Tisana che sana

Come accennavo nella ricetta della Polenta trifasica, vi propongo un metodo per riciclare dell’acqua di cottura riutilizzabile: una tisana!
IMG_0372-3
Ingredienti:
acqua di cottura
1 rametto e 1/2 di rosmarino
cannella in polvere
zenzero (meglio se fresco, io avevo solo quello macinato)
chiodi di garofano
succo di limone
dolcificante (opzionale)

Procedimento:
Molto semplice: riscaldare l’acqua, poi mettere in infusione per almeno 5 minuti tutti gli ingredienti tranne il dolcificante e il succo, regolando le dosi a seconda del proprio gusto e della quantità d’acqua a disposizione. Infine versare la tisana nella tazza, filtrandola, aggiungere un po’ di succo di limone ed eventualmente del dolcificante.

Il punto:
Io avevo cotto a vapore delle cime di rapa, dunque l’acqua era verdolina e aveva preso un po’ il loro sapore, che tutto sommato si sposava bene con gli altri. Ovviamente è stato gradevole bere l’acqua perché vi erano precipitati soltanto dei sali minerali e un po’ di liquido, se avessi cotto delle patate o della pasta non mi avrebbe molto ispirato. Ma perché “che sana”? L’idea della tisana mi è venuta poiché avevo un bruttissimo raffreddore corredato a mal di gola, quindi ho deciso di utilizzare tutti ingredienti che aiutano in questi casi, visto che non sono un’amante delle medicine. E magia del riciclo, mi ha aiutata davvero a sbloccare naso e gola ;). Un saluto!

N.B.:
I suggerimenti contenuti su Veganblog.it sono da considerarsi puramente come divulgativi ed educativi e non costituiscono un invito all’autodiagnosi o di automedicazione. In nessun caso i contenuti pubblicati su Veganblog.it possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Gli autori ed il direttore non si assumono responsabilità per danni a terzi derivanti da uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.

  1. Il mio medico straaapproverebbe!! Dice sempre, e soprattutto d’estate di non rifugiarsi in succhi di frutta (anche senza zucchero), ma di bere l’acqua di cottura delle verdure bio. 😀
    A volte bevo diretamente l’acqua dei broccoli o del cavolfiore…quella di carciofi…beh è amarissima, fa bene ma non ce la faccio! 😀

  2. Grande, ora che ho l’appoggio del tuo medico (ahah) lo farò sempre. Il mio è mio padre, che ancora non è convinto che essere vegan faccia bene, quindi da quel lato sto fresca… Anche se della mia famiglia è l’unico che ha tentato almeno per un periodo di smettere di mangiare carne, quindi qualche merito gli va.
    Grazie per le informazioni! 😀

  3. Amo le tisane, specialmente la sera, quando torno dal lavoro, in queste freddissime sere d’inverno! La proverò senz’altro, sìììì!!!

  4. 🙂 ci proverò!!!

  5. ciao grace, io sono un po’ selettiva con le acque… x es. quella dei piselli trovo che sia superbuona e me la calo così com’è, tante altre non le amo e preferisco usarle x cuocerci dentro i cereali che le assorbono tutte così comunque è un riciclo! però ho appena scoperto la tisana di rosmarino e oltre che buona ho scoperto che ha un sacco di qualità tra le altre è digestiva! la prox volta proverò questo tuo mix 🙂

  6. Ciao Grace ottima idea! Io la uso anche come fertilizzante vegan:-)
    e le piante gradiscono…

  7. Ce l’ho fatta..grazie:-)

  8. @Robinfood: devi lasciare uno spazio prima dei due punti 😉
    Vedi?:D anziché 😀
    E comunque anch’io ogni tanto la do alle piante (in realtà al momento ho solo una piantina di menta, essendomi trasferita in città solo da qualche mese… 🙁 )

    @DarmaSin: eheh, io al mondo dei cereali devo ancora approcciarmi in un modo che si dica degno del nome “cucinare”!
    Dato questo esame stipulerò una simbiosi con la cucina, troppe ricette accumulate!

    @Lali e Different: tè, tisane e simili sono una benedizione! Eheh

  9. Grazie Grace .. 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti