le tue Adriano, la nostra è proprio una dieta purificatrice….. per il resto sai a volte le apparenze ingannano. Ti invio i miei più cordiali saluti

  10. Tommaso Farina 10 Aprile 2008, 14:11

    @Sonia: Buso non scrive per l’Espresso. Ha solo il blog ospitato dalla piattaforma.
    Ciao!

  11. odio i ravanelli!!!
    l’ unica volta che li ho assaggiati stavo per sputarli!!!!
    se amassi questo ortaggio le preparerei di sicuro perchè hanno proprio una bella faccia

  12. Ciao Annie,
    anch’io non amo particolarmente i ravanelli ma
    in questa maniera…sono veramente buoni!!!!
    se puoi provali…
    ciao

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti