Insalatona di algumi

Di certo vi starete domandando: che cosa vorrà mai dire “algumi”???… Semplicemente: alghe e legumi 😉
Ingredienti (per 2 persone)
:
acqua qb
25 g di soia gialla
25 g di ceci
25 g di fagioli cannellini
25 g di fagioli mung (soia verde)
25 g di cicerchie
6-7 g di alghe miste (kombu, arame, wakame e hijiki)
olio di sesamo qb
succo di limone qb
1 cucchiaino colmo di miso
1 cucchiaino di gomasio
sale a piacere

Procedimento:
Visti i tempi richiesti per l’ammollo di ciascun tipo di legume, è consigliabile iniziare la procedura :mrgreen: almeno 24 ore prima del consumo. Ammollate innanzi tutto la soia (che dovrà restare in ammollo per 24 ore, appunto); dopo circa 8-9 ore aggiungetevi i ceci e dopo altre 6-8 ore i cannellini – meglio se in un recipiente separato, siccome anche i tempi di cottura non sono i medesimi. In ultimo, ponete nello stesso contenitore dei cannellini i fagioli mung, per i quali sarà sufficiente 1 oretta di ammollo; le cicerchie, invece, non lo necessitano e potranno quindi essere cotte direttamente. Poco prima del termine del tempo di attesa, unite alla ciotola dei fagioli le alghe secche per reidratarle. Ponete la soia ed i ceci in una pentola piena d’acqua, portandola ad ebollizione; abbassate quindi la fiamma e proseguite la cottura a fuoco dolce, rimuovendo a mano a mano la schiumetta che si sarà formata in superficie. Dopo circa 1 ora o, meglio, 1 ora e 1/2 potete unirvi i fagioli cannellini e mung assieme alle alghe ormai ammorbidite. Dopo 15-20 minuti aggiungete le cicerchie, che richiedono soltanto 30-40 minuti di cottura. In totale, io ho fatto cuocere il tutto per circa 2 ore e 1/2 o poco meno, ma è anche questione di gusti personali… comunque, direi che il limite minimo è di 1 ora e 45 minuti. Trascorso questo tempo, spegnete il gas e, volendo, lasciate riposare i legumi in pentola per ancora una 1/2 oretta prima di scolarli, così che si ammorbidiscano ulteriormente. Impiattate condendo con l’olio di sesamo ed il succo di limone, il miso stemperato in poca acqua calda, il gomasio ed eventualmente ancora un pochino di sale. Servite la vostra insalatona fredda di frigo.
Considerazioni:
Inutile dire che le cotture così prolungate non sono proprio il massimo della vita, con queste temperature :lol:, ma in fin dei conti basta creare un po’ di corrente d’aria e non rimanere troppo vicino ai fornelli mentre i legumi cuociono! E’ sufficiente buttarci un occhio ogni tanto per assicurarsi che non attacchino al fondo del tegame 😉 Poi, se ne possono preparare in un’unica volta più porzioni, in modo da avere un freschissimo pranzo/cena per i giorni successivi e non doversi mettere nuovamente a spadellare 🙂 E, andando ad “analizzare” il piatto da un punto di vista nutrizionale :mrgreen:, va notato che il succo di limone (ricco di vitamina C) dovrebbe aiutare a fissare il ferro contenuto in abbondanza nei legumi e nel miso; quest’ultimo è, inoltre, altamente benefico per via dei fermenti in esso contenuti; le alghe costituiscono una valida fonte di iodio… E, per finire, questo mix di legumi fornisce una discreta quantità di proteine, senza per questo appesantire. Cosa volete di più dalla vita :-)?

  1. ALGHE…….. O.o LE VOGLIO!!! Devo comprarmele se no muoio ogni volta che postate ricettate con loro, se poi con i legumi che sono il mio cibo preferito! ( pasta e fagioli anche in estate da me, non esiste troppo caldo per loro! ) =D

  2. Bravissima Flower 😀 adoro tutti questi legumi!! ma davvero la soia richiede 24 ore di ammollo? io l’ho sempre lasciata circa 12 ore…come tutti i legumi del resto, a parte i ceci neri…e anche per la cottura ho sempre fatto in pentola a pressione per almeno 15 minuti dal soffio (ma per esempio i cannellini già con 15 minuti sono belli cotti!)…comunque la proverò di sicuro con i vari legumi che ho in casa… poi voglio anche ricomprare i fagioli mung, sono speciali 😉

  3. Buonissimo l’abbinamento di legumi e alghe, anch’io ieri sera l’ho preparato ma ho usato soltanto la soia,i ceci e l’orzo decorticato, devo provare ad aggiungere anche gli altri legumi come hai fatto tu

  4. ottima e sana questa insalata di “algumi” 😉 😉 😉 ciao flowerpower!!! buonissima giornata! 🙂

    Federica 😀

  5. great idea! Qunado potrò compare le alghe saprò cosa fare!

  6. Grazie a tutte, ragazze 🙂
    @LoveLifeLary: provale, credo che non te ne pentirai 😉 Oltretutto fanno benissimo (a meno che non si abbiano problemi di ipertiroidismo: in tal caso, meglio andarci piano :-))…
    @Cassie: mah, ci sono diverse scuole di pensiero a riguardo: c’è chi dice appunto che già 12 ore siano sufficienti, chi dice almeno 24…io preferisco lasciarla di più che di meno: in questo modo la si rende più digeribile ed anche i tempi di cottura vengono abbreviati 🙂 Eh sì, i fagioli mung sono deliziosi ed inoltre trovo che abbiano un bellissimo colore!
    @Olivotta: ottima la tua versione! Provala anche così 😉
    @Federica e Jaja: grazie anche a voi!!!

  7. Sanissima e buonissima! Da rifare assolutamente 😉

  8. Meravigliosa. Brava. Io invece avevo capito da subito il titolo della ricetta.

  9. @Xuxa: Grazie mille… 😀 😀 😀

  10. Questa è una ricetta molto nutriente un po’ lunga nell’esecuzione però… 😉

  11. @Polyhedral: eh sì, hai ragione 🙁 Però, in fin dei conti, durante la cottura dei legumi non occorre fare nulla 🙂 Basta organizzarsi prima…ed avere mooooolta pazienza nell’aspettare 😉

  12. ciao a tutti, sono nuova nuovissima del blog… ma volevo chiedere una cosa: c’è un motivo per cui tutte le ricette che ho visto prevedono l’uso di legumi secchi? son sincera, io mi trovo tanto bene con quelli già cotti che si trovano nelle scatolette del supermercato…. grazie!!

  13. @Alaleh: i legumi secchi teoricamente dovrebbero mantenere un profilo nutrizionale un po’ migliore di quelli precotti e inscatolati 🙂 Ad ogni modo, se proprio non vuoi abbandonare quelli in scatola, ti consiglio almeno di prenderli biologici e NON sugli scaffali del supermercato 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti