Sbrisolona veronese

L a sbrisolona è un dolce tipico di Verona. E’ di antica origine mantovana ma si è estesa poi anche a Verona. Dicono che la sbrisolona veronese, a differenza di quella mantovana, non contiene uova quindi è già praticamente vegana o quasi. C’è il burro ma può essere sostituito senza problemi con la margarina. Penso che le tradizioni debbano rimanere radicate in ognuno di noi ed essere insegnate a tutti i più giovani così che possano rimanere sempre vive!

Ingredienti:
100 g di farina di grano tenero 00
100 g di farina di mais fioretto
100 g di zucchero di canna
110 g di margarina
80 g di mandorle tritate
20 g di mandorle intere
la buccia grattuggiata di 1 piccolo limone
1 pizzico di sale

Procedimento:
Setacciare insieme le due farine, aggiungere anche lo zucchero e le mandorle tritate e mescolare bene gli ingredienti. Aggiungere poi anche la margarina a tocchetti tenuta a temperatura ambiente, la buccia grattuggiata del limone e il pizzico di sale. Amalgamare bene il composto ma tenerlo comunque sbriciolato. Ora, in uno stampo ricoperto di carta da forno, sbriciolare grossolanamente il composto e schiacciarlo lievetemente con le dita.

Aggiungere ora anche le mandorle intere premendole un pò nell’impasto.
Infornare a 180° per 40-45 minuti.
Questa torta non è una torta che va tagliata a fette. La tradizione vuole che venga rotta o sbriciolata con un pugno centrale così da formare tanti pezzi irregolari.

Poi, a chi piace ovviamente, andrebbe versata a piacere della buona grappa secca sopra la Sbrisolona! 🙂

Il Punto:
La Sbrisolona è un dolce del Nord Italia. Originario della città di Mantova, è comunemente prodotto e consumato in Emilia Romagna, in Lombardia e nel veronese. E’ una torta fatta con farina gialla e bianca e zucchero in parti uguali, ragione per cui in passato era detta anche “torta delle tre tazze”. La ricetta risale a prima del ‘600 quando pare arrivò alla corte dei Gonzaga. Caratteristica inconfodibile della torta è la sua “friabilità” che la porta a sbriciolarsi facilmente (da cui il nome che nelle lingue gallo-italiche significa “sbriciolona” o “sbriciolata”). In Veneto viene comunemente chiamata “Rosegotta”.

  1. Straordinaria ricetta! E’ bello riscoprire e diffondere le specialità tipiche delle nostre regioni!!Bravissima, questa sbrisolona fa davvero gola, la proverò al più presto!

  2. Grazie EmilyVeg, ti assicuro che è davvero squisita! Io la adoro! 😉

  3. Michy!!!!!!!!!! Questa e’ una meraviglia!!!! e me la segno!!!
    La ricetta e’ fantastica!!!! solo una domanda…potrei sostituire la margarina con l’olio? e in quali dosi? Forno ventilato o statico?
    Se e’ possibile vorrei la fetta piu’ grossa!

  4. Avendo entrambi il vizio di “spizzicare” le briciole di torte e affini, direi che questo è il dolce che fa per noi :-D! Complimenti, dev’essere squisita!

  5. @Mus: Grazie mille cara Mus! La domanda che mi fai me la sono posta anch’io. Per evitare danni oggi ho voluto farla con la margarina ma ero già intenzionata a provare con l’olio. La prossima volta sicuramente tenterò quest’impresa e poi ti farò sicuramente sapere! 😉
    @notedicucina: Grazie mille!

  6. Forno ventilato o statico?
    Ancora tantissimi complimenti!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. Dimenticavo, che misura hai usato per la tortiera?

  8. Ah scusami, ho usato il forno statico e la misura della tortiera è di 22 cm di diametro. 🙂

  9. Buonissima 🙂 L’ho sempre apprezzata ma mai cucinata, è ora di provarci 😉

  10. Grazie mille Aliing! 😀

  11. Michy questa sbrisolona mi pare favolosa, peccato che io non usi la margarina, altrimenti l’avrei rifatta ora. Ma se me ne dai un peszzo posso chiudere anche un occhio 😀

  12. @Romina: Grazie del complimento! Comunque, come ho già detto a Mus, la prossima volta proverò l’impresa di farla senza la margarina e vediamo che succede! 😉

  13. Hummmmmmmmmm! Che bontà!

  14. WOw! Adoro le mandorle!

  15. wow…stavo giusto cercando una torta così, grazie!! 🙂 🙂
    p.s.: secondo me, nei dolci la margarina rende meglio dell’olio…

  16. Luu grazie mille! 🙂 Anche secondo me la margarina rende meglio, soprattutto in alcuni dolci, tipo questo secondo me. Però sono curiosa di riprovare a farla con l’olio e vedere che succede! 😉

  17. ma che bontà! Le torte tipo sbrisolona le ho sempre preferite a quelle cremose tipo il tiramisù…. e poi ti è venuta davvero bene

  18. Grazie mille Fatina! 🙂

  19. ecco finalmente qualcuno che mi spiega bene cos’è…e anche quanto può esser buona…prova che molte ricette della ns tradizione sn già di per sè vegane 🙂 a buon intenditore 😉

  20. Grazie Debveg..e poi c’è sempre la gente che quando scopre che sei vegano ti chiede :”E allora cosa mangi?” senza sapere che tantissimi piatti tradizionali sono vegani da sempre! 😉

  21. Che buona la rosegota, mi è sempre piaciutà di più del tiramisù, mi segno la ricetta Michy!!

  22. Grazie mille Jaja, voi la chiamate così a Venezia? Cmq non so se la preferisco al tiramisù…mmmm, il tiramisù lo adoro! 😉

  23. Stanotte ho un po’ di nostalgia del Veneto, in cui ho vissuto per 8 anni, e sto sbirciando fra le ricette tipiche della regione…domani mi sa che faccio la sbrisolona. Dici che con olio evo o olio di mais venga buona lo stesso??

  24. Ciao ValeVico, scusa il ritardo ma sono stata al mare un pò di giorni. Cmq sì, viene sicuramente buona lo stesso, magari aggiungendo anche un pò di latte vegetale all’impasto senza dover usare solo l’olio. Ma forse l’hai già fatta..com’era?
    Dove hai vissuto esattamente in Veneto?

  25. Ciao io sono di Verona e adoro la sbrisolona, da qualche mese son vegana e stavo giusto cercando il modo di farla senza burro ecc…. Anch’io vorrei provare a non usare la margarina, se pubblicate la versione con l’olio la proverò senz’altro!! Grazie mille

  26. Ciao posso usare la farina di mandorle al posto delle mandorle tritate?

  27. Ciao Maria Rosa, certo che sì. Io le ho tritate finemente perché avevo solo quelle intere ma se tu hai già la farina di mandorle va benissimo.

  28. Grazie mille!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti