Pizza di scarole

Questa è una delle pietanze del periodo autunno-invernale che letteralmente adoro!!! Tant’è che non appena cominciano a comparire sul mercato le prime scarole, mi fiondo a comprarle per poter preparare questa prelibatezza. Premetto che è un piatto tipico della mia regione e ciascuna zona della provincia napoletana ha la sua versione… questa è quella che abbiamo sempre fatto a casa mia.
Ingredienti per l’impasto:

500  g di farina tipo 0
acqua qb
olio evo qb
sale
1 pezzetto di lievito di birra

Ingredienti per il ripieno:
1 kg di scarole
150 g di olive nere tipo Gaeta
50 g di capperi sotto sale
olio evo

Procedimento:
Dopo aver pulito e lavato le scarole cuocerle in una pentola con olio, a metà cottura aggiungere le olive e i capperi (ben sciacquati dal sale). A cottura ultimata scolare le scarole accuratamente, devono risultare quasi asciutte. Intanto preparare l’impasto, che lo si faccia a mano o con un’impastatrice la procedura è la stessa: si mescolano gli ingredienti, utilizzando più acqua che olio per amalgamare la farina (spesso aggiungo farina integrale o crusca in quantità variabile secondo il gusto del momento) e ovviamente avendo l’accortenza che il lievito non venga a contatto diretto col sale. Impastare fino a che non si ottiene un composto omogeneo dalla consistenza morbida, ma non appiccicosa (come l’impasto per il pane o per la pizza). Lasciare riposare al riparo dalla luce e dagli sbalzi di temperatura il tempo necessario che l’impasto raggiunga il doppio del suo volume. Una volta che la lievitazione è sufficiente, prendere una pirofila del diametro di 20 cm (io uso quelle che abitualmente utilizzo per la crostata), spennellare con olio il fondo e i bordi, dopodichè stendere parte dell’impasto ed adagiarlo all’interno. Riporvi la scarola che era stata scolata. Infine chiudere il tutto con la restante pasta. In forno con modalità ventilata a 180° per 40 minuti e il gioco è fatto!!! Controllate sempre con uno stecchino che l’impasto sia cotto… Buon appetito.

  1. Che ricettine oggi 🙂 buona anche questa!!! Per la pizza poi io ho un debole 😉

  2. Buona!

  3. che buona deve essere…complimenti 😛

  4. Ho un debole per le scarole cucinate con i capperi e le olive, sono gusti forti che mi piacciono molto; poi nella versione “pizza”, diventa un piatto unico… anche comodo da portarsi a lavoro per la pausa pranzo, essendo ottima anche fredda, anzi direi meglio 🙂

  5. Oh buonissima la pizza scarola!!! Sono un’ammiratrice sfegatata di questa torta salata!!! Mio cognato che e’ di caserta (e bravissimo a cucinare) me la prepara con scarola, pinoli e uvetta!!! Buonissima anche quella!! Ciao docsylviane 😀

  6. alla pizza non dico mai di no!!!!!!!!!

  7. @afedericaGif: si, quella che dici è una delle varianti, ottima direi, la si fa a Napoli città e provincia nord… qui da me in costiera la si fa in quest’altro modo; ne esiste anche una versione per onnivori, ma non ha mai incotrato i miei gusti, anche in tempi non sospetti!

  8. che buona deve essere!!!!e che fortunata sei a vivere in posti cosí belli….qua a milano oggi é tutto grigio!

  9. è buonissima la pizza con la scarola! la mangierei sempre! 😀

  10. Che spettacolo! Ne mangerei una intera!

  11. Non l’ho mai provata ma so già che diventerebbe una delle mie versioni preferite di pizza!

  12. Adoro la pizza di scarole! Sai sono originaria della provincia di Salerno, che nostalgia che ho! 🙂 🙂

  13. è dalla prima volta che ho visto non so + dove questa ricetta che voglio farla, ma non mi sono ancora lanciata, ora che ho letto la tua mi sa che quando la farò partirò dalla tua versione 🙂

  14. Provala… E fammi sapere cosa ne pensi! 🙂

  15. Questa pizza ripiena è una vera goduria. Anche io sono campana e non amo moltissimi piatti della tradizione, ma questo assolutamente senza pensarci.
    In effetti la ricetta varia di zona in zona, ma di base l’impasto e il ripieno sono questi, quindi direi che è approvatissima!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti