Strudel di mele con crema di bacche di goji

Ad essere sincera avevo pensato alla ricetta per le feste di Natale ma poi non sono arrivata a fare il tutto per tempo e così posto la ricetta ora. Tanto lo strudel sicuramente non è un dolce natalizio anche se da noi lo si mangia praticamente sempre. O meglio io i più bei ricordi di vita li ho con mia nonna che lo faceva sempre e che mangiate di strudel ci facevamo tutti assieme, in ogni occasione ci si trovava, che fosse un giorno “ordinario” o una festa come il Natale.

Ingredienti per la pasta:
250 gr. di farina (io ho usato la manitoba)
50 gr. di margarina
1 C di zucchero
1 pizzico di sale
acqua q.b. (circa 1/2 bicchiere)

Ingredienti per la farcia:
4 mele (io ho usato 2 golden e 2 renette)
1 C di zucchero di canna
1 spolverata di cannella
3 C di uvetta passa
1/2 bustina di pinoli
2 biscotti secchi vegan sbriciolati

Ingredienti per la marmellata:
2 bustine di bacche di goji
2 C di zucchero

Procedimento:
Ho preparato la pasta inpastando la farina con la margarina, lo zucchero, il pizzico di sale e l’acqua. Poi l’ho avvolta nella pellicola e l’ho riposta in frigorifero. Nel frattempo ho pelato le mele e le ho tagliate a fettine piccoline e le ho messe in una ciotola. Ho messo ad ammorbidire in acqua fredda le bacche di goji, dopo qualche tempo le ho scolate e le ho messe in un pentolino con lo zucchero e le ho cotte per circa una ventina di minuti, lascio raffreddare. Ho tirato fuori dal frigo la pasta e messo un pò di farina su una spianatoia ed ho steso l’impasto tirandolo fino a che diventa sottile. Ho messo un pò di carta forno su una teglia e ci ho messo l’impasto e ci ho distribuito bene le mele ed in seguito lo zucchero di canna, la spolverata di cannella, l’uvetta passa e i pinoli, infine i biscotti sbriciolati.

Ho chiuso lo strudel, spennellato con un pò di latte di soia e l’ho messo in forno a 200° per circa 25/30 minuti. Ho voluto servirlo con della marmellata di bacche di goji e mi piace l’accostamento dei sapori mela/bacca. Ho provato anche, con la marmellata, a farne una “salsina” con l’aggiunta di un “soffio” di Disaronno e l’ho trovato molto piacevole.

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (5 votes, average: 4,60 out of 5)
Loading...
  1. dove ci sono le mele ci sono io! buono buono buono!!! mai assaggiata la marmellata di goji!!!

  2. Complimenti per il risultato e impegno di fare la pasta da sola. Strudel di mele – ricordi d’infanzia.

  3. Molto originale 😉 Braverrima! !! 😀😊😃

  4. Grazie a tutte, buona la marmellata di goji secondo me. Già che ricordi lo strudel, bello ricordare l’infanzia 😀

  5. Ma che bella ricetta Different…bella anche la presentazione….

  6. Bellissimo ottima idea da fare assolutamente durante le festività natalizie

  7. la marmellata di goji è geniale

    bless and love!

  8. Tornando a cose più allegre, chissà se riuscirò a convincere mia mamma a provare questo strudel qui, lei lo spennella sempre con il latte in modo per indorare la superficie durante la cottura ma credo che non sia assolutamente necessario.

    Che forte quella marmellata, sul momento mi sembrava fosse di fichi! XD

  9. Different che dolce super spaziale 😀😀 mi piace tantissimo…tenterò la versione senza glutine 😅😅

  10. grazie a tutti 😅
    Andrea sì da rosse che sono le bacche è diventata scuretta come marmellata … 🙂

  11. Scusate, mi rendo conto che non è il luogo adatto ma non sapevo dove altro postarlo. Avevo linkato una petizione su un tema a cui certamente qui sono tutti sensibili, ma non ho trovato più il messaggio.

    Vorrei che mi si dicesse dove posso postarlo invece che cancellarlo e basta. D’altra parte vi interessa salvare gli animali, o no? 😉

  12. L ho provato, è veramente buono grazie brava😀

  13. Bene Monica sono contenta
    Andrea non ho nemmeno visto il link mi spiace

  14. Silvia Premoli 23 novembre 2017, 16:52

    Lo strudel è un dolce che amo tantissimo, riporta tutti a qualcosa di piacevole: una vacanza in Trentino, la raccolta delle mele ma anche le attese davanti al forno in attesa del termine della cottura per poter poi spolverizzare di zucchero al velo e gustare tiepido! Grazie a Eliana per questa ricetta tradizionale di un dolce profumatissimo e sano. Metto in nota delle ricette da realizzare! Go vegan!

  15. Mirco D’Incà 30 novembre 2017, 14:35

    da vegano e appassionato di Bacche di Goji promuovo le mie bacche di Goji NaturaZen (VeganOk anche loro) che sono frutto di una selezione delle migliori Bacche di Goji Tibetane coltivate esclusivamente in un piccolo appezzamento a 3200mt in Tibet (montagne del Baitsu)!
    Un abbraccio solare e grazie per le bellissime ricette!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti