Pici all’aione

Questa pasta l’abbiamo fatta con Giorgio (il fidanzato di Enrica) che in questo periodo si diverte molto a fare la pasta fatta in casa 🙂 l’abbiamo chiamata all’ “aione” perchè lui non riesce bene a dire il “gl” quindi aglione lo pronuncia “aione” 😀

Ingredienti:
2 spicchi di aglio
200 g di farina 00
1 tazzina di acqua
1 peperoncino
1 scatoletta passata di pomodoro
olio

Procedimento:
Disporre la farina a fontana e a mano a mano unire l’acqua amalgamando. Spianare l’impasto ottenuto, se volete anche aiutandovi con il mattarello. Tagliare poi delle striscette da arrotolare con le mani per dare la classica forma.

Tritare l’aglio finemente (se lo avete con il mortaio o il trita-aglio). Scaldare l’olio in una padella con l’aglio precedentemente tritato e lasciare sul fuoco basso per 5-10 minuti schiacciando con un cucchiaio e smuovendolo spesso. Aggiungere il peperoncino tritato, la passata, e alzare di poco il fuoco. Lasciar cuocere, girando ogni tanto, per circa 15 minuti.

Mettere l’acqua a bollire e cuocere i pici per 8 minuti, poi scolarli, unirli al sugo e cuocerli un altro minuto facendoli insaporire. Servive caldi!

  1. Conosco questa pasta! E’ uno dei piatti forti dell’agriturismo in Val d’Orcia, dove vado ogni tanto in vacanza!!! Siete state bravissime a preparare la pasta a mano! 🙂 🙂

  2. Grazie mille Rossella 🙂 è stato molto più semplice di quanto pensavamo!! 😀

  3. buoni i pici all’aione!! è giunto il momento di fare la pasta fatta in casa!! quest’estate ho salutato il matterello ma da un pò di giorni lo guardo e penso che i tempi siano maturi per impastare 😉 pici a me!

  4. e anche questi devo proprio farli!! non ho mai preparato i pici! il momento è giunto mi avete fatto venire fame!!!

  5. bravissime! non amo l’aglio, ma i pici si! e mi avete fatto ridere con la spiegazione del nome… sarà perchè io invece non pronuncio la r.. 🙂

  6. che bella questa pasta fatta in casa 😀 e soprattutto…intrigantissimo lo smalto multicolor dell’ ‘impastatrice’ 😀

  7. Gnammmmmmmm che spettacolo questa pasta! 😀

  8. Federica grazie 🙂 Eh si…ora che si passa più tempo in casa è giunto il momento di riprendere il mattarello 😀
    Imo79 provali!! Sono davvero facili e buoni 🙂
    DarmaSin grazie 🙂 …Tu potresti farli con i porri allora!! Hahah 😀
    Cassiopea grazie 🙂 lo smalto è messo solo su 4 dita (oltre che di colori diversi) perché per non togliere troppo tempo allo studio lo mettevamo su due dita al giorno!! Hahaha 😀
    Ambrosia grazie milleeee 🙂

  9. Eeeeh ma cosa vedono i miei occhi?!?!? Che belliiii e che buoni!!! Adoro il sugo di pomodoro e l aglio.E questa pasta fatta in casa e’ bellissima!!!! Braveeee 🙂

  10. Ma buonissimi questi pici!

  11. Già buonissimi questi pici 🙂

  12. i pici mi mancano ma c’è sempre una prima volta!

  13. Grazie a tutte 🙂 erano buoni buoni buoniiii!! :p provateli 🙂

  14. Mmm, sembrano davvero appetitosi!
    Domanda: una tazzina d’acqua per 200 g di farina non è un po’ poca…? Siete riusciti ad impastare senza fatica?

  15. Ciao Flowerpower, si noi siamo riusciti ad impastare bene!! La nostra tazzina è abbastanza cicciottella…comunque se dovesse servire più acqua di può aggiungere tranquillamente 🙂

  16. Looking for a Pici Mattarello. Where can I get one? TKS

  17. Hi John Scott, Pici must be handmade…you don’t need mattarello!! You could use it only to flatten the dough before cut strips to make pici!!

  18. Ciao,

    complimenti dalla Val d’Orcia!
    Ti voglio solo dire che dalla foto si vede che i pici sono fatti uno ad uno, invece da noi se ne fa uno lungo fino a diventare una matassa.
    Poi si mettono a bollire le matasse a seconda di quante persone
    sono a tavola.
    Buon appetito!

  19. Ciao Vilmo!! Grazie del tuo commento 🙂 …curioso il vostro metodo!! Se ci ricordiamo la prossima volta proviamo così 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti