Latte di avena crudo

Più che altro una scusa per farvi vedere le mie nuove vicine!!
Ingredienti:
80 g di avena decorticata
1 l di acqua
4 cucchiaini di farina di carruba
sciroppo d’agave (facoltativo)

Procedimento:
Fare ammollare l’avena per 1 giorno o 1 notte (nelle prossime versioni proverò proprio a farla germogliare!). Mettere l’avena nel filtro (io ho usato la macchina del latte, se non l’avete mettete avena e farina nel frullatore!) riempire la caraffa d’acqua e frullare circa 5 volte con il programma mill (quello che fa solo qualche secondo di “frullaggio”). togliere il filtro (o filtrare in caso di frullatore) e condire con la farina di carrube e se volete potete dolcificare ancora un po’ con dello sciroppo d’agave o con quello che preferite anche se l’avena e la farina di carrube sono già dolci naturalmente! Il latte e pronto!

Considerazioni:
Con l’okara ho fatto una squisita pappa d’avena con uvetta e sciroppo d’acero! Un’ottima merenda per me e il mio bimbo! Ed ecco qui due delle mie bellissime vicine!! In tutto sono quattro cerve ma le altre due erano nascoste dagli arbusti!
Un bacio a tutti!

  1. Deve essere buonissimo questo latte. Simpatici i vicini! Quando abitavo in montagna, mi venivano a trovare spesso dei cinghialetti..più che altro venivano a trovare il giardinetto che cercavamo di curare 🙁

  2. Ma che bello questo tuo latte d’avena! E le cerve sono troppo belle, chissa’ che emozione! Ciao imo, ti mando un bacione 🙂

    A presto

    Federica 🙂

  3. anche noi ne abbiamo un paio che ci vengono a trovare e di solito gli lascio gli scarti della verdura e della frutta ( tipo bucce di patate)! però vengono solo di notte e non riesco a fotografarli!!! per ora gli orti e i campi li lasciano stare!!! ma mi arano i campi di patate dopo che le abbiamo tolte!!! sono molto disciplinati!!!

  4. Very very interesting!! 😉 ormai anche tu fai ufficialmente parte del club delle mungitrici 😆
    Mi interessa quel che hai detto sul far fermentare l’avena…mi sai dire di più? 🙂

  5. Latte d’avena homemade, sono curiosa! Io bevo solo quello di riso….devo provare qualche altro tipo di cereale!

  6. Questo latte mi ispira! Anche per il fatto che non necessita di cottura… Poi, penso che la farina di carrube gli dia un sapore molto particolare. Devo provarlo 😉

  7. @cassiopea non lo faccio fermentare ma germogliare praticamente li metto in ammollo in un barattolo, con una garza come coperchio, al buio, e dopo 6 ore la scolo e li lascio umidi e li bagno un paio di volte al giorno e dal terzo ne basta una finchè non iniziano a germogliare (bisogna fare attenzione a non farli ammuffire). l’ideale è farli arrivare a un paio di cm (ci vuole circa una settimana) e poi si possono consumare così come sono senza cuocerli. prima di consumarli se li lasci al sole li arricchisci anche di vitamina c! per fare il latte però penso che gli farò solo iniziare la germogliazione giusto per renderli più digeribili!
    @ambrosia e flowerpower sembra quasi quello comprato al gusto di cioccolato!! invece quando lo faccio cotto viene un po’ vischioso e non mi piace molto!!!

  8. wow! ho iniziato a leggere di te curiosando la ricetta del deodorante in crema e poi mi sono persa fra i latti autoprodotti e la yurta… io adoro casa mia che è il luogo dove mi ricarico ma ultimamente mi rendo conto che ho bisogno sempre di meno cose e se ho un angolo dove poter stare col mio cane, un libro e l’immancabile tazza di the, quello è “casa” quindi la tua scelta abitativa mi affascina. devo cercare di capire se comprare la macchina x fare il latte o un frullatore + potente di quello che ho perchè vorrei autoprodurre un po’ di latti ma devo anche contenere le spese non avendo enrate.. il fatto è che sono curiosa di provare ricette con l’okara e in genere sono curiosa di tutto visto che cucino veg da poco!

  9. ciao darmasin! grazie! dunque ho provato a usare il frullatore ma non mi è venuto bene come con la macchina del latte forse perchè il mio non è abbastanza potente! prova a chiedere a cassiopea che usa sempre il frullatore e le vengono benissimo! la macchina del latte è una spesa non indifferente…lo è anche il frullatore ma certo è più versatile!! comunque se consumi abitualmente latte vegetale calcolando quando costa in negozio io farei l’investimento del frullatore ma prendendone uno veramente speciale!! spero di esserti stata d’aiuto!!! un bacio

  10. squisito…. la farina di carrube a me nei liquidi nn si amalgama bn…. è cm se nn si subilizzasse a sufficienza…..
    aggiungendola prima di filtrare l’okara pensi si riesca ad evitarlo???

  11. ok mi consulterò con cassiopea, grazie..

  12. ciao fatina! io di solito per mescolare bene e fare anche un po’ di schiumetta do una passata con il frullatore a immersione! però ovviamente lasciandolo fermo tende a depositarsi (come tutti i latti più o meno) diciamo che prima di berlo lo squoto un poco nella bottiglia e se si deposita nella tazza lo giro un attimo con il cucchiaino! non so se aggiungendolo prima di filtrare venga bene.. ci ho pensato ma non l’ho mai fatto perchè non voglio essere vincolata nell’uso dell’okara visto che decido sempre all’ultimo come prepararla!

  13. Deve essere delizioso, con la carruba poi, anche dolce! Brava 🙂

  14. interessante l’uso della farina di carrube, che essendo dolciastra di suo dovrebbe conferire oltre che allo “spessore” del liquido (che sarà più denso quindi) anche il leggero dolciastro. La cosa mi sembra utile anche da usarsi per la preparazione del latte di soia, chissà se si riesce così a togliere quell’odoraccio che ha quando lo si fa.

  15. Io ho soyabella..ma oltre a quello di soia (che tempo due gg va a male)nn riesco a produrre latte con nessun tipo di cereale..vengono stracarichi di amido…a crudo sono amarissimi..ho provata cuocere prima i cereali…ma il risultato e’ pressoché invariato.Mi date consigli per favore.Grazie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti