Peperoni imbottiti

02092009_007

Questa ricetta è un classico della cucina napoletana e mi sa che è già presente sul sito, in questa versione ci sono le melanzane nel ripieno:

Ingredienti per 4 persone:

8 peperoni medi, belli sodi e sani

1 kg di melanzane

500g di mollica di pane

una dozzina di olive nere di gaeta

una manciata di capperi

2 – 3 spicchi d’aglio

un mazzetto di prezzemolo fresco

olio evo

sale

I peperoni possono anche essere precedentemente arrostiti e poi spellati delicatamente e ripuliti all’interno sempre facendo attenzione a non romperli ma in questa versione sono riempiti a crudo.

Procedimento:

Dopo aver lavato i peperoni, tolto il gambo e ripuliti internamente si lasciano ad asciugare. Le melanzane vanno tagliate a dadini e girate in padella con olio, un trito d’aglio e prezzemolo e sale. Quando le melanzane sono ben dorate le mettiamo da parte e nella stessa padella aggiungiamo un pò d’olio e soffriggiamo la mollica di pane precedentemente ammorbidita in acqua e ben strizzata. A questo punto uniamo alla mollica le melanzane le olive i capperi ancora un pò di prezzemolo e con questo composto farciamo i peperoni non riempendoli del tutto però e a mò di tappo usiamo una crosta di pane. In una teglia unta adagiamo i peperoni e cospargiamo di sale e olio e inforniamo a 180° per un oretta circa.

ps: la tenevo in bozze da settembre scorso

 

  1. Mamma mamma mamma.. VOGLIO.. Che golaaaaaaaaa
    Bellissimo il tuo micio in agguato dietro, Romeo il micione c’è l’ho sdraiato ora davanti al pc.. Sempre il solito 😆

  2. FA-VO-LO-SI!!! Fantastici! Buonissimi! E il micio é bellissimo, era cucciolo? Se si sarà cresciuto da settembre! A mangiare così bene poi!!! 😉

  3. No io potrei uccidere per questi!!
    io mangio sempre i peperoni ripieni!
    devo provare questa versione!
    tu se vuoi puoi provare la mia! 🙂

  4. Che delizia, amo i peperoni ma il destino crudele ci tiene separati per motivi di… indigeribilità… sigh 🙁 Cosa che in questi tempi si è acuita ancor di più, uff… sono così buoni! E questa ricetta non mi aiuta per niente ad accettare la mia sfortuna: è una goduria anche solo alla vista 😛

  5. Ciao compaesano, io con le melanzane non li ho mai imbottiti, bisogna provare. Anche io ne ho proposto una variante … adoro i peperoni 🙂

  6. C’è del talento in quelle mani!!!

  7. Sei riuscito a mangiarli oppure il micio ha fatto prima di te!! Bè, del resto fanno venire l’acquolina.
    Ottima idea la tua.

  8. Uhhh chebbuoni!
    Poi il gattino dietro in agguato fa troppo ridere! =D

  9. semplicemente fantastici questi peperoni e il tuo micetto sta aspettando di assaggiare 🙂

  10. Bellissimi questi peperoni, di cui sono ghiotta. E complimenti per il micio curioso. Ha proprio un bello sguardo

  11. Che foto, simpaticissima… 😀

  12. ahahah ma che bello il gatto che sta arrivando a sbafarsi tutto!!!
    Anche i peperoni mi ispirano molto…anche se io non li mangio spesso..retaggio macrobiotico!!

  13. Che goduria!!
    Ma quanto è bello il micio!!

  14. Wei benvenutooooo, anche se con rigoroso ritardo!!! Contentissima di leggere le tue ricette che tanto mi ricordano casa!!! E vaiiiiiiiiiiiiii

  15. L’altra sera l’ho vista comparire e poi sparire…Beh comunque superlativa…che voglia di peperoni!

  16. Bellissima ricetta!

  17. Bellissimi questi peperoni. L’anno scorso non ne abbiamo praticamente mangiati, quest’anno conto di rifarmi e ripieni devono essere proprio una goduria.

  18. Buonissimi i pepeproni ripieni. E molto che non li preparo. Di solito ci metto qualsiasi cosa, anche miglio, amaranto, ma non aveov mai pensato alle melanzane. Sarà la volta buona che ci provi 😀
    Quel gatto è bellissimo!!

  19. ottima ricetta la proporrò ai miei ospiti domenica a pranzo!! Grazie^^

  20. Si, la foto é carinissima, il peletto grigio del gattino con il rosso del peperone fa’ un effetto cromatico bellissimo! Il micio é bellissimo, ha il pelo che deve essere morbidissimo e l’arietta furbetta!

  21. OMG!!!
    in questi giorni li preparo! mamma mia che belli e chissà che buoni!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti