Torta castagne e cachi


Chi ha un albero di cachi lo sa, ci si trova in esubero di frutti e si cerca di preparare di tutto con questo frutto dolcissimo. Non avevo mai provato a fare un dolce, ed avendo a casa farina di castagne autoprodotta (quindi da utilizzare velocemente) ho fatto questo esperimento…e devo dire che è piaciuta molto. Velocissima da preparare, delicata e leggera.

Ingredienti:

200 g farina di castagne
100 g farina di ceci
90 g zucchero
1 bustina lievito
1 caco maturo
90 g olio di semi
100g bevanda vegetale a scelta
cioccolato fondente triturato/gocce cioccolato a piacere

Procedimento:

Nel frullatore emulsionare la polpa del caco, l’olio e la bevanda vegetale fino ad ottenere una crema liquida. Trasferire in un recipiente.
Inserire nel frullatore tutti gli ingredienti secchi (NO cioccolato), poi aggiungere l’emulsione di caco e mescolare bene fino ad avere un composto omogeneo.
Travasare il composto nella pirofila/tortiera precedentemente oliata e infarinata o rivestita di carta forno come vostra abitudine. Io ho usato uno stampo quadrato 24cm di lato.
Spargere in superficie il cioccolato.

Cucinare in forno caldo 180°C per circa 35 minuti, d’obbligo la prova stecchino.

È necessario attendere il completo raffreddamento prima di tagliare in quanto, essendo senza glutine, risulta ancora più friabile rispetto alle torte “normali”.
La quantità di zucchero può essere anche ridotta perché, a mio avviso, il caco già di suo addolcisce l’impasto.

  1. Interessante. Non ho un albero di cachi ma me ne regalano sempre tantissimi, in questi giorni ne ho lì una decina. Proverò!!! Grazie della ricetta

  2. Ottima ricetta, quindi è anche gluten free giusto?

  3. Io non amo i cachi, ma forse forse così vien voglia di mangiarliiiiiii!!! Gnam!

  4. @francescaricci si, assolutamente gluten free. Ho un collega celiaco e quando preparo i dolci da condividere al lavoro cerco sempre di farli senza glutine.
    @nicolinaLaCiura ti assicuro che non si sente la consistenza del caco, se è questo che ti preoccupa. Quello che lascia è il profumo di frutta e tanta dolcezza (a saperlo prima io avrei ridotto lo zucchero)

  5. non ci posso credere!!!!! Ssssuuuper ricettona!!! Grazie per averla condivisa 🙂 🙂

  6. Marco Benecchi 20 Novembre 2018, 19:11

    molto bravissima

  7. Che vogliaaaaa!!! 😁
    Ha un bellissimo aspetto… e chissà quanto è buona!!! 😄😄😄

  8. Quando la stagionalità prende il
    sopravvento in cucina , io sono sempre felice perché questo è sinonimo di consapevolezza !

  9. Sperimenterò questa ricetta sicuramente! Ho già l’acquilina….

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti