Sciroppo alla lavanda

Ed eccovi lo sciroppo alla lavanda! La lavanda è una pianta con tantissime proprietà: “La lavanda, detta  anche ‘spighetta di San Giovanni’ per il suo periodo di fioritura che si aggira  intorno al solstizio d’estate, è un’importante pianta aromatica nota fin  dall’antichità per il suo profumo e per le sue proprietà rilassanti. Viene  spesso usata per alleviare l’insonnia e l’emicrania e il suo potere rilassante  agisce anche su alcuni problemi digestivi. Contro le affezioni che colpiscono l’apparato respiratorio, la pianta sviluppa  un’azione espettorante e fluidificante, per cui può essere impiegata per  combattere tossi, bronchiti, laringiti e asma. L’olio essenziale diluito è inoltre un ottimo rimedio antisettico per trattare  bruciature, ferite e punture di insetti “. Nella ricetta ho usato zucchero di canna grezzo, ma potete usare anche il malto. In base al dolcificante che utilizzerete cambierà la coloritura del vostro sciroppo.
DSC_1856 (Copia)
Ingredienti:
650 ml di acqua
100 g di zucchero di canna grezzo
2 cucchiai (1 colmo e 1 raso) di lavanda

Procedimento:
Mettiamo acqua e zucchero in un pentolino, mescolando all’inizio per facilitare la dissoluzione dello zucchero, e lasciamo raggiungere il bollore. Mettiamo poi la lavanda e mescoliamo delicatamente. A questo punto il profumo di lavanda nella vostra casa sarà una meraviglia della natura! Lasciamo sobbollire per altri 10 min. Spegniamo, copriamo il pentolino con il coperchio e lasciamo riposare altri 10 min. Prendiamo infine bottiglia di vetro e colino e trasferiamo lo sciroppo!
DSC_1852 (Copia)
E questi i fiori di lavanda una volta scolati.
DSC_1855 (Copia)
Lo sciroppo può essere usato per dolcificare le preparazioni dolci, mettendolo nell’impasto di biscotti o torte, ci potete bagnare il pan di Spagna e avere così un profumo di lavanda molto buono. Se lo diluite con una parte d’acqua è una bevanda molto rinfrescante… e in questi giorni ci vuole!… Il colore dello sciroppo dalle foto non è venuto molto bene… non son riuscita a fotografarlo meglio… sorry!

  1. STRAWOW 😯 Nica ti adorooooooo!!! 😀 L’hai pubblicato davvero!!! Non piango più!!! Vedi sto ridendo 😆 !!! Non vedo l’ora di farmi lo sciroppo e spalmarlo sul pane! 😉 Ho capito bene: ci vogliono due cucchiai di spighe fresche di lavanda, vero? Sai, ho paura di sbagliare e di rovinare questa meraviglia di meraviglia! 🙄 Sei un tesoro di persona… graziegraziegrazie!!!!

  2. Oltre alle sue magiche proprietà deve essere delizioso 🙂 🙂

    Complimenti Nica cara 😉

  3. lali…questo te lo dedico ovviamente!!!
    Avevi chiesto la ricetta e così non potevo di certo deluderti!!!!
    un consiglio: Se lo vuoi spalmare sulle fette di pane diminuisci la quantità d’acqua, tipo 500 ml di acqua e 200 gr di malto o zucchero cosi verrà più denso!
    ieri non riuscivo a staccarmi da quella bottiglia, è veramente buonissimo e super rinfrescante!
    baci

  4. ci vogliono 2 cucchiai di fiori di lavanda essiccati.

  5. 🙁 🙁 🙁 in giardino neppure io ho più la meravigliosa Lavanda… SOB!! 😕
    Ho già messo in movimento la mia mamma… magari fra le sue amiche qualcuna ce l’ha in giardino. Io conosco mum :mrgreen: indagherà a fondo ;-)Quest’autunno la rimetto di nuovo 🙂 🙂

  6. Grazie nica… 😉 E’ una sorta di “quasi miele” chic che, unito a quello di tarassaco, renderà inedita e indimenticabile la mia colazione!!! baciobaciobacio 😆

  7. Che buono Nicaaaa!! Dobbiamo provarlo assolutamente… io amo la lavanda*.* pensa che siamo state domenica scorsa al lago di Scanno e c’erano un sacco di bellissime piante di lavanda…se avessimo visto prima questo meraviglioso sciroppo avremmo colto tutti i fiori 😀 un bacione 🙂

  8. Adoro questa ricetta infatti la farò al più presto, mi chiedo però quanto tempo dura e se si può tenere fuori dal frigo ? 🙂

  9. ciao Roberto! si questa ricetta è strepitosa, però non so quanto tempo si conservi fuori dal frigo, perché io lo conservo dentro.
    in frigo dura 10 giorni circa!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti