La piadina romagnola

E’ quasi quasi la cosa più romagnola che esiste. Dite di no? In realtà questa ricetta così classica è diventata vegan quasi per caso, per una cena con una mia carissima amica intollerante al lattosio… voi potreste provarla con lo stracchino vegan e la rucola, per portare un pezzo di Romagna in casa vostra.

Ricetta quindi ad uso e consumo di chi non abita in Romagna, la ricetta è quella della nonna del mio amore, per cui è proprio collaudata.

Ingredienti – per circa 6/7 piadine
500 g di farina di grano tenero “0″ – secondo me riesce benissimo anche con una farina glutin free
6 cucchiai di olio di oliva
2 cucchiaini di sale fino
1 cucchiaino di bicarbonato
250 ml di latte di soia tiepido

Preparazione

Disporre la farina a fontana in una ciotola (o direttamente sul piano di lavoro). Unire l’olio, il sale e il bicarbonato. Mescolare e iniziare ad aggiungere parte del latte. Trasferire tutto sul piano di lavoro e iniziare ad impastare aggiungendo il latte restante. Impastare poco, il necessario per amalgamare gli ingredienti (impastare poco evita il formarsi di bolle durante la cottura) e formare una palla.
Lasciar riposare l’impasto quindi stenderlo a cilindro. Porzionare quindi l’impasto in 6/7 pezzi e dargli la forma di una pallina. Iniziare a stendere la pasta con un mattarello, ricordandosi che comunque in fase di cottura l’impasto tende a crescere.

Ora ci sono due correnti di pensiero, due possibilità: stenderla sottile sottile (1 o 2 mm) per ottenere una piadina larga e sottile tipica del riminese e del cesenate… oppure stenderla di meno (3 o 4 mm) per ottenere una piadina un po’ più piccola e spessa tipica del nord della Romagna – che poi secondo me è la più buona…
Indipendentemente dallo spessore, far cuocere le piadine stese su una piastra, una pietra, un testo o una comunissima pentola antiaderente, bucherellandole con la forchetta per evitare che gonfi in cottura. NB: qualsiasi cosa si usi, dovrà essere caldissima. Girarla spesso per cuocerla uniformemente. La piadina è cotta quando assume il colorito tipico da piadina che vedere in foto.

Vi piace? Baci (^_^*)

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Per conoscere meglio VEGANOK, scarica qui il nostro rapporto di impatto Etico.
Renata Balducci, presidente Associazione Vegani Italiani
  1. Impiattiamo la Romagna! 🙂
    Certo che ci piace 😉

    Reply
  2. Che aspetto invitante! Finalmente una piadina senza strutto!!!! Bravissima!!

    Reply
  3. La piadina se bon bon bon.. Sottile, alta.. Basta che è piadina 😛

    Reply
  4. La piada è sempre fantastica 🙂

    Reply
  5. Ecco, me lo riprometto sempre e non lo faccio mai: devo smetterla di commentare ricette focacciose-piadinose-pizzose perché svengo.
    GODUUURIA! 😀 Non ho mai preparato una piadina neanche da onnivora, questa mi attira molto di più dell’originale. Un giorno le preparo e me le pappo tutte io eheh 😛

    Reply
  6. Sorbole! Che meraviglia la piadina ! Io ne sono un po’ drogatella ! Mezze origini romagnole non mentono 🙂 Complimenti !

    Reply
  7. squisitissima la piadina vegana!!! spessa o fine è una goduria!!! mi piaceva moltissimo!

    Reply
  8. Oh che buone le piadineee!!Io adoro anche altre specialità romagnole come le tigelle e lo gnocco!ma anche quelli sono vegan no? O ce qualche roba dentro? Mia zia e di Modena e quando viene qua in vacanza ci delizia sempre…a me non fritto nello strutto però.bhlè! 😛

    Reply
  9. X Alicetta: ho abitato anche in quel di Bologna e in quel di Reggio Emilia, piadina, tigella e gnocco sono di solito fatti con lo strutto, quelli “vegani” sono fatti apposta con l’ olio d`oliva e pochi lo usano “spontaneamente”, anche perché con lo strutto rimane tutto molto morbido…sono sicura che tua zia in vacanza sará felice di farti delle versioni vegane delle sue delizie 😀 Bacioni

    Reply
  10. Mi piace tantissimo, si può mangiare sia con un ripieno dolce che salato secondo me. Brava, te la copieremo tutti ne sono certa.

    Reply
  11. Bellissime piadine… anche se non so’ cos’é il testo… credo userò la padella anti-aderente… 😆

    Reply
  12. Adoro le piadine!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Buoneeeeeeeeeeeeeeeeeeee 😉

    Reply
  13. Piadina a go go!!! Fortunatamente molte piadinerie a Ravenna hanno iniziato a farla senza strutto e quindi vanno benissimo anche per noi!!!! Da brava romagnola senza non potrei vivere…;-)

    Reply
  14. Uaaaaaaaaaargh… Che bbbbbbona !

    Reply
  15. mi trovi totalmente d’accordo con te!!! io xò al posto della rucola metto le zucchine grigliate! 🙂

    Reply
  16. grazieeeee! questa la collaudo prima di subito!

    Reply
  17. ho preparato le piadine con questa ricetta ieri sera e devo dire che sono uscite davvero buone!complimenti!

    Reply
  18. Grazie, sono contenta che ti siano piaciute!

    Reply
  19. Ciao!
    Molto bella questa ricetta, la proverò, perchè cercavo proprio una ricetta di piadina senza strutto. Volevo però dirti che a Cesena non la fanno stesa come a Rimini, bensì grossina come a Ravenna e Forlì!
    Sono mezza cesenate XD
    Complimenti ancora

    Reply
  20. Grazie Chem, adesso mi trovi d’accordo sulla piadina nel cesenate… ho mangiato una cicciosissima piadina a Zadina e me la sogno ogni tanto 😉

    Reply
  21. Mail lievito lo hai messo o no?

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti