Lenticchie e patate

Questo è un piatto che faccio spesso al mio fidanzato onnivoro. Le lenticchie sono quelle di Castelluccio di Norcia e le patate sono biologiche (costano un pò di più, un bel pò di più, ma ne vale la pena; meglio la qualità che la quantità, decisamente!). La foto non mi piace, ma questa è e ce la teniamo così! Mi hanno insegnato che le lenticchie buone sono piccole piccole e hanno sfumature di colore diverse. Queste le ho prese al supermercato e sono veramente speciali, secondo me.

Ingredienti (per 4 persone):

120 g di lenticchie
carota
sedano
cipolla
3 patate di media grandezza
1 cucchiaino di dado vegetale
sale

Procedimento:
Ho messo sul fuoco una pentola con abbondante acqua, 1/2 cipolla, 1 carota e 1 gambo di sedano. Nel frattempo ho sbucciato le patate, le ho lavate, le ho tagliate a pezzi non troppo grandi (per farle cuocere più velocemente) e le ho lavate ancora. Ho sciacquato bene sotto l’acqua corrente le lenticchie e poi ho buttato tutto in pentola, quando l’acqua ha inziato a bollire. Ho aggiunto il dado e ho aggiustato di sale (questa volta ho usato un pochino di sale perchè avevo ospiti… eh eh!). Dopo circa 25 minuti dovrebbe essere tutto cotto, ma è meglio far sempre la prova assaggio, non si sa mai! Il brodo che ne viene fuori è molto buono e saporito; si può consumare subito oppure lasciarlo da parte per cuocerci dentro del riso, del farro ecc… Come sempre usiamo la fantasia!

  1. Che meraviglia….sai che adoro le patate…e pure le lenticchiue!!

    Reply
  2. ottima ricetta e mi piace anche molto come l’hai introdotta, complimenti.

    Reply
  3. Beh.. effettivamente le lenticchie di Castelluccio di Norcia sono il Top delle Lenticchie!!
    Un piatto con queste lenticchie è decisamente ben più saporito!!!!
    L’abbinamento con le papate poi, trovo sia azzeccatissimo!!
    🙂

    Reply
  4. Per quanti non lo sapessero, ricordo che le lenticchie di Castelluccio sono “la Lenticchia” per eccellenza. Hanno un costo elevato, ma hanno un sapore decisamente ad altissimo livello degno delle più specialii rarità gastromiche. SE vi capita di passare dalle zone Umbre, non tralasciate di fare un “salto” a Castelluccio, la strada è molto lunga, ma il panorama di alta montagna è semplicemente indescrivibile, come pura l’aria e gli aromi presenti. Arriverete a Castelluccio e probabilmente rimarrete delusi da come si presenta il piccolo borgo… (almeno a me non è piaciuto). Ma la bellezza dei luoghi circostanti e magari il fatto di portarsi a casa un pò di magiche lenticchie, vi lasceranno un ricordo inestimabile per sempre.
    🙂

    Reply
  5. Sauro ga dimenticato di dirvi che Castelluccio si trova all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini… e’ anche chiamto il tetto degli Appennini…
    Il panorama è da togliere il fiato… La piana è immensa .. lo sguardo si perde…
    E’un luogo incancato dove presto voglio tornare per prendere un buona boccata d’aria.. e per gustare un buon piatto di lenticchie!!!
    Grazie Loria per aver introdotto le lenticchie e avermi dato modo di parlare di questo luogo incantato…

    Reply
  6. Essenziale ma per questo non eccezzionale questo piatto 🙂
    Concordo sulle lenticchie di Castelluccio, costano ma sono decisamente le più buone 🙂
    Beato che ha la fortuna di stare da quelle parti! Ciao Loira

    Reply
  7. Non abbiamo nessun umbro su Vegan Blog????
    🙁

    Reply
  8. Non so se abbiamo qualche umbro ma so che sfrutterò il b&b day per andare ad assisi e mi avete fatto venir voglia di andare direttamente “in loco” a comprare e a mangiare queste lenticchie favolose! Purtroppo vado solo per il fine settimana e non so se ne avrò il tempo.
    Guarda te, con due lenticchie e due patate ho aperto una discussione interessantissima!

    Reply
  9. Ciao, ottima ricetta! L’ho fatta con piccole variazioni, ed è venuta comunque buonissima! (sedano rapa invece del sedano, e miso di riso al posto di sale e dado) 🙂

    Reply
  10. a fine do munno baci baci baci!!!!!!!!!!

    Reply
  11. Ottima ricetta!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti