Crackers veloci

Mi sembra di aver intuito che in questo periodo abbiamo tutti voglia di qualcosa di rustico e semplice.. Come questi crackerini, che mi hanno riscaldato il cuore dopo una giornata di febbre :).
crackers
Ingredienti:
100 g di farina di farro
50 g di farina di riso
1 cc di sale
1 cc di lievito secco
1 C di shoyu
50 ml di olio evo
80 ml di acqua

Procedimento:
Complicatissimo! Si uniscono prima tutti gli ingredienti secchi, poi quelli liquidi. Impasta, impasta, impasta et voilà! Io l’ho lasciato riposare per 20 minuti, ma direi che si può anche evitare questo passaggio. Poi si stende la sfoglia sottile 2-3 mm, si ritagliano i crackers, si bucherellano con la forchetta e si infornano a 170° per 10 minuti (controllateli voi però, il mio forno è a legna e non è preciso)! In questo caso non ho aggiunto altro, non ho messo niente per insaporire perchè volevo sentire il sapore “originale”. Però sopra ci sta bene tutto ovviamente. Sesamo, rosmarino, paprika, cipolla essiccata, pomodoro, quello che vi piace di più! 🙂 (L’unica cosa è che forse serve appena un pochino di acqua in più perchè sono andata ad occhio!).

Considerazioni:
Avrei voluto farvi vedere anche il dentro, ma le foto non venivano bene.. Comunque cuocendosi sembrava che avessero fatto gli strati, proprio come quelli che si comprano! Erano belli friabili, non troppo salati e veloci da preparare. Buoni insomma!!

  1. Strawow che belli!!! 😛 Li farò al piú presto… 🙂
    Guarisci presto piccolina! 😀

  2. Crackers sempre buoni in qualunque momento 😉 Ripigliati presto. Un bacino alle tue “topine”

  3. Bellissimi!! 🙂
    🙂 Lo shoyu, ho scoperto che è meraviglioso negli impasti… 😉
    Spero tu possa tornare presto in forma! 😆
    Bacini minuscoli! 🙂

  4. Una domanda: il lievito secco é quello di birra disidratato o quello istantaneo tipo cremortartaro?? Suppongo il secondo, sennò dovresti lasciare almeno un’ora l’impasto a lievitare…

  5. No no è quello già pronto in bustina 🙂

  6. Scusa ma ancora non mi è chiaro, perché sia il lievito di birra secco sia il cremortartaro o l’equivalente chimico (tipo Paneangeli per torte, per dire) sono in bustina…

  7. Si chiama “Pizzaiolo” ed è la polvere a lievitazione istantanea della Paneangeli.. Non c’è scritto altro..

  8. Ah, ok, grazie! 🙂

  9. Figurati! Spero di esserti stata utile 🙂

  10. Sì grazie! Ho controllato, è praticamente uguale a quello per torte, ma senza vanillina. Ed è equivalente a quelli naturali e/o bio composti da cremortartaro + bicarbonato. 🙂

  11. Ho giusto giusto un pacco di farina di riso da consumare. Mi sa che li farò a mia madre che compra sempre i crackers, almeno sono fatti in casa e piu’ buoni. Complimenti per la ricetta=)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti