Pan di Spagna veg

Poteva mancare? No, non poteva… Farcito con la marmellata fatta in casa, o con la crema di nocciole vegan, o con yogurt di soia al quale abbiamo aggiunto frutta e frullato il tutto… Insomma, il pan di Spagna: uno dei dolci più dolci che ci sia!

Ingredienti:

150 g di fecola di patate
175 g di farina
25 g di maizena
200 g di margarina vegetale
150 g di zucchero
2 cucchiaini di lievito
1/2 cucchiaino di bicarbonato
latte di soia
1 limone

Procedimento:
Lavorate la margarina con lo zucchero. Aggiungete la maizena e mescolando bene iniziate ad aggiungere il latte poco per volta, continuando a lavorare l’ impasto fino a quando non diventa cremoso. Grattugiate la scorza del limone e unitela al bicarbonato e al lievito, dopo aver mescolato tra di loro questi ingredienti, aggiungeteli all’ impasto mescolando con cura. Ungere uno stampo con margarina e versarvi l’ impasto. Per lo stampo potete scegliere la classica tortiera a cerniera se volete una torta rotonda, oppure rivestire una teglia rettangolare con carta da forno se volete realizzare un “foglio” di pan di Spagna che andrete a farcire in seguito e poi arrotolerete. Infornate a 180° per circa 20 minuti.

  1. Posso dire solo una cosa?
    Io vi amo.

    😉

  2. NOVITÀ SUL SITO!
    Belle cose!
    Basta però… mi fate venire fame….. !

  3. DEVE venirti fame caro Endeios! Vai a paciugare in cucina con le nostre ricettine, e vedrai che in men che non si dica sarai Vegano pure tu!

  4. il solo pensiero di mangiare una torta come questa GIURO MI FA IMPAZZIRE!!!! :-))))))))))))))))))))))))))))))))))))

  5. la margarina vegetale……..nei super qualunque non ne trovo che mi soddisfino…..quei grassi vegetali più o meno idrogenati…..non meglio specificati……mah!

  6. Ciao Moky2, concordo… In effetti la margarina vegetale non è certo un ingrediente salubre… Probabilmente è meno dannosa del burro e di ogni derivato di origine animale, ma non è un buon motivo per usarla spesso… Si tratta comunque di un ingrediente da evitare nell’uso quotidiano. Non a caso viene utilizzato, solo se necessario, ad es, per fare la besciamella o aolte situazioni isolate… Certo che una volta ogni tanmto, se aiuta a far dei dolci più buoni, si può fare uno strappo…
    🙂

  7. salve, ho provato a fare il pan di spagna vegan una decina di volte e ora mi viene quasi perfetto! l’ultima volta i miei amici non vegan e nemmeno vegetariani son rimasti a bocca aperta….” noooo, non ci credo!!! non hai messo le uova? noooo…ma sei sicuro?…noooo nemmeno il latte?…ma come si fa?” …ehehhe piccole gioie del vegan incompreso…comunque posto per un altro motivo e cioe’ per sapere oltre alla famosa banana schiacciata (cosa che non ho mai provato) mi chiedevo cosa potesse essere inserito all’interno di questa ricetta per dare più consistenza all’impasto e renderlo meno farinoso in bocca.
    Volevo provare col malto ( in biobottega ce ne sono di diversi tipi e non saprei nemmeno quale scegliere) perche’ a naso credo possa funzionare oppure, la butto li’ eh…non mi linciate, con l’agar agar…del resto e’ un addensante a mo’ di colla no?….non so…aspetto i vostri consigli!!! 🙂

  8. Per Antoniot: ciao, io a dire il vero non ho mai usato addensanti per questa ricetta, ma penso che l’ agar agar potrebbe andar bene. Se vuoi sperimentare e poi postare il risultato, sarebbe di grande utilità! Buon lavoro!

  9. Ciao, se si utilizza il burro di soia invece che della margarina vegetale è uguale?
    Si equivalgono o cambia qualcosa?
    Grazie e complimenti per il blog!
    Giorgia

  10. Siccome sono un po’ contraria sia al burro che alla margarina vegetali, mi domandavo anzi voglio proprio provare a congelare ( al punto di addensarlo un po’) l’olio di girasole come loro sostituto e lavorarlo con lo zucchero come descritto nella ricetta. Qualcuno ha già per caso fatto questo esperimento?

  11. Per Giorgia: non ho mai usato il burro di soia, ma penso che non ci siano particolari differenze se la consistenza é la stessa della margarina. Se lo provi mi fai sapere come viene? Grazie!
    Per Stella: effettivamente tutte le volte che si parla di margarina si potrebbe aprire un dibattito… io personalmente la uso veramente poco, anche se per parecchi dolci e ricette che ho postato c’ é spesso la margarina. Usare quella non idrogenata, vuol dire comperare margarina di marca e sperare che le etichette riportino cose veritiere, come del resto possiamo solo sperare la stessa cosa per altri mille alimenti confezionati che comperiamo ogni giorno.

  12. Ciao Giorgia sono d’accordo con te ogni tanto si può usare senza per questo avere esagerati sensi di colpa. Questa torta poi è favolosa anzichè comperarla già fatta (non so nemmeno se ne esistono vegan in commercio ma ho dei forti dubbi) è sempre meglio farsela in casa da sola.

  13. Oddio che bello!
    😀

  14. salve a tutti,
    ho fatto + esperimenti, compreso quello dell’alga agar agar per prevenire l’eccessiva friabilita’ del pan di spagna.
    Circa l’agar agar —–> fortemente sconsigliato, non serve a un gran che!
    Un si deciso a chi vuole ottenere un risultato omogeneo alla netta riduzione della fecola di patate…150g secondo me son davvero troppi, ne ho usati solo 50 ed il risultato e’ eccellente, aggiungendo pero’ un cucchiaino di lievito in +.

    Per Giorgia: ho anche provato ad eliminare la margarina e a sostituirla con NIENTE….risultato eccellente comunque.

    Ottimo il malto di riso da sostituire al 50% allo zucchero ( per l’altro 50% usare zucchero di canna).

    Insomma…sperimentiamo! saluti a tutti, Antonio

  15. Grandioso!!!!

  16. Ciao ha tutti ! Pan di spagna fatto ieri, buonissimissimo, farcito con la mia marmellata di fragole era ancora più buono questa mattina a colazione!
    Unica differenza ho dovuto mischiare margarina di soia con olio di semi perchè non mi bastava la margarina, ho fatto 100gr di margarina e 80gr di olio, altra differenza nel mio forno la cottura è stata di cira 35/40 minuti.
    La prossima volta provero con il ripieno di crema pasticcera! Baci a tutti

  17. volevo chiederti dei consigli:
    -la farina e la fecola li metti all’inizio, vero? dopo che hai mescolato la margarina con lo zucchero, giusto?
    e poi: io volevo mettere l’impasto in una teglia rotonda a cerniera… devo foderarla con la carta? Ne posso fare a meno? E se la metto in questa teglia rotonda dal diametro di 25 cm mi viene abbastanza alta per tagliarla a metà e ricavarne due dischi? Se sì, per tagliare la torta a metà senza fare danni ci sono dei trucchi che una persona inesperta non sa?
    Scusa le domande cretine ma sono alle prime armi e sarebbe la prima volta che faccio il pan di spagna, e visto che devo provare la ricetta in vista del compleanno di una mia amica mi servirebbero dritte da una brava cuoca come te!
    Leggo sempre il tuo blog per cercare ispirazioni anche se non lascio commenti! 🙂

  18. Ciao Davide, dunque andiamo per ordine: la maizena la puoi mescolare alle altre farine, e poi procedere come dice la ricetta, io faccio così. La carta da forno di solito si usa quando si teme che il dolce si attacchi: quindi o spalmi bene di margarina ed infarini una teglia antiaderente, oppure prendi della carta da forno, la bagni e poi la strizzi, in pratica diventa come una pezza bagnata, e rivesti lo stampo. In tutti e due i casi dovresti essere sicuro. Io adopero uno stampo di 22 cm quando voglio farlo rotondo, perché diventa più alto, ma non penso che cambi molto con uno da 25: ti consiglio di fare una prova prima in modo che per la festa della tua amica saprai che cosa preparare. Il taglio é questione di fattore “c” … 😉 scherzo, ma il pan di spagna é già delicato di suo, nella versione vegan é ancora più friabile. Ti consiglio di farlo raffreddare molto bene, tipo lo prepari la sera e lo farcisci il giorno dopo, e poi con un coltello che abbia una lama ben affilata lo tagli delicatamente. Se dovesse rompersi, niente paura: con la farcitura che userai potrai incollare i pezzi e poi una bella spolverata di zucchero a velo… eh, eh,. Grazie per i complimenti sul mio blog. Buona festa e facci sapere!

  19. grazie per i consigli. provo a farla stasera, poi ti faccio sapere. speriamo bene, visto che il compleanno è sabato.

  20. l’ho appena fatto ma è ancora caldo… non è venuto molto alto anche perché ho messo l’impasto in una pirofila di 26,5 cm e forse ha influito. inoltre la margarina l’ho sciolta perché era troppo fredda e il bicarbonato era aperto da tanto tempo e forse ha perso la sua efficacia (?)
    Io lo volevo più alto! Che faccio aumento le dosi? E se sì come? Se le raddoppio rischio che mi venga un mattone? help!!!

  21. dimenticavo: volevo farcire il pan di spagna con la crema pasticcera. devo aspettare che la crema si raffreddi per farcire la torta? Scusa la domanda cretina, ma preferisco chiedere che combinare pasticci! grazie in anticipo.

  22. Ok, tranquillo, respira a fondo. Dunque, puoi raddoppiare le dosi e metterne nella teglia quella di cui hai bisogno, la rimanenza se hai uno stampino ci fai una torta piccola. Non penso che il bicarbonato possa essere meno efficace, in ogni caso prendine magari una nuova confezione al supermercato e quello tienilo per sciaquare le verdure e per un pediluvio rilassante. La crema deve essere fredda prima di usarla per farcire, e anche la torta ricordati che sia fredda prima di tagliarla. Ritenta e non ti scoraggiare!

  23. Scusa se ti sono sembrato un nevrotico con attacchi d’ansia. Ti assicuro che dal vivo non sono così ^_^ Penso che lascerò così le dosi perché poco fa l’ho tagliato e mi si è sbriciolato il coperchio.
    Sono riuscito a rattopparlo miseramente. Il gusto è molto buono però. Visto che non ho molto tempo e non posso rischiare che si rompa pensavo di non tagliarlo ma di mettere sopra la crema e la frutta (e la gelatina). E visto che l’impasto era un pò fisso ho pensato di aggiungere il succo del limone in modo da renderlo meno sbriciolone e più morbido. Che ne dici? Può andare come soluzione?
    Cmq ho lasciato raffreddare prima di tagliare (ti richiedo scusa per la domanda cretina!).
    Uno dei miei coinquilini ha assaggiato la torta ed era stupefatto dal sapore, così simile a quello con le uova. Grazie mille per la tua gentilezza e la tua disponibilità ( e la tua pazienza).

  24. Tranquillo, i momenti di panico in cucina capitano a tutti e a qualunque livello di esperienza! Fai bene a provare col succo di limone: tentare é sempre la cosa giusta. Puoi anche provare con del latte vegetale, vedi tu. Usi la gelatina? Mica la colla di pesce, vero? So che la domanda é stupida ma a volte uno usa le cose per abitudine e non ci si rende conto della fonte da cui proviene… Facci sapere se migliora, se ti può consolare, la mia torta agli agrumi, la torta Sicilia di cui trovi il post sia qui che sul mio blog ha fatto la stessa fine: coperchio sgretolato e ricomposto con la farcitura!

  25. Mi era venuto in mente di usare il succo di limone perché il latte ne avevo messo un pò. Volevo che mi venisse un impasto più ‘tortoso’, visto che è meglio non tagliarlo in due (almeno per non fare brutta figura alla festa, ma più avanti ci riproverò :)) e volevo renderlo più morbido.
    Ti farò sapere.
    Per la gelatina uso il tortagel della paneangeli, che mi sembra facile da usare. Tranquilla non mi sono offeso per la domanda, meglio accertarsi 😉
    Cmq la tua torta agli agrumi si è sbriciolata meno della mia… non fare la modesta!! 😀
    E mi sa che prima o poi la proverò. M’ispira molto, l’avevo già visto curiosando nel blog.

  26. Alla fine la torta è venuta ed è stata apprezzata da tutti. Tra gli invitati c’erano non solo onnivori ma persone che cucinano veramente bene!:) Mi hanno fatto un sacco di complimenti! Era bella da vedere e buona! Alla fine ho deciso di fare un impasto con poco più della metà degli ingredienti della tua ricetta con l’aggiunta di qualche goccio di limone e il risultato è stato una base bassa come una crostata ma più morbida. A proposito la prossima volta provo la tua ricetta per la pasta frolla. Grazie mille 😉

  27. Bene, sono contenta che sia venuta bene! Confesso che sabato ti ho pensato molto: speravo con tutto il cuore che i piccoli intoppi avuti in precedenza non ti facessero demordere! Vedrai che più la farai, meglio ti verrà in futuro: come tutte le cose, l’ esperienza personale é l’ unica cosa che aiuta. Fammi sapere per la crostata!

  28. Grazie, che gentile! 🙂
    Ti farò sapere dei miei prossimi esperimenti!
    Buona giornata.

  29. Eccoti pan di spagna miooooooooooo ti ho trovato finalmente!! hihihih deve essere buono davvero…leggendo i post o capito che è davvero molto delicato però… quindi mi è venuta in mente una soluzione… e se facessi 2 pan di spagna rettangolari e metterli uno sopra l’altro anzichè farne uno e tagliarlo? Però mi chiedo che dimensione deve essere la teglia per non far venire un’ostia? Non ho nemmeno il tempo di provarla prima del compleanno… uffa!!! Fatemi sapereeeeeee!!
    Cieu!

  30. marisacristina 1 Settembre 2008, 17:54

    manca la quantità di latte grazie

  31. L’ho fattoooooooooooooooooooooooooooooo
    l’ho sfornato proprio adessooooooooooooooo!!! Non ha niente da invidiare al pan di spagna con le uova!!!!! FANTASTICO!!!! mamma mia mi vien voglia di mangiarla adesso questa torta… ho assaggiato il composto prima di infornarlo per sentirne il gusto! Era buonissimo!!! Complimenti a chi ha fatto questa ricetta!!!!
    Solo una cosa… è davvero morbido… è così perchè è ancora caldo o diventa un po meno morbido? cmq. mi sono fatta prendere la mano e ne ho fatte 2!!! auhauahuahau domani fra questo fra la torta allo yogurt e il pan dolce alla cannella farò un figurone!!! GRAZIE A TUTTIIIIIIIIIIIIIIII!!! ^_^

  32. Ciao:)
    l’ho appena fatta, il sapore è BUONISSIMO, ma mi si è rotta tutta non appena ho provato a tagliarla :(((
    ritenterò!!!

    Grazie
    ciaoooooo

  33. per lady stardust: se lo hai appena fatto, é normale che si rompa, é molto delicato, deve essere ben freddo.

  34. L’ho fatto per cena e ricoperto con gelatina e albicocche, buonissimo solo molto farinoso comunque grazie da quando ci sei tu stò imparando a fare i dolci vegan!!!

  35. Che spettacolo questa torta, complimentissimi!!!!! E la foto??? Fantastica, da rivista!! Brava!!

  36. potrei avere più dettagli sulla cottura e post cottura? ho un terribile forno nuova generazione con un sacco di funzioni che io però non so sfruttare.. 20 minuti s’intendono sul ventilato? poi,una volta terminata la cottura,la devo tirare fuori dal forno subito? e quando fuori dalla teglia? la posso far raffreddare dentro? so che con l’esperienza queste cose s’imparano.. ma se posso evitare di fare 10 tentativi..solo per capire che funzione del forno impostare,preferisco:) grazie

  37. Wow, sembra davvero bellissimissimo questo pan di spagna! Sono ancora in alto mare nello studio della torta per Martino Domenica, aiuto!

  38. Che meraviglia ^_^! E’ proprio quello che cercavo =)!!!

    Una domandina: che cosa è quella cremina sotto la marmellata di fragole :)?

    Complimenti davvero, ottima foto e ottimo dolce ^_^!

  39. Il pan di spagna è stato appena messo in forno. il tempo che si raffreddi e poi lo farcirò con marmellata di frutti di bosco e yogurt di soia. Non vedo l’ora di mangiarlo e farlo assaggiare.

  40. Ciao a tutti, molte volte ho provato a fare torte vegan, ma mi sono sempre uscite male 🙁 l’impasto era sempre stupendo poi una volta infornata e sfornata a tempo giusto, poi assaggiata, rimaneva collosa umida e col sapore di plastellina! (ed al forno ci rimaneva + di 40 min. a 180) Non so’ proprio dove sbaglio, dato che seguo sempre alla lettera ogni ricetta, e alla fine sono ingredienti che vanno alla spazzatura… se ora farò questa, son sicura che uscirà male! qualche consiglio?! magari è il forno?!? uff 🙁

  41. Ho usato la tua ricetta!^__^é venuto benissimo!!!davvveroooo buoniiiiiiissssimoooo!

  42. Complimenti veramente. ma le dosi per che teglia possono andar bene??? Servirebbe meglio specificare le misure ad esempio per farla cosi’ alta in che teglia tonda e’ stato versato l’impasto ;))

    bravi bravi ;))
    ciao
    cris

  43. mi è uscito una schifezzina….. ma dove avrò sbagliato???? ufffino ….. triste tanto io

  44. sembrava fantastico, l ho fatto cuocerere 40 minuti perche non sembrava pronto, sembrava altissimissssimo….. o tolgio dal forno dopo prova stecchino e dopo qualche minuto si era completaementa abbassato, ed era molto compatto per niente areoso e soffice, un mattoncino che sapeva dolo di burro…. 🙁 sec voi è meglio una temperatura piu alta e meno tempo di cottua o il contrartio…. perchè ha fatto cosi????
    vi prego rispondetemi oggi o domani mattina perchemi piacerebbe rfarla domani
    azie azie

  45. Lisi non posso che darti ragione.
    Seguendo la ricetta viene fuori proprio una schifezza 🙁

    ho provato a farlo due volte … con due teglie diverse per esserne proprio sicuro … ma niente …

  46. Ciao Lisi, ho controllato e l’immagine utilizzata non era originale.
    quindi l’ho eliminata anche da queta ricetta.
    Il motivo è che questa ricetta risale e molti anni fa, quando non effettuavamo un controllo sulle ricette inserite…
    Ora siamo molto più strutturati e dorganizzati.
    🙂

  47. non volevo creare scompiglio 🙂 era solo che mi sono trovata un attimo disorientata 🙂

  48. ho usato la tua ricetta ,e mi è venuto bello alto,solo che quando è uscito dal forno s’è sgonfiato il sapore buono…ho fatto un dolce che sto tentando di postare….

  49. Ciao!
    Trovo molto interessante le tue ricette ^_^!
    In questa ricetta, come altre ricette fatte da vegetariani e vegani, ho notato che vene inserito un lievitante chimico (almeno io credo)!
    Mi chiedo: i vegetariani così come vegani sono restii a utilizzare artefatti alimentari cioè prodotti di laboratorio, ma ad usare prettamente solo quello che la natura le offre!
    Perchè quindi utilizzate i lieviti chinici e non lievitanti naturali?
    Per sostituire i lievitanti chimici consa si potrebbe utilizzare?
    Esiste un lievitante naturale per dolci come il pan di spagna e simini?

  50. Ciao a tutti, in tutte le ricette in cui viene chiesto di usare del burro o della margarina io ho sempre messo l’equivalente di olio di semi e vi assicuro che il risultato è buonissimo. E nessuno se ne è mai accorto, neanche chi mi aveva dato la ricetta… 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti