Tisana di luppolo

Dopo averci nutrito per tutta estate con i suoi germogli il luppolo è arrivato alla frutta, o meglio ai fiori. Possiamo usarli per fare una tisana rilassante, ottima da bere prima di andare a nanna.
Ingredienti:

fiori di luppolo freschi
camomilla secca

Procedimento:
Fate bollire l’acqua e mettete in infusione 1 cucchiaio di camomilla in fiori (o in bustina) con 1-2 fiori di luppolo presi direttamente dal freezer e messi nell’acqua bollente senza farli scongelare. Dopo 10 minuti scolate, bevete e buonanotte!

Qualche nota sul luppolo:
Raccolta: i fiori di luppolo si raccolgono in settembre quando cominciano a perdere il loro colore verde vivace e cominciano a diventare gialli e alcuni petali sembrano bruciacchiati dal sole. La raccolta è molto semplice, si possono prendere con le mani staccandoli direttamente dal fusto rampicante. Una volta raccolti si mettono in un sacchetto da freezer e possono essere congelati così come sono per mantenere fresche tutte le proprietà della pianta. Se però avete paura di trovare qualche ospite inaspettato come coccinelle, formiche o moscerini, potete mettere i fiori a bagno in una bacinella piena d’acqua per qualche minuto e poi scolarli delicatamente (sono molto fragili) con l’aiuto di un semplice scolapasta. Conservati in congelatore i fiori durano tutto l’anno. Il luppolo è un sonnifero naturale che aiuta a regolarizzare il sonno e ridurre gli stati d’ansia. Da quello che ho letto serve anche per il mal di stomaco quando ha origine nervose. Io personalmente lo uso solo come antistress naturale e posso dire che funziona molto bene. In più ha un piacevole sapore di birra.

N.B.:
I suggerimenti contenuti su Veganblog.it sono da considerarsi puramente come divulgativi ed educativi e non costituiscono un invito all’autodiagnosi o di automedicazione. In nessun caso i contenuti pubblicati su Veganblog.it possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Gli autori ed il direttore non si assumono responsabilità per danni a terzi derivanti da uso improprio o illegale delle informazioni riportate o da errori relativi al loro contenuto.

  1. interessante… ma lo coltivi tu il luppolo? di cosa ha bisogno? mi piacerebbe tanto provare questa tisana dal sapore di birra!! ma si può acquistare o si trova solo in giro? e i germogli si mangiano? scusa tutte ste domande ma sono davvero curiosa!

  2. Che bella tisana!! Magari avere a disposizione un po’ di fiori di luppolo 🙂

  3. Non ero a conoscenza delle proprietà del luppolo… Idea curiosa quella di farci una tisana! Mi associo alle domande che ti ha posto Imo79: dove e come reperirlo…?
    Al limite, se non lo riesco a trovare potrei sempre sopperire con della buona birra :mrgreen:

  4. @Imo79Il @FlowerPower Il luppolo in questione è il luppolo selvatico. Cresce spontaneamente vicino alle fonti d’acqua, tipo ruscelli e laghetti. Io sono fortunato perché sono in campagna e ne trovo tanto, ma mi è capitato di vederlo anche in città. Per tutto il periodo estivo si raccolgono i germogli che si mangiano in frittate o risotti. Il luppolo chiamato anche “artìs” o “bruscandolo” è alla base di un sacco di ottime ricette tradizionali. Per saperna di più http://www.alimentipedia.it/Verdura/Verdura_cime_luppolo.html

  5. Qualcuno ha mai provato a fare una marmellata di luppolo o fiori di luppolo?

  6. Uhm, mi piace l’idea.
    Faccio sempre una tisana prima di andare a dormire e mi piace sperimentarne di nuove.
    Grazie per questo suggerimento.

  7. Si trovano anche nelle siepi lungo le ferrovie e sono genuini
    perchè il treno viaggia con l’energia elettrica.non importa se
    c’è o non c’è l’acqua.Si raccolgono da marzo in avanti. Una volta raccolti la pianticella li raddoppia dopo poco più di una settimana pero saranno più coriacei

  8. donna cerca uomo 30 Gennaio 2013, 16:50

    interessante…ma forse la birra è meglio

  9. Essendo anche noi di campagna, siamo dei gran raccoglitori e consumatori di luppolo (vartis li chiamiamo) non sapevo dell utilizzo dei fiori; proverò quando sarà stagione 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti