Zenzero 1000 virtù

Il mio rimedio contro catarro, influenza e tosse malefica. Un anno fa, più o meno in questo periodo, leggendo qua e là come faccio sempre, ho tovato un libricino in edicola sui rimedi della nonna e cercando qualcosa di “alternativo” per curare le persistenti tossi, bronchiti e influenze della piccola ho trovato qualche suggerimento utile e me lo sono mixato a qualche spunto preso da informazioni via internet e dai genietti laboriosi della mia testolina. Naturalmente la mia pestifera accetta tutto da me 😉 Dunque ecco a voi.zenzero 012
Ingredienti:
zenzero fresco qb
malto a vostra scelta (io di miglio) qb
limoni freschi qb
serena varicella 4 anni 001
Procedimento:
Ora vi spiego perché tanti qb. Bisogna pelare e centrifugare lo zenzero, misurate la quantità di succo di zenzero che avete ottenuto e aggiungete una parte uguale di succo di limone (centrifugato anche quello, così non vi trovate i pezzetti da setacciare) e una parte uguale di malto. Mettete tutto in un pentolino e portate a bollore con la fiamma al minimo. Dovete avere una consistenza simile allo sciroppo di agave, e sarà molto concentrato di sapore, molto pungente e piccante. Fate raffreddare e imbottigliate.

Considerazioni:
Grazie all’alta percentuale di zucchero e limone, si mantiene anche 2 mesi in frigorifero, ma basta farne poco per volta perché è davvero potente! Quando la pestifera sta proprio male, gliene do 1 cucchiaino 3 volte al giorno, ma devo avere a portata di mano un bel bicchiere d’acqua perché è veramente tosto da mandare giù e lei è il mio mito! Per noi adulti invece che mandarlo giù tutto in una volta è fantastico anche negli infusi e spettacolare nella birra. Ne basta 1 bel cucchiaio nella bottiglia e dopo si fanno scintille di sapore. Le virtù dello zenzero sono innumerevoli e già conosciute, ma non sapevo che il limone aumentasse le difese immunitarie, in quanto attivatore di globuli bianchi, e che fungesse anche da antibatterico per il cavo orale; in più io e la pestifera abbiamo adottato una dieta “anti catarro” a base di cavoli, rape bianche, sedano rapa, daikon cotti, crudi, bolliti, frullati e lessati e tanta frutta fresca. Dopo un anno senza farmacia direi che il metodo è collaudato e funzionante. Ho un altro fantastico rimedio, ma lo rimando alla prossima volta 😉

N.B.:
I suggerimenti contenuti su VeganBlog.it sono da considerarsi puramente come divulgativi ed educativi e non costituiscono un invito all’autodiagnosi o di automedicazione. In nessun caso i contenuti pubblicati su VeganBlog.it possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Gli autori ed il direttore non si assumono responsabilità per danni a terzi derivanti da uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.

  1. Assolutamente da provare!!

  2. Grandeeee !!
    Avevo trovato una ricetta simile in internet, ma col miele e mi chiedevo se potesse venir sostituito col malto !!
    Grazie mille !!

  3. Ma dàiiii 😀 ! Mi piace proprio questo sciroppo 😉 Deve avere tante virtú ed un sapore unico 😀 ! Secondo me é perfetto anche per un’inedita bibita estiva dissetante 😉 !!!
    Io invece per la tosse prendo lo sciroppo di tarassaco 🙂

  4. pensa che io associo spesso zenzero e limone in tisane insalate contorni ecc….sono come Sandra e Raimondo, il bianco e il nero, il nord e il sud, il cioccolato e gli anacardi, una coppia perfetta insomma 🙂

    bless and love

  5. Delizioso! Ma senza centriguga?

  6. Credo che lo zenzero non manchi mai a casa mia! Sono anni che ci curiamo con lo zenzero. Ad ogni accenno di malessere o influenza (anche se sono anni pure che non mi ammalo veramente) ci spariamo lo zenzero-limone in decotto. Facendolo sobbollire per 20 minuti viene un decotto che è una bomba e la botta di calore e l’effetto balsamico è altamente curativo. Ma…..questo sciroppo è ottimo da conservare così e mi piace tanto l’uso alternativo…nella birra? Fantastico…proverò…molto presto 😉 Grazie Soei99!!! 😀

  7. Lali: ho provato a farle lo sciroppo con il mirto e altre erbe come timo e origano ma non le vanno giù, invece questo dai lo subisce. Anzi,lo subiva! Perché tranne la varicella è un pezzo che non si ammala 😉 Luca:zenzero e limone io li metto anche nelle zuppette orientali con un pizzico di zucchero o stevia per fare l’agrodolce 😉 Ametista tu magari dovresti provare la granita! Noi abbiama la macchina yonanas per il gelato di frutta e la granita con fragole zenzero e limone è superlativa. Io anche senza fragole ma la piccoletta la gradisce di più tutta rosa! E nella birra garantisco che è fantastica, soprattutto perché io ho un sacco di quella analcolica e lo sciroppino le dà un gusto fantastico e dolcino ma nulla toglie di provare nell’acqua gassata o acqua tonica o acqua e basta o centrifughe. Sulvia : hmmmm senza centrifuga puoi provare a tritare lo zenzero, spremere il limone e far bollire tutto insieme con lo stesso peso di malto e poi frulli tutto con il mixer e con garza e passino lo lasci filtrare. Un po’ complicato direi ma non so che altro suggerire perché la centifuga regna sovrana sul mio mobile 😉

  8. Grazie! Mi sa che dovro’ decidermi a comprare un estrattore…

  9. non ho idea di cosa sia un’estrattore 😉 tipo centrifuga forse? il la mia centrifughina l’ho presa al mercatino dell’usato a 15 E ma nuova non supera i 40 secondo me.

  10. Soei grazie…questa granita deve essere buonissima, proverò e proverò con birra certamente! 😀

  11. birra zenzero e limone….diabolicamente geniale

  12. Questa pozione è diabolicamente buona…la mia scusa per mangiarla a cucchiaiate é il raffreddore

  13. Ah ieri sera l’ho anche assaggiata con la birra…dissetante da matti!

  14. Sì è vero! nella birra ricorda un po’ il sapore di quella aromatizzata alla tequila 😉 e poi anche negli infusi caldi è un tocco in più! Nata da un esperimento di disperazione per la peste malata è venuta fuori una roba strampalata anche da grandi ; grazie

  15. Che bella ricetta…utilissima in questo periodo di raffreddori!
    Complimenti. Una domanda: quanto tempo lasci bollire il tutto affinché si addensi bene?

  16. Provato or ora con il miele invece del malto (sorry ma non ne avevo).
    Figlio e morosa influenzati, per farglielo bere ne ho messo un mezzo cucchiaio in una tazza d’acqua calda.
    MI pare che gli piace, a me è piaciuto.
    Speriamo bene……

  17. Ciao!
    Adoro lo zenzero e questa ricetta è molto invitante, ma mi viene un dubbio: con la cottura non si perdono la maggior parte dei nutrienti e delle vitamine di questi ingredienti? Non sarebbe meglio assumerli crudi?

  18. cinci certo che la puoi fare cruda, ma dura molto poco proprio perché fresca. Io la tengo sempre in frigo estate e inverno perché mi fa comodo come antimucolitico col freddo e in sciroppi e granite in estate e sì le vitamine si vanno a degradare, soprattutto la C che non regge il calore ma mangiando 12 mesi l’anno frutta e verdura fresca di stagione le recuperiamo abbondantemente 😉 farla fresca tutte le volte che serve sarebbe troppo impegnativo per me.

  19. Ciao ho la centrifuga nellaltra casa un po lontana da raggiungere. Posso frullare parti uguali di zenzero decorticato e polpa di limone? Userei il bimby e poi magari filtro con un telo prima di portare a bollore……che dici?

  20. ottima ricetta!!! da provare sicuramente! i benefici dello zenzero sono innumerevoli…io ultimamente lo utilizzo con miele di melata o di eucalipto e curcuma nelle mie tisane quotidiane e raffreddori o malesseri all’orizzonte: nessuno 😀
    Bravissima e grazie per aver condiviso questa ricetta magica! ;-*

  21. @giorgia,non saprei,secondo me può funzionare con la garza ma devi metterla in un colapasta con un bel peso sopra xkè lo zenzero è molto fibroso e trattiene molto i liquidi. @Memole:anche io usavo il miele ma visto che volevo condividere la ricetta con gli amici di vg e ho usato il malto. Oltretutto il miele italiano ha avuto dei grossi problemi quest’anno e quindi vado sul sicuro con il malto 😉

  22. Certo Soei,
    perdere un po’ di vitamina C in cambio di avere il rimedio tutti i giorni mi sembra un ottimo compromesso 😉 Comunque grazie per l’ idea, è qualche giorno che me lo preparo fresco e devo dire che lo trovo ottimo!

  23. Che bello. Grazie veramente.
    Lo Zenzero è straordinario, purtroppo dalle mie parti non è facilissimo trovarlo. Io ci preparo delle lenticchie veramente buone.
    Consiglio ai lettori un sito molto interessante su spiritualità e legge di attrazione. C’è anche un articolo che tocca il tema del veganesimo.
    L’indirizzo:

    http://www.siamouniverso.com/vegani-vegetariani-ed-onnivori

  24. Una domanda ho provato lo zenzero a crudo e ho sentito che in bocca lascia un pizzicore come il peperoncino. Poi l’ho fatto macerare in alcol , il risultato è simile, si sente proprio il classico pizzicore del peperoncino. Tu non ne parli. Da cosa dipende? Dallo zenzero che ho trovato io ? Mi piacerebbe sapere un parere da chi lo usa da tempo

  25. no no michele lo zenzero “picca” proprio di natura, per la mia personalissima esperienza ho notato che quelli “asiatici” pizzichino un po’ di più rispetto a quelli “sudamericani”, se mai avrai la fortuna di trovarlo prova quello Jamaicano è ritenuto esser il migliore del mondo

  26. Grazie Luca , magari facendo il decotto o tisana si ammorbidisce. Lo dico perché ho assaggiato l’amaro Monterosso prossimo ad uscire qui sul sito e ho sentito che picca un po’ troppo, abbasserò le dosi dello zenzero

  27. No michele, non ne ho perlato perché davo per scontato che chi conosce lo zenzero sa che pizzica come il peperoncino. Infatti nonostante la mia pulce abbia 4 anni devo dire che è la più bravissimissima figlia che esista al mondo perché si fa fare tutto da me! ma dopo si beve un bicchierone d’acqua quasi tutto in un sorso. Con le dosi regolati a tuo gusto 😉 io ormai sono piccante resistente ma gli altri no 😉

  28. Grazie Soei99, mi bastava la conferma, nel liquore che ho fatto ne avevo messo 70 grammi, calo a 30 e tra un paio di giorni, una volta filtrato mando foto e ricetta. Adesso sto tranquillo, grazie ! PS ci sono altre erbe toccasana nel liquore che si chiama Monterosso …Creo un po’ di clima di attesa

  29. peccato non poter fruire delle proprietà dello zenzero ,poichè a me BUCA lo stomaco e mi da fitte al colon. mi piaceva molto l’acqua zenzerata, ma ahimè 🙁

  30. VOLEVO SAPERE DOVE TROVO LO SCIROPPO DI MIGLIO O SE SI PUO’ SOSTITUIRE CON ALTRO. GRAZIE
    MARIA

  31. nella mia zona lo si trova in tutti i negozi specializzati….non voglia far pubblicità palesemente occulta ma ti cito Naturasì per render l’idea…

  32. Maria lo puoi sostituire con malto di orzo, di riso o agave…io ho usato quello di miglio perché mi piace 😉 si luca, anche io l’ho trovato lì la prima volta, ora lo prendo al macro per comodità

  33. veramente interessante…da provare, complimenti.

  34. Salve a tutti! Per quanto riguarda l’uso dello zenzero, ho provato sulla mia pellaccia come sia eccezionale anche come antinfiammatorio. Giocando con il cane, molto esuberante, per evitare che mi buttasse a terra, mi sono girata in malo modo e ho stirato i legamenti della caviglia, la sera dolore… Poi mi sono fatta la mia solita insalatona di carote crude, zenzero grattugiato e succo di limone ed è sparito tutto. Per curiosità ho dato un’occhiata su internet ed ho appurato che lo zenzero è un antinfiammatorio e si consiglia il suo uso a tutti coloro che soffrono di artrite e reumatismi.

  35. ciao, utilizzo lo zenzero in molte delle mie ricette e devo dire che è davvero straordinario.

  36. Confermo che lo zenzero ha mille virtú!masticando un pezzerro di radice durante un lungo viaggio funziona anche contro il mal d’auto 😉 e xome antinausea…

  37. Dopo aver letto cosi’ tante divertenti “shamanerie” invito tutti i naturalisti e non a leggere ed interessarsi su come si fa veramente a curarsi senza l’utilizzo di “pozioni magiche” ma utilizzando le capacità naturali del corpo, attraverso l’uso del digiuno e l’igiene naturale.
    Leggete Herbert Shelton, Albert Mosséri, poi capirete bene cosa e’ la malattia e cosa vuol dire curarsi naturalmente senza nessun “intruglio” ma solo con il corpo.
    Per chi volesse avere una veloce introduzione dia un occhiata al seguente sito: http://igienenaturaleortopatia.altervista.org/blog/alimentazione-tumori/836-2/

    Per chi avrà la voglia è la pazienza di conoscere ed imparare la ricompensa sarà una salute radiosa…

    Buona salute a tutti…

    Se a qualcuno venisse in mente di domandarsi per quale motivo ho scritto questo commento. Quali interessi possa avere?…. gli rispondo: nessuno di tipo economico… l’unico mio interesse è far conoscere e diffondere l’igienismo…

  38. Bravo Alessandro, ciao a tutti, sono l’amministratore del blog igienenaturaleortopatia.altervista.org.

    Dal luglio 1928 all’aprile del 1981, in 53 anni, nella sua scuola della Salute a San Antonio nel Texas, il Dottor H. M. SHELTON ha SUPERVISIONATO più di 30.000 o 40.000 digiuni.
    Nel suo libro “Il digiuno può salvarvi la vita” nel quale riporta le sue esperienze e casistiche nel suo studio sul digiuno fra i suoi pazienti nell’arco di numerosi anni (dal 1920, per oltre sessant’anni, ha sorvegliato digiunatori) è riportato che il Dr. SHELTON ha assistito a circa 100.000 digiuni.
    Questo RECORD implica molte più esperienze di qualsiasi altro medico vivente, e molto probabilmente supera anche quella di qualsiasi altro medico della storia. (pag. 51 Il Digiuno Terapeutico).
    Gente di tutto il mondo, di ogni condizione sociale e in ogni condizione di salute si è recata da lui per digiunare e per imparare a mantenersi in salute.
    Il Dr. Shelton, ospitava nella sua Scuola della Salute anche PAZIENTI DI CARITA’, ad essi non chiedeva neanche un nichelino.
    ALLA SCUOLA dEL Dr. SHELTON non vi è NESSUNA MISURA FORZATA, NE’ CLISTERI, NE’ LASSATIVI, NE’ MASSAGGI, NE’ BAGNI, CONTA L’ EDUCAZIONE E NON IL TRATTAMENTO, LA SALUTE E NON LA MALATTIA.
    E’ una Scuola della Salute non un ospedale.
    L’ IGIENISMO SI DISTINGUE da TUTTI gli ALTRI SISTEMI DI GUARIGIONE perché RIGETTA TUTTI I RIMEDI e TUTTI I VELENI, e utilizza solamente le sostanze e le condizioni benefiche per aiutare i processi curativi del corpo.
    ESSO METTE l’ACCENTO, sul FANTASTICO POTERE di AUTO-GUARIGIONE dell’ORGANISMO UMANO, quasi del tutto ignorato ai nostri giorni.
    DUE sono I PRINCIPI O I PROCESSI VITALMENTE IMPORTANTI della Scuola della Salute del Dr. Shelton: ” trovare ed eliminare la causa del danneggiamento della salute e fornire al corpo tutti i requisiti o bisogni fondamentali dell’esistenza organica”.

  39. una domanda, il limone lo centrifughi con buccia e tutto (semi compresi) o si sbuccia?

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti