Pasta delle 3 farine

L’idea era di svuotare la dispensa con gusto! Il risultato visivo è imbarazzante ma il sapore strepitoso. Ora mi sono “liberata” della farina di semola di grano duro (più semolino), di grano tenero e della farina di mais – o per lo meno di quel che ne restava -, tiè! 🙂

Ingredienti (per 2 persone):
2 bicchieri di semola di grano duro
1 bicchiere di semolino
1 po’ farina di grano tenero
1 po’ di farina di mais
1 cucchiaio abbondante di olio evo
1 pizzico di sale
acqua qb

Ingredienti per il sugo:
trito di pistacchi
pesto di pistacchi (già pronto)

Procedimento:
Disporre la semola e il semolino sul piano di lavoro aggiungendo il sale e l’olio.

Impastare con cura con un po’ d’acqua fino a ottenere una consistenza non troppo ruvida (al contrario va benissimo la ruvidezza se non dovete smaltire altre farine) bensì ancora morbida.

A questo punto aggiungete le altre farine e sbizzarritevi con quella di mais, la sua ruvidezza dà alla testa. Stendere con un mattarello la pasta e tagliare come preferite! (leggere: come vi viene meglio!)

Non è importante la perfezione come potete ben vedere! Versare in acqua bollente e in pochi secondi la vostra pasta sarà già bella fumante nel piatto!

Condite a piacere, ma coi pistacchi è meglio 🙂 Quanto belli sono, anche tritati?

  1. Quanto mi piacciono i tuoi piatti rustici Jaja! 😉 😀

  2. Ahahah devo controllare meglio la voce rustico sul vocabolario, ho paura che ci sia un significato che mi sono persa che è sinonimo di mostruoso! 🙂

  3. Ma noooo…Non sono mostruosi! Sono dei piatti che fanno venire tanta fame quando li guardi! 😀

  4. Anche quando li mangi, cambierò il nick name in rusticjaja! Ora dormo, padova e l’università mi attendono! Notte Michi, vedi di non sognarti questa pasta, un bacio!

  5. O Rusticaja! 😉 Notte notte, cercherò di fare del mio meglio per non sognarla anche se adesso mi hai fatto venire fame! 😉 Ciao ciao un bacio! :-*

  6. che bella ricetta! dalla prima foto avevo pensato fosse del riso! questa bisognerà riprodurla al più presto! 🙂

  7. wow che meraviglia!! 🙂

  8. meravigliosa! bravissima! 🙂

  9. hai inventato un nuovo formato di pasta…complimenti! 🙂 🙂

  10. Stuzzica le papille!!! E poi quel trito di pistacchi, che bontà! 🙂 🙂

  11. ma infatti non sono mostruosi…sono dei buonissimi gnocchetti 😀 ecco cosa farò con la farina di semola da poco comprata e che scade a luglio (stupida io che spesso mi scordo di guardare le scadenze quando compro le cose 😉 )
    in quei pistacchi tritati mi ci tufferei 😀

  12. ma che buona! brava jaja!! ciao 🙂

  13. che bello tutti con le mani in pasta! buonissimo il condimento!

  14. A me non sembra brutta come dici questa pasta,sembrano un po’ degli spatzle trentini più grossi.poi,scusa,esistono anche ad esempio i maltagliati.ci sono dei biscotti che si chiamano brutti ma buoni…io sono per il detto:l’abito non fa il monaco.anche in cucina.a me attira molto questa pasta.brava

  15. io sono d’accordissimo con valentina! (forse perchè pure io produco delle cose buone ma solitamente non belle esteticamente..) e comunque l’idea di questo mix è ottima e pure il condimento, brava!

  16. Jaja, un piatto davvero creativo e invitante. Devo finire anch’io un po’ di farine e mi hai dato un’ottima idea.

  17. Sono convinta che i piatti migliori siano quelli che partono da ingredienti semplici e che devono essere smaltiti al più presto!!!con un pò di fantasia si realizzano ricette spettacolari..brava!!!

  18. Questo si che è un bel modo per riciclare farine che avanzano in dispensa 😛

    …sei stata bravissima Ilaria, ottimo risultato 😛

    ps. che bona sta pasta coi pistacchi *_____*

  19. Siete tutti troppo buoni, come i pistacchi!

  20. E vai di smaltimento farine!
    Motodo interessante per quando ti rimane il fondo del pacchetto e non sai cosa inventarti per finirle (polpette a parte).
    Brava Ilaria!!!

  21. Interessante. Da provare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti