Tartine al caviale vegetale


Questa la potremmo definire una non-ricetta, data la semplicità di esecuzione. Diciamo che è più che altro uno spunto per creare effetti ottici molto carini! 😀 L’idea me l’ha data la commessa del negozio bio dove mi rifornisco: ha detto che le lenticchie beluga sono definite il caviale dei vegetariani! Non so se sia vero, ma l’idea mi è piaciuta molto! Sono delle lenticchie piccolissime e nerissime, che si cuociono in soli 20 minuti. Le mie sono della marca Rapunzel. Spero che almeno possa piacervi l’idea 🙂

Ingredienti:
lenticchie beluga cotte (condite con un po’ di olio evo)
pomodori secchi
vegrino o altro formaggio veg spalmabile (o burro di soia)
erba cipollina per decorare
verdurine da accompagno (carote, peperone, asparagi etc…)

Procedimento:
Niente di più semplice: tostiamo del pane (meglio se pan carré) privato della crosta laterale. Spennelliamo con un po’ di vegrino o un velo di burro di soia. In un triangolo della fetta posizioniamo le lenticchie e nell’altro i pomodori tagliati a piccoli pezzi. Impiattiamo e serviamo con verdure a listarelle e un cucchiaio di vegrino a lato (dove pucceremo le nostre verdure 😉 )

Il punto:
Io il caviale non credo di averlo mai assaggiato e non so che sapore abbia (sa di pesce?), qui ovviamente il sapore è di lenticchia…però secondo me l’effetto è molto carino! 😀 Inoltre non ci sono le dosi perchè dipende da quante tartine fate. Spero possa darvi qualche spunto, un abbraccio!!!

  1. MOOOOLTO carina la presentazione!!
    Bella idea!!!

  2. Mi piace moltissimo questa presentazione!!! Sicuramente d’effetto!!! 😉

  3. Da provare queste beluga, anche solo per il buffo nome che hanno!
    Bellissime le tue tartine, brava! 😉

  4. molto eleganti e saporite, complimenti!! 🙂

  5. Le beluga sono buonissime!! Molto aromatiche anche solo bollite 🙂

  6. ma che belle lenticchie non l’ho mai provate…appena le trovo sono mie!

  7. ma è stupendo e l’idea è davvero originale..bravissima!!! (neanche io ho mai sentito il caviale ma il pesce non mi è mai piaciuto molto..non ho mai assaggiato neanche queste lenticchie ma mi piaceranno sicuramente di più :mrgreen: )

  8. La idea è fantastica. Io da onnivora già ho mangiato il caviale
    che non mi è piaciuta per niente, è una cosa proprio schiffosa.
    Ma questo dev’essere molto buono.

  9. ADORO le lenticchie beluga!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Io non l’ho mai mangiato il caviale non mi ispirava per niente 😉 Bravissima per l’idea e la foto è bellissima!!!!!!!!!! 😛

  10. Bellissime, originali, scenografiche, una bellissima preparazione!!!

  11. brava ! che bell’idea : – )

  12. Bellissima questa presentazione!!! Mi sono sempre rifiutata di mangiare il caviale, ma non ci penserei un attimo per pappare questa tua versione vegana! Complimenti! 😀

  13. Bellissime! 😛 Non ho mai mangiato il caviale ma questo mi ispira tantissimo! Queste tartine le terrò presenti pure per Natale, troppo simpatico il caviale cruelty free!!! 🙂

  14. Bella presentazione!Io il caviale veg però lo faccio con le alghe hizichi

  15. molto molto belle. le lenticchie “beluga” sono veramente buone (anche care come il peccato ma una volta ogni tanto…)

  16. bellissime complimenti!! 🙂

  17. idea geniale le lenticchie beluga!!! sapore buonissimo!!!!Così non si uccidono le femmine di storione per estrarre le uova!!!

  18. salve a tutti e complimenti per le vostre ricette … mi state dando idee meravigliose, grazie!
    ho letto che esiste il caviale vegetariano ma l’ho trovato solo su un sito straniero e non mi fido moltissimo.. sapete dirmi dove posso comprarlo online? grazie!

  19. Ciao Roberta,
    ultimamente anche ikea vende il caviale vegan, è fatto di alghe e dicono essere molto buono 🙂
    Non so però se vicino a te c’è un ikea…. altrimenti non saprei proprio 🙁

  20. le lenticchie hanno preso il nome dal caviale. Infatti il tipo di caviale più rinomato e costoso è appunto il beluga.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti