Veg green cheese

Ciao a tutti, amici carissimi di Veganblog! Ogni promessa è debito, perciò, come vi avevo annunciato nella ricetta Tagliatelle al veg-green, eccovi il veg green cheese :mrgreen: ! Questo sformaggio – una sorta di gorgonzola vegano – si prepara in 2 tempi, ma non è difficile da fare! Basterà seguire le istruzioni che vi riporto step by step 😉 !image
Ingredienti step n.1:
125 g di riso Carnaroli lessato (pesato cotto)
2 cucchiai rasi di fecola di patate (o amido di mais)
180 ml di acqua
sale qb
1 cucchiaino di burro di soia (o di cocco)
1 cucchiaino di succo di limone
2 cucchiai di panna vegetale

Ingredienti step n.2:
140 g di cavolo rapa grattugiato fine
1 cubetto di lievito fresco
150 ml di acqua
sale qb
imageProcedimento:
Per prima cosa prepariamo una mozzarella di riso con gli ingredienti elencati nello step one, perchè, oltre alla componente aromatica, scoperta quando ho sperimentato il felice connubio “cavolo rapa-lievito”, ci serve una base soda, ma un po’ appiccicosa. Frulliamo dunque, col minipimer, il riso cotto in precedenza in acqua salata e ben scolato e raccogliamo la purea in un pentolino, dove avremo già sciolto la fecola nell’acqua fredda. Mettiamo il pentolino sul fuoco dolce e lasciamo che il composto si addensi, fino a diventare filante. A questo punto aggiungiamo il succo di limone, la panna veg e, da ultimo, il burro di soia (o quello di cocco). Continuando a mescolare, attendiamo che tutti gli ingredienti vengano assorbiti e versiamo il composto in uno stampo oliato, lasciando che intiepidisca, prima di trasferìrlo in frigo, per 3 ore, a solidificare. Trascorso questo tempo, avremo ottenuto una mozzarisotta come quella che vedete nella foto sottostante, dalla consistenza un po’ appiccicosa, che fa al caso nostro.image
Passiamo dunque allo step n. 2, raccogliendo in un tegamino il lievito di birra sbriciolato e sciolto nell’acqua. Aggiungiamo il cavolo rapa grattugiato e mettiamo il tegamino sul fuoco. Mescoliamo in continuazione e vedremo formarsi sotto ai nostri occhi una cremina dal forte odore di… gorgonzola! Aggiustiamo di sale e allontaniamo il pentolino dal fuoco. Lasciamo riposare per 2 ore la crema formaggiosa, dopodichè tagliamo a fette la mozzarisotta e incorporiamola alla crema formaggiosa, dentro ad un recipiente idoneo.image
Mescoliamo bene e mettiamo il contenitore in frigo fino al momento di assaggiare il nostro veg green cheese;-) !
image
Sta bene da solo e in compagnia: ottimo sul pane!

  1. Laliiiiiii!!!! Ma che buono, un’altra delle tue super-creazioni!!! Devo trovare questo cavolo rapa, di cui avevo visto la foto, ma io non l’avevo mai visto! Incredibile!!! Ma lo sai che invece ho comprato le radici amare? Le ho trovate! 😉

    Reply
  2. Che bello, Amee 🙂 !
    Allora potri fare il Radicamaro con brio 😉 !
    Un plotoncino di bacini ti insegua e ti avvolga 🙂
    Grazie gioia 🙂

    Reply
  3. Visto che ormai sono più che rassegnata che il cavolo rapa non si trova mi consolerò con la mozzarisotta!!La posso fare con il riso integrale e la farina di riso al posto della fecola secondo te????? Pps Anche a voi capita che dopo i commenti non ve li carichi e vi dica ops pagina non trovata??????

    Reply
  4. @Soei99: ciao tesorina 🙂 !
    Certo puoi fare la mozzarisotta 🙂 e anche col riso integrale, ma affinché non si sentano i chicchi, frullalo ben bene. La fecola o altro amido é indispensabile per rassodare e agglomerare il composto rendendolo gommoso. In altetnativa prova ad usare 2 cucchiaini di agar agar sciolti + 1 cucchiaino di farina di semi di carrube sciolti nell’acqua fredda. Prima di versare il composto nello stampo assicurati che abbia una consistenza scorrevole tipo passato di verdure perché se é troppo denso e l’acqua é poca l’agar non agisce. 😉
    Fammi sapere 🙂 ! Baci

    Reply
  5. Pensavo di passarlo al passaverdure come la crema di cerali…ummm….ho varie cose da produrre…ora ho in forno il pane di farina integrale e riso…se viene bene vedrai che roba!!!!!

    Reply
  6. Soei comunque, se cerchi uno sformaggio di riso da andare sul sicuro prova Stracchirí é troppo buono! Oppure il Cacioriso del casale… bbono pure quello!!! 🙂
    Aspetto il tuo pane innovativo allora…. mmmmh 😉

    Reply
  7. hmmmm….sta facendo fatica a lievitare….mi sa che lo metto in forno a cuocere stasera e che ora ce lo lascio a lievitare….è un po’ pesantoso poverino, ed essendo un’esperimento magari si sente un po’ osservato e fa il timido 😉 forse quando torno dal lavoro stasera è diventato più sicuro di sé e avrà deciso di lievitare….mha 😉 più che vegan in cucina “il chimico vegan”….

    Reply
  8. e se lo unissi al radicchio e gnocchi!? sai che goduria L!

    bless and love!

    Reply
  9. @Soei99: magari é lento a lievitare per via del maltempo 😕 … 💡 Tienilo al caldo e massaggia con olio tiepido la pasta così non si secca…

    Reply
  10. Ciao Luca 😀 ! Secondo me il connubio che hai descritto va bene 😉 … con spolverata di lievito in scaglie finale ehrh :mrgreen: !
    E’ un po’ bruttino a vedersi, ma ho evitato l’agar perché non ne modificasse il sapore formaggioso (un po’ si sente sempre). Se lo vuoi proprio cremoso puoi frullarlo 🙂

    Reply
  11. L’avevo detto!!!! Era solo timido!!!! Ha lievitato e ormai è quasi cotto 😉

    Reply
  12. Wowowow (triplo wow :mrgreen: ) !!!
    Non tenermi sulle spine… come é venuto? 🙂
    Io invece ho provato il veg green cheese sugli spinaci lessati… la morte sua 😉 !!!

    Reply
  13. hmmmmm…. Io ti do il pane, tu mi dai un cavolo rapa????

    Reply
  14. Te l’ho detto Soei che se vuoi te lo spedisco 😉 !

    Reply
  15. Altro cavolo rapa da andare a comprare 😉 ehehee

    Reply
  16. @Different: é speciale nei ripieni, per farcire e gratinare piatti da forno e nelle minestrine 😉 !!!

    Reply
  17. 🙂 a Pasqua che ho tempo le provo tutte 🙂

    Reply
  18. Ma che bella… una soffice nuvola! 🙂 🙂

    Reply
  19. Grazie Niki 🙂 !
    Ci vuole un po’ più di tempo a prepatarlo ma il risultato ripaga la pazienza impiegata 😉 !
    Bacibaci tesora… 😀

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti