Latte di canapa neutro

Come promesso a Grace, ecco il latte di canapa fatto con i semini interi e senza la macchina per latte vegetale; comunque, vista la durezza dei semini, consiglio di usare un robot/frullatore bel potente.20131203-050143.jpg
Ingredienti:
100 g di semi di canapa non decorticati
1,2 l di acqua
1/2 cucchiaino di sale grosso integrale

Procedimento:
Almeno 12 ore prima, ma se aspettiamo anche di più male non fa, mettere i semini in ammollo. Trascorso il tempo scolarli e metterli nel boccale del frullatore con 0,3 l di acqua e frullare sino ad ottenere una crema grigia con dei microgranelli neri; tenete presente che io ho usato il Bimby a velocità massima per 2 minuti totali e trascorso il primo minuto ho fermato e riunito tutto sul fondo. Una volta ottenuta la crema aggiungere pian piano i rimanenti 0,9 l di acqua e il sale e mescolare per bene. Ho continuato la seguente operazione nel robot: impostato a 100° per 1/2 ora a V2 con appoggiato sul coperchio il cestello; se si utilizza metodo fornelli prendere il composto ottenuto e metterlo in una pentola capiente e far quasi bollire per 20 minuti circa, mescolando spesso. Una volta terminata questa operazione far raffreddare un pochino, prendere un colino a maglie sottili rivestito con un telo o garza medica e filtrare; consiglio alla fine di mettersi dei guanti e strizzare ben bene. Poi imbottigliare.

Il punto:
A me già così neutro piace come sapore che ricorda un po’ la nocciola, altrimenti dolcificare a piacere; oppure durante l’operazione di filtraggio mettere nel recipiente, dove va a finire il latte, la parte gialla della buccia di 1/2 limone che gli conferirà un leggero sapore vanigliato. Come in tutte le preparazioni “lattee” l’okara ottenuta la si può utilizzare per altre preparazioni tipo panificazione; non ho ancora tentato di farla seccare come quella di soia ma una delle prossime volte tenterò.20131203-052118.jpg
Un primo piano dell’okara già strizzata.

  1. il mio latteeeeee!!!!!
    Grazie Giò! Il latte di canapa è stra stra buono, e poi le propietà nutrizionali che contiene sono una bomba!!!!!

  2. Brava!! Lo conosco non da tanto ma con questo è stato amore al primo sorso, e se lo apprezza mio marito vuol dire che è bbbbuono veramente

  3. grazie Giò!!! 😀 prima o poi devo riprovare a fare il latte autoprodotto…. finora i risultati non mi hanno mai soddisfatto a fondo, ma magari con la tua ricetta sarà la volta buona!! 🙂

  4. Ciao, io avevo provato lo scorso anno, mi era venuta una schifezza, il sapore e l’odore erano terribili, ho buttato via tutto, sapevano quasi di pesce… Non ho piu’ avuto il coraggio di provare… 🙂

  5. Spero ci riusciate! Veramente buono, fatemi sapere. Nica lo fa con la macchina ma il procedimento credo sia simile. Semmai provate coi decorticati con stesso procedimento 😉

  6. Wow!
    Io non amo il latte in generale, ma questo sembra proprio buono!

  7. WOWOWOWO eccolo qui!! Grazie ancora 😀 il limone per vanigliare al momento del filtraggio…?! Geniale! Bello, ci provo questo finesettimana!
    L’unica volta che l’ho fatto avevo solo frullato tutto insieme dopo poco ammollo, infatti era venuto un po’ deludente. Avrei voluto usare l’okara, ma è rimasta troppo in frigo quindi ho buttato tutto perché ormai c’era il rischio di muffe, mannaggia :/ magari ci si potrebbe fare dei supercracker!

  8. Grace solo la parte gialla del limone!! L ‘okara, visto che ne viene molta, è ottima anche amalgamata a del l’olio di mandorle o oliva e farci uno scrub a pelle asciutta per pelli supermega secche

  9. Vero! Oppure nella pappa degli animalozzi, super integratore gustoso pure per loro 😆 effettivamente non dovrebbe fare male, no?

  10. No nn fa male! Poi è cotta! Ottima nell impasto del pane anche !o

  11. Ho sempre voluto provare a farlo perchè mi incuriosisce molto il sapore, io faccio sempre il latte di soia autoprodotto e praticamente il procedimento è lo stesso quindi tenterò 🙂

  12. …che tenera l’immagine!! 🙂
    …mumble… 🙄 prima o poi li prendo sti semini!
    Tanti minuscoli bacini Gio! 🙂

  13. L’okara di qualsiasi tipo di veglatte autoprodotto puo esser utilizzata in diversi modi..essicata,(x mantenerla di piu in un vasetto di vetro e poi usata in impasti o anche mangiata cosi o nelle minestre o x colaz insomma..usi molteplici 🙂 ) x fare fari impasti..polpette ect …nel vegragu ,nei dolci..unito alla pappa pets…ai miei piace assai..cm concime x piante..insomma multiuso..:-) male nn fa anziiii..:-)

  14. Ho fatto il latte di semi di canapa prima schiacciando bene con un pestello i semi per rompere i gusci, poi in un barattolo con poca acqua li ho frullati con il frullatore a immersione. Filtrato il latte e rifatto con altra acqua per togliere bene tutto dalla “crusca” perché alla fine sono rimasti solo i gusci.
    Non ho bollito e non ho salato.
    La parte più densa, la prima e seconda estrazione, l’ho congelata nei cubetti del ghiaccio, da usare con calma, diluendola poi al momento dell’uso, quella più diluita l’ho usata nel giro di un paio di giorni. Molto buono, ma… e ora vengo al “perchè” del commento. Mi fa dormire. Posso berlo solo alla sera e poi correre a letto.
    Non esagero come quantità, perché ho acquistato 85 gr. di semi non decorticati e ne ho ottenuto 20 porzioni di latte.
    A voi fa dormire?
    Grazie

  15. Ciao Iaia; complimenti per il procedimento che hai utilizzato tu 😉 Come puoi vedere dalle mie dosi l hai fatto anche bello leggero! Se hai acquistato i semini ad uso alimentare non recano nessun disturbo: sarà mica effetto placebo ? Prova a vedere sia Nica’s hemp yo che hemp yo matematico ne uso molti di più. Se ti capita prova ad usare i decorticati: costano un pochino di più ma 1) fatichi meno, facendo tutto manualmente; 2) hai molto meno scarto. 😉 Attendo tue notizie. Ccccciaoooo

  16. In realtà il procedimento l’ho inventato al momento.
    Mi sono imbattuta nei semi per caso, non li stavo cercando, e li ho presi con l’idea di seminarli (io semino di tutto…) poi cercando notizie su come seminarli ho visto che… non si può.
    Così ho cercato come usarli, e avevo trovato ricette per quelli decorticati. Provando ad assaggiarli mi sono resa conto che non mi sarebbe piaciuto mangiare quei gusci e nemmeno sbucciarli uno a uno. Così ho inventato tutto al momento. Non avevo ancora letto questa ricetta, non l’ho cambiata per spirito di contraddizione, proprio ho fatto a caso.
    Forse perché non l’ho cotto?
    Non credo sia un effetto placebo. Io dormo molto poco, da sempre.
    Il primo messaggio l’ho scritto alle 4 stamattina, è vero, ma dormivo dalle 10,30 della sera prima… mi son detta: quando mai ho dormito così tanto? Ora basta. Bene, poi ho dormito di nuovo, dalle 5 alle 9 e mi sono sforzata per alzarmi.
    Se chiudessi gli occhi mi riaddormenterei!
    Il primo giorno l’ho bevuto la mattina e ho dormito di mattina.
    Già, forse perché non l’ho cotto.
    Leggerò le altre ricette, se sono o meno cotte, grazie.

  17. Io lo faccio sia a crudo che cotto; sia con integri che decorticati. Anch io son una che dorme nn molto, il poco che riposo è ben concentrato 😉 Anche Nica utilizza questi semini e non mi ha mai accennato ad altri effetti

  18. Ciao Giorgia ho messo in ammollo i semi non decorticati.
    Domani provo a fare il mio primo veglatte…. vediamo come viene!
    Ciao buona domenica 🙂

  19. Veronica!!!!! Aspetto esito di riuscita. Un bacio a te e ai 2 bimbi 😉

  20. Se è venuto bene a me senza ammollo a te verrà ancora meglio. E’ davvero buonissimo, (anche se per me soporifero)

    Accetto che non siamo tutti uguali.
    Migliaia di persone mangiano le fragole senza problemi, e a qualcuno invece provocano un’eritema.
    Io sono quella che dorme col latte di canapa.

  21. Gioooooo!!! Semini di canapa in ammollo!!!!! 😀 Senti tesoro, ti è mai capitato che non ti fa lasciare commenti sotto un tuo post??? 🙁 Non riesco a rispondere sul mio Croccante rosamandorla 🙁 :'(

  22. Ametista: ma nn riesci a scrivere o non lo vedi? Se nn lo vedi prova a chiudere VB e poi riaprire; se invece lo mandi ma ti compare dopo dopo dopo (nn so quanto): so che è accaduto a Momo di recente. Dimmi poi del latte! Integrali o decorticati ?
    Iaia: nn so che dire 🙁 Se ci fosse un minimo dubbio che facciano effetto “yawn” (sbadiglio), non credo venissero fatti commercializzare ad uso alimentare. C è scritto CANAPA SATIVA? Io li ho presi da Assocanapa, mentre i decorticati da Ivegan,ma ormai li tengon tutti i negozi bio 😉

  23. No Gio riesco a vedere tutto, ma non mi compare questo riquadro dove lasciare il commento, proprio è scomparsa la casella! Non mi era mai successo. Solo sul mio…perchè sugli altri li posso lasciare i commenti…che strano!! I semi sono di una produzione super-fidata, ma sai che non ti so dire come sono? Non sono decorticati però, sono tutti interi con la buccia. 🙂

  24. Prova ad aprire ricetta tramite una mail di commento. Altrimenti ci sarebbe da interpellare Lisa 😉

  25. Grazie mille Gio, ci ho provato, ma niente! Vabbè non muore nessuno. Ma grazie dell’aiuto e grazie del commento sul mio croccante e il mio smile 😀 😀 😀 😀

  26. è vero, pure io volevo lasciare un commento, ma dopo quello di giopepi, non si apre la solita finestra, cioè è come se finisse la pagina, help staff di veganblog! 🙂

  27. Oh Darma grazie che mi dai conferma che anche a te non fa lasciare commenti! Ho già chiesto aiuto a Lisa! Un bacione Darma. Un bacione Gio.

  28. Guarda, l’ho presa al supermercato, reparto self service.
    Non era in programma, non avevo ancora cercato ricette, semplicemente l’ho vista e l’ho presa.
    Non ricordo se ci fosse scritto bio. Ne ho presi 85 grammi ed ero partita con l’idea di prenderne ancora meno.
    Anche se non fosse bio, in un supermercato, tra cereali, riso e pastina a self service, non vendono i semi di canapa indiana.
    Ieri sera mi sono di nuovo addormentata di botto, ma alle due ero sveglia e per fortuna non ho più dormito.

  29. Giopepi il latte di canapa è venuto da Dioooooooo!!! Mi piace da morire!!! Che bello e che sapore!!! Allora io non ho messo neppure il sale e ho messo un pò più di acqua per allungarlo un pò che comunque era venuto bello densino! Non sai che soddisfazione soprattutto perchè è il primo latte autoprodotto!!!!!!!!! Sono stra-felice, appena posto un’altra ricetta te lo faccio vedere!!! 😀 😀 😀 😀 Grazie cara Gio, grazie anche perchè mi hai dato una dritta stupenda: sfruttare l’okara per uno scrub corpo!!! Fantastico!!! Ti abbraccio immensamente grata 😀

  30. Ciao Giorgia, ho fatto il latte stasera ed è venuto benissimo anche a me. Molto buono… :-). Domattina me lo bevo a colazione.
    Baci baci

  31. Ametista che bello saperti così contenta ed in più l inizio dei latti autoprodotti. Aspetto foto; e altri latti, magari con un qualche ingrediente dalle tue erbette 😉
    Veronicaaaaaaaa !!! Bravizzzzzima 😉 buona colazione in ritardo

  32. Me secondo voi va bene anche per bimbi piccolo tipo 11 mesi e 3 anni?

  33. Aggiornamento:
    Stanca si macinare semini durissimi ho acquistato tramite internet una “farina di canapa bio”
    Secondo me non è farina di canapa, è farina di sola crusca. Messa in acqua non fa un latte ma un’acqua giallognola trasparente che ha sapore di acqua di argilla e la crusca mangiata così è amara.

  34. Samg77: fossi in te chiederei il parere al tuo pediatra, o perlomeno a qualcuno di competenza. A mia figlia lo do ogni tanto, ma ha 3 anni e mezzo e vario sempre i latti vegetali
    Iaia: li hai ammollati bene? Hai un buon robot o frullatore? Credo che ti abbia acquistato la farina adatta a panificazione. Se odi star lì a frullare ti consiglio i semini decorticati

  35. Dici che una “farina” così amara sia adatta alla panificazione?
    Proverò, visto che uso regolarmente la pasta madre. Ma ne farò una piccola quantità, non voglio rischiare di rovinare tutta la mia pasta madre.
    I semi decorticati non li ho trovati. Li avevano su un sito ma li hanno tolti dal catalogo e non ci sono nemmeno nel naturasì vicino a casa mia. Però una mia amica mi ha detto che nel suo ci sono. Così quando finirò questa specie di farina li prenderò da lei.
    Ho scritto più che altro per avvisare: anche senza fare nomi, chi desidera acquistare farina di canapa mai acquistata prima, non faccia come me che ne ho presi 3 pacchetti. Prendetene uno, per vedere se è utilizzabile. 🙂

  36. Domanda banale: perché il latte di canapa non é in vendita come tutti gli altri sugli scaffali dei migliori supermercati bio (non pretendo di trovarlo al Conad :mrgreen: ) ???

  37. Lali anche io mi sono fatta la stessa domanda!!! Eppure io lo trovo così buono!!! 🙂
    Ho visto che non ci sarai al VeganFest, ma ci sarai certamente con lo spirito, eh???? Sono sicura che comunque ci conosceremo. Un bacino 🙂 Ti penserò…
    Gio con te ci vediamoooooooooooooooo prestoooooooooooooooooooo!!!!! 😉

  38. Non era una domanda ironica … vorrei sapere davvero perché né il latte né la farina di canapa si trovano nei negozi 😕
    Amy ci incontreremo sicuramente, o prima o poi 😉 ! Un grosso saluto

  39. Credo che come tutte le cose che devono essere prima conosciute etc. prima o poi arriverà anche la canapa. Io per ora la trovo da alcuni produttori locali qui in zona. Uno è nelle Marche e fa dei prodotti ottimi. Da lui ho preso un bel kg di farina che presto userò. Invece da una coltivazione privata mi sono fatta una scorta di 7 kg di semi di canapa non decorticata. E’ ottima ed è con quella che ho fatto questo buonissimo latte di Giopepi! 😉
    Lali certo che ci incontreremo, non posso non conoscere la mia maestra di sformaggi!! 😀 😀 😀

  40. Beh se ti andrà di fare un viaggetto dalle mie parti Amy, puoi sempre venirmi a trovare 😀 !!!
    Da queste parti sono convinta che la farina e i semi di canapa non si trovino facilmente, comunque mi hai dato un’idea 💡 ! Cercherò qualche azienda agricola che abbia questi prodotti 🙄 … mi avete proprio incuriosita con queste belle ricette che credo siano anche molto buone 😀 !

  41. Iaia: io la uso in panificazione, ma in minima percentuale; la trovo buona nell’ impasto per fare il seitan. Ha un sapore particolare. I semini decorticati li puoi trovare anche in tanti siti on line!
    Lali: il latte di canapa so che lo vendono in Austria e Germania. Altri prodotti invece si trovano nei negozio bio/vegan; ad esempio qui a Parma il naturasi nn ha nulla, mentre altri 2 sia i semini, che hemp fu, farine, olio, cioccolato…ed è anche giusto ciò che ha detto Ametista, per farti uno sciocco esempio: non ho nemmeno visto il miso ed alghe al supermercato classico.
    Un bacione a tutte e perdonatemi del ritardo per la risposta

  42. Grazie. E’ davvero molto amara, proverò a metterla nel pane.

  43. Iaia prova!! Qui su VB ce ne son di ricette!! Anch io ne ho fatte sia con farina che con okara (dei semini interi, quelli neri e coriacei) ed anche se ricerchi chef Nica, vedrai che ne ha fatte tra cui un pan di Spagna. 😀 Aspettiamo tue buone notizie 😉

  44. Provato! Nel pane è molto meglio, grazie davvero.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti