Carciofi alla turca

Sono davvero emozionata! La mia prima ricetta è semplice ma curiosa, in quanto mi ricorda una piccola avventura alla scoperta di differenti usi e tradizioni culinarie. Le prime settimane in cui arrivai in Turchia scoprì nel banco di frutta e verdura degli strani ortaggi bianchi giallini a forma di ciotolina che galleggiavano in un recipiente d’acqua e limone.

Potete dunque immaginare la mia curiosità nel scoprire di cosa si trattasse. Mi recai dunque ad un’altro grande, coloratissimo e profumatissimo mercato di strada dove osservaì i venditori tutti intenti a tagliar via tutte le foglie di enormi carciofi, riducendoli alla forma di perfette ciotoline! Ero sbalordita… cresciuta condividendo appieno la massima del “non si butta mai niente”, avrei voluto portarmi a casa tutte le foglie e farmi un bello stufato per cena!! Quando accennai la mia idea ad un amico turco scoppiò in una fragorosa risata, spiegandomi che loro le foglie non le mangiano perchè quelle di quella qualità di carciofo, a differenza di quelli più piccolini, sono davvero dure!
Il mio amico mi consigliò quindi di provare la ricetta turca dei carciofi in una Lokanta, cioè un tipico e diffusissimo ristorantino-trattoria. Avendo dunque provato la loro bontà ve li propongo in due varianti!

Ingredienti prima variante:
4 carciofi (privati di tutte le loro foglie esterne)
1 mazzetto di asparagi verdi
qualche cipollina
prezzemolo o altre erbette aromatiche (io ho usato questa buonissima che ho trovato al mercato ma di cui non so il nome)
sale
un filo d’olio evo

Ingredienti seconda variante:

4 carciofi
piselli freschi o surgelati
2 carote piccole
qualche cipollina
sale
un filo d’olio evo
prezzemolo

Procedimento prima variante:
Dopo aver sciacquato i carciofi e gli asparagi, metterli a bollire in una pentola piena d’acqua con un pizzico di sale grosso per circa 20 minuti, fare la prova morbidezza con la forchetta.
Scolarli e lasciarli un po’ raffreddare. Decorare semplicemente con qualche cipollina, fogliolina di prezzemolo o altra erbetta aromatica e condire con un filo di buon olio d’oliva.

Procedimento seconda variante:
Dopo aver lavato i carciofi, i piselli e le carotine già pelate, metterli a bollire in una pentola d’acqua con un pizzico di sale grosso per 15-20 minuti. Scolarli e lasciarli intiepidire.
Tagliare le carote a tocchetti e unirle ai piselli, e condirli con un pizzico di sale (da me omesso), un po’ di pepe nero e un filo d’olio. Disporre poi nel piatto, riempiendo le ciotoline di carciofi con piselli, carotine, qualche cipollina, il prezzemolo e un filo d’olio. Gustare la loro delicatezza e semplice bontà!
Il punto:

Prima di partire per la Turchia, quando ne parlavo con gli amici tutti si preoccupavano di cosa avrei potuto mangiare nel Paese famoso per kebap e köfte (polpette), io invece ero piena di speranze e curiosa di provare tutte le specialità non crudeli e le squisite spezie turche.
Dopo sei mesi che vivo a Istanbul posso proprio dire che il mio entusiasmo è stato premiato. Ho scoperto che la cucina turca offre moltissimi piatti vegani ed utilizza moltissime verdure e legumi in modo svariato. Inoltre, qui la cultura del cibo di strada e del pranzare o cenare in giro è davvero diffusissima e parte della tradizione, ma soprattutto qui è incredibilmente più facile mangiare fuori per un vegano!!
Si trovano ovunque venditori ambulanti di simit (ciambella di pane ricoperta di sesamo), di frutta secca, di castagne (inspiegabilmente anche ora che siamo praticamente in estate), di succhi di frutta spremuta al momento, ed inoltre posticini deliziosi dove fermarsi a bere un tè o un caffè o mangiare qualcosa. La Lokanta è un tipico e diffusissimo ristorantino turco, ottimo per qualità e prezzi e dove incredibilmente si possono trovare sempre tantissimi piatti veg come la zuppa di lenticchie, pomodoro o spinaci, diverse verdure stufate o saltate in padella, ceci e fagioli al pomodoro, riso pilav e bulgur nonchè un ottimo dolce fatto con sola zucca e zucchero!

Spero che il mio piccolo report sulla Turchia vi sia potuto essere utile, vi saluto con una foto del mio amico Hakan, gattone-cittadino di Istanbul davvero tanto tanto affettuoso!!
Un abbraccio.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Per conoscere meglio VEGANOK, scarica qui il nostro rapporto di impatto Etico.
Renata Balducci, presidente di Associazione Vegani Italiani e fondatrice di Veganblog
  1. Ciao Dafne L, benvenutissima tra noi! 🙂

    Reply
  2. Ciao Dafne L, la tua ricetta è veramente invitante ed anche la foto è bellissima… Complimenti davvero.
    Peccato solo che per eseguire al meglio la tua ricetta siano preferibili i carciofi romani e qui da noi in Toscana sono quasi irreperibili…
    🙂

    Reply
    • Da noi qui i carciofi non vanno lasciati maturare fino a diventare il fiore grande per recare quello che vedi nel piatto che avrà la gradendeza di un palmo… Sono sprecati… Qui o mangi i picolli o niente perché più della metà vanno buttati

      Reply
  3. Benvenuta! 🙂 complimenti per la ricetta deliziosa e per il magnifico reportage su Istanbul, una città affascinante… a presto ri-leggerti! 🙂 🙂

    Reply
  4. p.s.: ma che bello è Hakan??? 🙂 🙂

    Reply
  5. Benvenuta in famiglia Laura!!! mi affascina tantissimo Istanbul, e dovrò assolutamente andarci prima o poi… 😉

    Reply
  6. Bellissimi!!! Adoro la cucina turca, hai ragione offre un sacco di spunti ” naturalemte vegani”, complimenti e benvenuta 🙂 🙂 Bellissime foto!

    Reply
  7. benvenuta! che bella foto, che bella ricetta e che bella storia e che bel gatto !! 😀

    Reply
  8. benvenuta e complimenti per la ricetta 🙂

    Reply
  9. Grazie mille a tutti per il benvenuto!! Si Istanbul è una città incredibile, è davvero difficile tentare di descriverla a parole, ha tante dimensioni contrastanti che si fondono in un atmosfera unica!!
    Io, il dolce Hakan e tutti gli altri micetti-cittadini vi aspettiamo!!

    Reply
  10. Complimenti per la ricetta e per il reportage!!!
    Interessantissimo!
    Benvenuta!

    Reply
  11. Benvenutissima! La ricetta è meravigliosa,ma ancor di più lo è il modo in cui ci racconti della Turchia…

    Reply
  12. buonissima ricetta!! e bellissimo gattone!! ^^
    benvenuta!! 🙂

    Reply
  13. Ciao Dafne e benvenuta tra noi! 😛

    …mi piace tantissimo “l’aria mediterranea” che si percepisce nella foto del tuo profilo 😛

    …per non parlare della foto della ricetta 😛

    E’ praticamente strabiliante *__*

    Adoro i carciofi, specialmente la parte tenera interna 😛

    Complimentissimi per il post di entrata 😛

    (buon pranzo a tutti 😉 )

    Reply
  14. Grazie Nello! Confermo mi sento a casa e molto in un’atmosfera “mediterranea”, sempre più mi rendo conto di quante tradizioni, profumi e colori condividiamo con i paesi che si affacciano sul mediterraneo come il nostro!

    Reply
  15. deliziosi e splendida foto!! benvenuta 🙂

    Reply
  16. Benvenuta!E viva veganblog anche in Turchia!Grazie per il reportage hai stimolato la mia curiosità, ne voglio ancora, grazie!!!

    Reply
  17. Che bella presentazione!!nn sono mai stata in turchia, ma mio fratello ci va quest’estate, magari mi unisco a lui..la tua ricetta sembra proprio interessante..io nn amo particolarmente i carciofi..ma la faro’ di sicuro per i miei ospiti 🙂 bellissimo anche il micio!!complimenti e benvenuta!aspettiamo altre tipiche ricette turche!!

    Reply
  18. Geniale.. Complimentiiii.. Benvenutaaa

    Reply
  19. Ciao Laura, mia omonima, benvenuta! hai fatto davvero delle bellissime foto… Che bella che deve essere la Turchia, mi piacerebbe visitarla e prima o poi lo farò. Complimenti per la scelta coraggiosa, a 20 anni non è da tutti trasferirsi un in altro paese. Aspetto curiosa i tuoi reportage e le tue ricette.

    Reply
  20. Laura, ciao, benvenutissima!! Che meraviglia che stai a Istanbul, ci sono stata qualche anno fa e me ne sono innamorata..e grazie, grazie davvero di questo reportage e delle meravigliose ricette ( e complimenti, la prima foto è da libro di cucina!!) 😀

    Reply
  21. magnifici, e che foto!!! molto molto benvenuta Laura!!

    Reply
  22. Grazie davvero a tutti per il caloroso benvenuto!!
    Le foto le ho scattate insieme a un’ amica turca, con la sua fantastica canon, perchè la mia macchinetta è davvero scarsina!!
    Quindi sfortunatamente non posso assicurare niente sulla qualità delle prossime!
    Si, consiglio a tutti di venire a esplorare la Turchia e spero di riuscirvene a mostrare qualche scorcio attraverso qualche ricettina! 😉

    Reply
  23. benarrivata da un’altra espatriata! deliziaci con ricette e curiosità dalla terra che ti ospita! 🙂

    Reply
  24. Ciao Dafne!! benvenuta e complimenti per la ricetta!! Siccome adoro la zucca, appena puoi, potresti postare il dolce con la zucca e lo zucchero?!? gnam gnam!!! Che bello il tuo micione!! hakan ha qualche significato in turco?

    Reply
  25. Benvenutissima su Veganblog =)) Che meraviglia di reportage *___* Mi hai fatto venir voglia di visitare la Turchia =))
    E ottime anche le ricette =) La seconda mi ispira parecchio =P Se non fosse che mi mancano i carciofi la proverei a fare per cena =) Intanto salvo nei preferiti!!

    Reply
  26. Ciao benvenuta! Grazie per questa bella ricetta verdurosa 🙂

    Reply
  27. Ciao LAura, benvenuta con questa ricetta semplice ma molto particolare, complimenti per le belle foto 🙂
    Mamma come ti invidio tutti quei meravigliosi mercati dove trovi mille cose colorate e magari che da noi non si trovano 🙂

    Reply
  28. Complimenti per la tua energia! Complimenti per ricetta.. il piatto è davvero ben composto, anche l’occhio vuole la sua parte..
    Siamo davvero felici di averti tra noi.. e ci auguriamo che prima o poi in uno dei tuoi rientri in Italia,magari in concomitanza con qualche evento vegan in cui partecipiano oppure organizzato da noi, ci si possa incontrare..!
    Buona Vita ..
    Un abbraccio
    Renata

    Reply
  29. Ciao Laura! Fantastici i carciofi, li adoro. E grazie anche per le informazioni su Istambul, una città con un’atmosfera così fiabesca…che bello sapere che si può mangiare bene anche vegan 🙂

    Reply
  30. fantastiche queste barchette e che bello i tuoi racconti sulla turchia!

    Reply
  31. Ciao e benvenuta, complimenti per la ciotolina di carciofi. Adoro i carciofi.

    Reply
  32. Ciao Dafne L, benvenuta! 😀 Ricetta strepitosa, foto bellissime, gatto da mangiare di baci!!!

    Reply
  33. Benvenuta Laura/Dafne L! complimenti per la ricetta e per la tua vita di viaggiatrice! 😀

    Reply
  34. Ciao Laura, benvenuta! E benvenuto anche ad Hakan! 😉

    Reply
  35. benvenuta Dafne L! bellissima ricetta e stupenda foto! : )

    Reply
  36. Benvenuta!!! splendida ricetta 🙂

    Reply
  37. Ciao Laura e benvenuta! 😀

    Reply
  38. Ciao, benvenuta, la tua ricetta è super!!!e la turchia deve essere splendida, me lo dicono tutti :-*

    Reply
  39. Si si si Dafne L che bella ricetta e che belle foto: benvenuta! Questi li faccio anch’io… ma con dei fondi di carciofo surgelati eh! 😉

    Reply
  40. Bevenuta nel blog con questo tuo bel doppio piattino!

    Reply
  41. Wow!Che meraviglia…sei davvero la benvenuta…e se questa è la tua prima ricetta, chissà le prossime!!!!

    Reply
  42. Adoro i carciofi… sicuramente gradirei anche quelli turchi! Benvenuta e complimenti per la foto… fatti aiutare ancora dalla tua amica! 😀

    Reply
  43. Ma nuuuu, Hakan è uguale al mio Ezra Pound!! ahahah! e, saranno banali, ma i Falafel li hai mangiati? intanto complimenti per questi carciofi, io propendo per la prima versione, mi sembrano eccellenti: brava!

    Reply
  44. Benvenutissima con questa tua gran bella ricetta!! Continua a raccontare della Turchia.. è bello viaggiare con i racconti degli altri;)

    Reply
  45. Benvenuta e complimenti per tutto!!!!!!!!! 😉

    Reply
  46. Benvenuta! I tuoi carciofi sembrano ottimi, ma a me piange il cuore a buttare tutte le foglie! L’erba che hai usato penso sia aneto. Ciao

    Reply
  47. Ciao Dafne, benvenuta! Complimenti per la ricetta e grazie per aver condiviso con noi le interessanti notizie su Istanbul! Ciao ciao!!

    Reply
  48. Buoniiii i carciofi!!!
    Anche io Laura, anche io Dafne di nick (immagino per le stesse ragioni!). Continua a stupirci con i profumi e i sapori turchi!

    Reply
  49. Benvenuta Dafne. Grazie della ricetta, della reportage su
    Istambul e soprattutto della foto di questo bello micio.

    Reply
  50. foto splendide!
    Adoro i carciofi e queste ricette mancavano proprio alla mia cucina, il mio compagno balla la tarantella appena le vede 😉
    non vedo l’ora di provarle, spero di trovare ancora i carciofi adatti… ho visto che hai usato le mammole…
    E poi il micione finale ha concluso degnamente tutto questo popò di bene 😉

    Bacioni, benevenuta e complimenti!

    Reply
  51. Dafne!! benvenuta. Che splendida ricetta e che foto meravigliose. Complimenti davvero.

    Reply
  52. Ciao Dafne, bella ricetta e come dice il detto ” tutto il mondo e’ paese” sappi che qui a Padova la gente utilizza per la piu’ parte i fondi, esattamnete scavati e mondati come quelli che proponi.
    Bellissimo il gattissimo, il mio Micillo e’ ancora piu’ arancione…
    alla prossima

    Reply
  53. benvenuta! complimenti per la ricetta…la proverò coi carciofi sardi, la prossima stagione naturalmente!

    Reply
  54. Ciao! andrò a Istanbul per capodanno, è la terza volta, è verissimo, la cucina turca ha tante proposte per i vegani!!! E in più è una città magica, ti invidio!

    Reply
  55. Sai quanti mesi ci ho messo a capire che quelli, che vedevo in ogni posto dove mangiavo, erano carciofi! Diciamo 4 mesi 😉
    Bello trovare (e provare) la tua ricetta.
    Ma tu sei in Turchia ora? Io sono tornata da qualche mese, dopo più di un anno, e mi manca moltissimo.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti