Cioccolatini tipo Rocher

Loading Likes...


Invito a pranzo, mi dicono che non serve portare nulla perché è stato già preparato tutto. Ma a me non piace arrivare a mani vuote quindi ho pensato di portare dei cioccolatini in modo da non essere troppo “invasiva”. Ho visto che nel sito sono già presenti altre ricette simili, ma sono fiera del risultato e volevo comunque condividerli 🙂

Ingredienti :
100 g Wafer
100 g nocciole tostate
100 g crema nocciole (acquistata o fatta in casa)
40 g granella di nocciole/mandorle
120 g cioccolato fondente
1 C burro di cocco
nocciole per il “ripieno”

Procedimento:
Io uso il bimby quindi le indicazioni saranno tarate su questo strumento, ma è tutto replicabile con normale frullatore.
Frullare i wafer e le nocciole 2 secondi velocità 10. Aggiungere la crema di nocciole, mescolare 15 secondi velocità 3 “retromarcia” (con il bimby si può frullare oppure, andando in “retromarcia” mescolare senza tritare ulteriormente, semplicemente mescola).

Creare con il composto delle palline e inserire all’interno di ognuna una nocciole. Mettere in frigo per almeno 20 minuti.

Fondere il cioccolato: mettere nel bimby e frullare 10 secondi velocità 8, poi 3 minuti velocità 2 50°C (si può sciogliere a bagnomaria), trasferire in una ciotola, aggiungere l’olio di cocco e la granella, mescolare finché è tutto ben amalgamato. Pucciare le palline e far riposare in frigo.

Io ho poggiato le palline pucciate sul piatto e ho fatto molta fatica a toglierle, qualcuna si è anche rotta. Sarebbe stato meglio mettere la carta forno per facilitare il distaccamento, oppure metterle direttamente nei pirottini.

  1. Wow, ma quindi esistono dei wafer vegani?

  2. Bellissimi questi cioccolatini – anche io non sapevo dell’esistenza dei wafer vegan. Gnam saranno buonissimi. Ti sono venuti proprio bene.

  3. Si, i wafer vegani esistono eccome. Non so quali sono stati usati per questa ricetta perché difficilmente li ho visti in Italia (in Germania si trovano abbastanza normalmente) li ho assaggiati durante un nostro passato VeganFest ma non ricordo che marca fossero. Peccato che la maggior parte contengano olio di palma e quindi, pur essendo completamente vegetali, non potrebbero essere certificati VEGANOK.
    🙂

  4. Grazie per info Sauro.

  5. Ciao, non sapendo se possibile o meno indicare le marche ho preferito ometterla, ma se non si sono limitazioni provvedo a scriverle!
    Comunque confermo che i wafer utilizzati per questa ricetta hanno grasso di palma

  6. Si Soiasun, meglio non citare Marche…
    magari puoi dire dove li hai acquistati

  7. Grazie Sauro.
    La marca che ho usato qui è stata acquistata in un supermercato Alì, e dovrebbe essere un prodotto di Vienna. Anche all’LIDL ho trovato quelli senza glutine alla nocciola senza latte & co (c’è anche cioccolato e mi sembra questo abbia il latte, ma controllate perché potrei confondermi)

  8. bella ricetta grazie 🙂 da provare assolutamente adoravo i rocher

  9. bellissimi, complimenti!
    grazie dei chiarimenti sui wafer, anch’io ne ignoravo l’esistenza in chiave vegan

  10. Sei un ospite adorabile! Io ti inviterei a colazione, pranzo, cena, merenda, brunch, aperitivo spuntino di mezzanotte! hai sicuramente fatto un figurone! con queste dosi quanti cioccolatini vengono? Grazie e ancora complimenti!

  11. Giovanna Lezzi 21 gennaio 2018, 15:50

    “Si Soiasun, meglio non citare Marche…”🤔

  12. golosissimi!!!!!!!!! immagini saranno rimasti !!!!

  13. Grazie Soiasun, se si trovano alla LIDL dovrebbe essere facile recuperarli per molti. Mi sembra che LIDL abbia molti punti vendita in tutta Italia… Appena mi capita l’occasione, ci faccio un salto anch’io 🙂

  14. Che carini, grazie a tutti! a dire la verità io non ho assaggiato un cioccolatino, ma solo l’impasto perché (fortunatamente) sono stati spazzolati. Ne sono venuti circa 15/17 se non sbaglio, sono abbastanza grandi se si mette la nocciola all’interno. Per farne di più e più piccoli si può scegliere di ometterla

  15. In questo momento vorrei essere “Ambrogio…” 😛
    Bellissimi davvero

  16. Wooow! Io li facevo uguali ma bianchi: con wafer alla vaniglia, cioccolato bianco e cocco. Tipo Raffaello! 😀 Quindi comprendo quanta pazienza ci hai messo, devono essere ottimi! ^_^

  17. Posso assicurare che nei waffer acquistabili presso LIDL non c’è traccia di palma, è ben segnalato anche nella parte frontale della confezione!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti