Riso, lenticchie nere, funghi e crema di porcini secchi

Per questa ricetta, fatta per un corso sui legumi, ho scelto la varietà di lenticchie nere beluga poco utilizzata,  un cereale classico da abbinare, il riso, funghi champignon e una deliziosa crema di porcini secchi facile da fare. Gli ingredienti sono pochi per mia scelta, perchè i sapori di ogni singolo ingrediente deve essere ben distinguibile.

Ingredienti:
200 g di lenticchie nere beluga
300 g di riso ribe semintegrale
400 g di funghi champignon
20 g funghi porcini secchi
3 spicchi d’aglio
1 bicchiere di vino rosso
Brodo vegetale q.b.
Olio, sale e pepe q.b
Prezzemolo

Procedimento:
lavare più volte il riso (3/4 volte cambiare l’acqua) e cuocerlo in una pentola con brodo vegetale, in assenza lo si può cuocere con carota, cipolla, sedano, lasciando le verdure tutte intere e aggiunta di sale. Seguire i tempi di cottura del riso che trovate sulla confezione. A  cottura terminata, scolare il riso dall’eccesso di acqua e aggiustare di sale. mettere da parte.
In un’altra pentola cuocere le lenticchie nere beluga con abbondante acqua, per circa 20 minuti. devono risultare al dente. terminare la cottura delle lenticchie in una padella o pentola con olio, uno spicchio d’aglio. Girare di continuo e proseguite la cottura per circa 10 minuti. Insaporire con sale e pepe
Nel frattempo pulire i funghi e cuocerli in padella con olio, uno spicchio d’aglio e a fine cottura aggiungere prezzemolo fresco tritato.

Per la salsa ai funghi porcini:
ammorbidire i funghi secchi in acqua tiepida, successivamente far saltare in padella i funghi strizzati, con un filo d’olio e aglio per circa 10 minuti. unire il bicchiere di vino rosso e far restringere. Aggiustare di sale e pepe. Togliere lo spicchio d’aglio e frullare i funghi con l’aiuto di un frullatore ad immersione. Aggiungere del brodo vegetale per rendere la crema più fluida, secondo il vostro gusto.

Assemblare il piatto: con l’aiuto di un coppa pasta, formare uno strato di riso e pressare leggermente con un cucchiaio. Proseguire con uno strato di lenticchie nere beluga e poi adagiare i funghi. Completare con la salsa di funghi porcini e spolverata di prezzemolo, pepe e olio EVO. grazie!

Salva

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...
  1. pochi ingredienti, ma tutti ottimi, adoro le lenticchie nere beluga sono le mie preferite e le uso anche per fare le polpette xchè immagazzinano poca acqua, il piatto è ben presentato, ha un bellissimo aspetto! lo farò sicuramente perché adoro mangiare piatti semplici e nutrienti. Complimenti!

  2. Un bel piatto, anche io mi unisco a Pina con amore per le lenticchie nere Beluga, purtroppo a me perdono colore diventando piuttosto marroncine che nere. Eppure seguo con attenzione la cottura.

  3. @Veruska a me non diventano chiare, prova a cambiare marca.

  4. Silvia Premoli 1 febbraio 2018, 09:57

    Lenticchie, funghi e riso: un mix vincente per una ricetta che non può che incontrare i gusti di tantissime persone! Questo piatto squisito che si gusta volentieri anche in questo periodo dell’anno nelle giornate più umide e fredde ed è una vera consolazione anche per lo spirito. Preparato in anticipo in ciotoline singole e servito tiepido si presta anche per apericene e buffet. Preparerò questo piatto sostituendo i funghi champignon con la varietà chiodini o pioppetti sono impagabilmente saporiti! Go vegan!

  5. Pina io uso Rapunzel – dopo la cottura diventano marroncine. Il nero se ne va. Pensavo fosse normale ma dopo averi visto questa ricetta mi chiedo come mai 🙁

  6. Grazie a tutti per i complimenti!
    @veruska queste lenticchie le ho prese in un negozio bio, ma non sono della Rapunzel.
    domanda: quanto tempo le fai cuocere?
    un pò di nero va via, ma non diventano marroni

  7. Non riccordo bene i tempi di cottura, anche i miei sono bio. Non capisco, appena trovo altra marca provo. Grazie.

  8. @veruska, il consiglio è non cuocere le lenticchie oltre i 30 minuti… prova 😉

  9. No sicuramente non arriva cuocerli così tanto. Farò ancora dei esperimenti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti