Zollette di zucchero al genepì

Un bocconcino di sapori ed energia. Il giusto premio per una camminata o una bella sciata in montagna!
Genepìzucchero
Ingredienti:
zollette di zucchero qb
alcol della macerazione del Liquore di genepì

Procedimento :
Prendere un vaso di vetro del tipo a tappo o chiusura ermetica. Riempirlo di zollette di zucchero. Riempire fino a coprire le zollette, con l’alcol che avete usato nella macerazione del genepì. Fate attenzione: non il liquore di genepì che è allungato con l’acqua, ma l’alcol con cui avete estratto le essenze. Richiudete il barattolo. Meraviglia! Lo zucchero non si scioglierà e si manterrà per anni (lo zucchero non è solubile nell’alcol). Al bisogno si prenderà una zolletta imbevuta di alcol e sapori, ma anche due, perchè no, per una sferzata di energia e calore. Con lo stesso procedimento potete insaporire le zollette con l’alcol aromatizzato dall’erba o dai semi che più vi piacciono.

  1. sempre meraviglia ma non amando i dolci li lascio a voi altri 😉

    bless and love!

  2. Mi raccomando non usate il liquore fatto che contiene acqua e scioglierebbe lo zucchero, ma solo l’alcol puro della macerazione quelle zollette hanno un anno e passa

  3. Che ideazza MMMM (MagicoMastroMagoMichele) 😆 !!! Hic ! :mrgreen:

  4. Wow! Lo zucchero alcolico mi manca!

  5. Michele io niente zucchero bianco se posso, ma queste zollette sono superlative! Un bacione…..vai al Conero????? 😉

  6. Ametista e Maria Grazia_89 grazie ! Non so se esistano zollette di zucchero di canna. Se sì si possono fare lo stesso. La ricetta, come quella del genepì è di mio nipote piemontese, grande camminatore per le alte quote e ogni tanto ne usa durante le passeggiate. E’ sempre in cresta sui 3000 metri . Qualche volta vado sul Conero . Lali_64 adesso anche con 4 M !!! Manca Mitico e facciamo batti 5 !

  7. esistono di canna le zollette, non dimenticate però che lo zucchero di canna “commerciale” è semplicemente quello bianco caramellato….in effetti MMM quando hai tirato fuori il genepì come ricetta mi hai fatto un velato omaggio anche se io di piemontese non mi sento nulla 🙂

  8. Si grazie Luca. Io anche quello di canna lo uso moderatamente e sempre il Mascobado o Muscovado che dir si voglia. Ma certamente ormai vado di malto di riso o di miglio e preferibilmente quello del macrobiotico. 😉 Ciao Luca, ciao Michele carissimo!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti