Porridge leggero

Porridge leggero Dopo aver vissuto per un periodo in Inghilterra ho sviluppato una vera e propria passione per questa colazione leggera eppure tanto energizzante, arrivando a sperimentare le ricette più varie! Quella classica del porridge vegano prevede l’utilizzo di latte di soia o di anacardi (apprezzati per la loro cremosità). Questa è la mia personale versione “light”, in cui il latte vegetale è sostituito da un infuso di fiori ed erbe.

Il porridge vanta una storia antichissima e chiunque sperimenti i benefici di una colazione con la “pappa d’avena” non torna più indietro. È l’ideale soprattutto per coloro che faticano a non arrivare affamati all’ora di pranzo o soffrono di cali di zuccheri: l’avena ci fa il grande dono di un’energia ben distribuita nel tempo, senza picchi glicemici! Latte vegetale e altri ingredienti come semi e cannella rafforzano l’effetto. Per me è inoltre il comfort food per eccellenza: una pappa naturalmente dolce (senza bisogno di aggiungere altri zuccheri oltre a quelli naturalmente presenti nella frutta) e cremosa, da mangiare al cucchiaio! 

Questa versione light (senza latte vegetale) io la riservo al week end o ai giorni di festa, quando alzandomi più tardi del solito desidero una colazione sostanziosa ma non troppo. 

Ingredienti:
Frutta fresca a scelta tagliata a pezzetti
Una ciotola di fiocchi d’avena
Mezza banana
Infuso a scelta a seconda dei gusti (trovo che la delicatezza del porridge si sposi benissimo con gli infusi dolci o speziati: miscele di camomilla, fiori, cannella, scorze di cacao ma anche frutti rossi e lampone)
Semi oleosi (in particolare semi di zucca e girasole), semi di chia
Frutta disidratata a scelta
Cannella in polvere

Procedimento:

Tagliate la frutta a pezzetti e riunite il tutto in una ciotola (per il porridge di stamattina ho utilizzato due fette di melone invernale e due manciate di mirtilli).

Nel frattempo preparate l’infuso. Io ho messo in infusione una miscela di lavanda, fiori di camomilla, menta, finocchio e melissa. Versate poi  l’infuso ancora caldo sui fiocchi di avena. Lasciate riposare, da qualche minuto a qualche ora a seconda di quanto volete che la pappa sia cremosa.

Una nota importante sui fiocchi di avena: se non avete mai provato il porridge vi consiglio di sperimentare marche diverse e diversi gradi di tostatura prima di decidere che non fa per voi! I fiocchi possono essere diversissimi tra loro: ne esistono varietà più grandi e altre più piccole. Più i fiocchi sono piccoli più il vostro porridge sarà soffice, se invece preferite una colazione croccante, fiocchi più grandi e maggiormente tostati sono ciò che fa per voi! Potete anche decidere quanto il vostro porridge debba essere denso. Io preferisco una versione più liquida (forse più simile alla classica colazione con i corn flakes aggiunti al latte vegetale) ma aggiungendo meno infuso e aumentando i tempi di posa potete ottenere una crema o una pappa vera e propria!

Quando il grado di cremosità dei fiocchi vi soddisfa, unite la frutta fresca, la mezza banana a rondelle e i semi. Io ho utilizzato mirtilli rossi disidratati, semi di chia (che se lasciati riposare più a lungo aggiungono ulteriore struttura al composto) e semi di zucca tostati.

Spolverate a volontà con la cannella, che aiuta anche a ridurre il carico glicemico. Il vostro porridge leggero è pronto!

 

  1. Buona colazione…
    🙂

  2. Interessante non ho mai assaggiato il porridge

  3. Forza porridge! Io me lo concedo di domenica, che ho più tempo per fare colazione e lo pappo nella maniera più goduriosa e “pesante” che ci sia… : banana e cioccolato fuso! Una coccola !!

  4. Appartengo a quelli che amano il porridge, è favoloso.Lo faccio spesso come lo hai presentato tu. Buonissimo.

  5. Bentornata Stella, era da molto tempo che non ci venivi a trovare e posso dire lo hai fatto con una bella ricetta 🙂

  6. Bentornata Stella e complimenti per questa idea sfiziosa di prima colazione !!!

  7. Trovo bellissima questa ricetta 😊😊😊 Grazie per questa chicca 😉

  8. Grazie a tutti ☺️ è un grande piacere essere di nuovo fra voi!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti