Non formaggio vegano veloce multiuso

Questa è una preparazione base altamente versatile per ottenere diverse consistenze di formaggio.
Il risultato potrà essere adoperato sia da grattugiare, affettato per i toast, grigliato o tagliato semplicemente a dadini e servito al naturale o condito.
Ha la stessa consistenza e aspetto del classico formaggio a pasta semi-dura, ad esempio caciotta o provola.
Cotto dà quasi la sensazione della sottiletta: si attacca lievemente ai denti.
Inoltre potrebbe essere anche affumicato (molto buono), usato come fonduta o condimento per pasta.
È stato molto apprezzato anche da persone non vegane (consapevoli di ciò che stavano mangiando).

La ricetta è veloce da realizzare e non utilizza fermenti.

Ho scelto di usare la pasta senza glutine di marca Dialdì perché avevo bisogno di una certa concentrazione di amidi da modificare, nel caso specifico riso e mais, e questa è stata la soluzione più idonea.
Inoltre ho notato che usando i rigatoni il risultato è migliore rispetto ad altri formati della stessa marca.

Per una forma cilindrica da 15 cm di diametro

Ingredienti:
200 g pasta rigatoni senza glutine di riso e mais (se possibile di marca Dialdì)
40 g grasso di soia (Vallè)
7 g lievito alimentare in scaglie (facoltativo)
Sale q.b.

Procedimento:
Lessa la pasta in acqua salata oltrepassando la cottura di almeno 10 minuti rispetto a quanto indicato sulla confezione.
Inserisci nel robot il grasso di soia, il lievito secco in scaglie (eventuali aromi a tuo piacimento) e inizia a frullare.

Scola la pasta con il mestolo forato, senza buttare via l’acqua di cottura.
Aggiungi la pasta nel robot e frulla il tutto.
L’importante è non far freddare troppo la pasta e sopratutto avere un robot a lame abbastanza potente – quindi niente minipimer.

Se il robot tende ad andare sotto sforzo aggiungi altra acqua di cottura.
Otterrai una crema dalla consistenza di formaggio sciolto, tipo una fonduta.

Aggiusta di sale.

Se vuoi usarlo come fonduta fermati qui con il procedimento.

Ungi la stampo con dell’olio, versa il composto e copri con pellicola.
Attendi che diventi tiepido e riponi in frigorifero.

Dopo un giorno il composto dovrebbe essere ben solidificato.
Se preferisci una consistenza più solida togli il composto dallo stampo e – coprendolo sempre con pellicola – lascialo in frigorifero fino a raggiungere la consistenza desiderata.

Alla prossima ricetta!

  1. Un risultato davvero interessante, mai visto nè sentito fare formaggio veg così. Complimenti.

  2. Questa è da provare assolutamente

  3. Ciao, complimenti!
    La pasta deve essere necessariamente senza glutine?

  4. Sicuramente originale l’idea di sfruttare la pasta di mais senza glutine che rispetto al passato si trova con un effetto glutinoso decisamente marcato (le prime l’aste di mais che facevano quando le cuocevi diventavano polenta 🙂

  5. Mi lasci sempre sbalordita!! Bravissima!!! Grazie per averla postata…in più è senza glutine…non ho parole!!! 🙂 🙂

  6. o mio dio ma questa ricetta è stupenda!!! domani vado a comprare la pasta 🙂

  7. Grazie a tutti! Ciao @lorenza, sì, la pasta deve essere senza glutine. E’ importante che abbia maggiore percentuale di farina di riso miscelato con amido di mais. Diversamente, sarebbe da provare.

  8. Interessantissima ricetta. Brava!!!

  9. Che bell’idea! La pasta che intendi immagino sia la Dialsì, non ho mai sentito la Dialdì 🙂 Proverò con altre marche senza glutine (sono celiaca, a casa ne ho sempre) e vi farò sapere i risultati

  10. Oh mio dio! Ho appena sbirciato in dispensa e ho proprio la.pasta dialdì 😬 domani provoooo!!! Mitica

  11. Ciao @Annalisa, grazie! Sì, facci sapere come va la prova. Sono curiosa!🤗

  12. Ciao @IreneD , che fortuna. Vedrai, ti sorprenderà! 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti