Crêpes senza uova

È davvero possibile preparare crêpes senza uova? Secondo tanti no – l’impasto non è perfetto, si rompono mentre le si toglie dalla padella, si bruciano facilmente e non sanno proprio per niente di crêpes. E invece non è vero, perché  preparare delle perfette crêpes vegane è semplicisimo. Le crêpes tradizionali son fatte di farina, latte e uova. Ovviamente non è difficile sostituire il latte vaccino con quello vegetale, ma la vera difficoltà può stare nel trovare un giusto sostituto delle uova, anche perchè il suo ruolo dovrà essere quello di amalgamare gli ingredienti rendendo le crêpes elastiche. Fortunatamente, esistono tanti altri prodotti che possiedono proprietà simili, alcuni di questi prodotti li ho elencati nel post sui dolci senza uova che potete trovare nel mio blog personale. Una volta pronte, con che cosa mangio una crêpes vegana? Qui vi potete sbizzarrire come vi pare: la scelta va dalle semplici marmellate alla nutella veg o crema al cioccolato fatta in casa. Potete preparare anche veg-ricotta di anacardi oppure sciroppo d’acero e un po’ di cannella. E se, su una crêpe con sciroppo, aggiungete anche delle noci avrete una vera colazione da urlo.
crepessemplici
Ingredienti (per 8 persone):

1 bicchiere di farina
1/3 di bicchiere di fiocchi d’avena macinati
1 e 3/4 di bicchiere di latte di soia
1 cucchiaio di olio
1 pizzico di bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di zucchero vanigliato

Procedimento:
Macinate i fiocchi d’avena in un macina-caffè. In una ciotola mescolate insieme la farina, il bicarbonato di sodio setacciato, il sale, lo zucchero e i fiocchi macinati, quindi versate l’olio e il latte. Stemperate bene tutti gli ingredienti con una frusta a mano oppure con uno sbattitore, stando attenti a non fare grumi. Inizialmente la pastella può risultare un po’ liquida per cui fatela riposare in frigo per 15 minuti. Quando è pronta, scaldate molto bene la padella, versateci 1 goccio d’olio, quindi 1 mestolo di impasto. Una volta sistemato, cuocete fino a quando i bordi della crêpe non inizieranno a colorirsi, quindi girate e fatela cuocere anche dalla parte opposta.

  1. Buone! Anche io le preparo così a volte, solo che al posto dei fiocchi d’avena uso la crusca!
    Brava e complimenti per le foto che sono sempre stupende!

  2. …una vera raffinatezza!
    Colazione della Domenica… 😉

  3. Che belle…! 😀
    Io le faccio diversamente ma voglio imparare anche questa tua ricetta… 😉

  4. buone!!! anch’io le faccio ma non ho mai usato ne fiocchi ne crusca come MissNothing..proverò di certo!

  5. Ottime, ma se evito lo zucchero perché le preferisco con ingredienti salati dici che la consistenza cambia? O magari lo zucchero nemmeno si sente? Grazie mille per la ricetta.

  6. Ciao MissNothing! 🙂 Grazie x il tuo apprezzamento, mi fa davvero molto piacere che ti piacciono le foto! Non ho mai provato a farle con la crusca, e interessante come idea, hai la ricetta condivisa da qc parte? 🙂

  7. Sì Niki, è stato proprio così: le abbiam mangiate a colazione domenica scorsa, sono io che posto tutto con un gran ritardo 😉

  8. Lali, qual è invece la tua ricetta? 🙂

  9. Grazie mille Nica! Dovrò provarle anch’io con la crusca, mai fatto così! 🙂

  10. Lilia, lo puoi fare tranquillamente! La ricetta è infatti pensata x una versione dolce, ma lo zucchero con la vaniglia qui rappresenta solo un’aggiunta x migliorare il loro gusto! 🙂

  11. Oh… la mia é una ricetta banalissima! Io uso farina, poco yogurth, sale e acqua! 🙂
    Poi ungo d’olio la padella e quando son pronte le crepes le farcisco col dolce o col salato… Talvolta metto anche un pochino di fecola…
    Le tue sí che son belle e buone 😉 !!!

  12. mmmm, coi fiocchi davvero!! Chissà che croccantezza! 😀 Bravissima!!

  13. ricetta messa tra le prossime da fare,cioè domani. ma l’occhio cade sul meraviglioso sottopiatto , che mi pare fatto a filet con ago. una preziosità!

  14. che buone devono essere!!! 😛 quando preparavo quelle crudeli aggiungevo alla fine un goccino di birra (proprio un sorso), credo che questo aiuti in un certo senso la “lievitazione”, cioè rende il composto più spumoso e al momento della cottura si formano quelle golose bollicine!! Si potrebbe provare…

  15. Grazie Lali! Mai sentito dire du questa ricetta, chissa’ quante cose da scorpire in questo campo davanti a me! 🙂

  16. Ciao Terri, grazie mille!!! 🙂

  17. Ciao Piccbio, si, e’ un ricordo vecchio, acquistato tantissimi anni fa dalla mia Mamma!

  18. G-Stai, hmmm, questa’ della birra e’ una novita’ per me! Io ogni tanto aggiungo acqua frizzante ma fino a quando non ci provo non saprei paragonare il risultato 🙂

  19. ottime perfette x i miei 45 pasti vegani da preparare grazie……………

  20. Golose… 😛 !!!
    Quasi quasi me le pappo stasera 😉 !

  21. Che delizia!
    Stasera le provo 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti