Sciroppo di fiori di papavero

Nella pianura Padana i papaveri sono nel pieno della loro bellezza, bisogna approfitarne, sono talmente effimeri. Questo sciroppo si può provare con del vino bianco o sul yogurt. Nella version medicinale si usa per curare la tosse e per far dormire.

Ingredienti
:
50 g di petali di papavero
1/2 l di acqua
zucchero
succo di 1 limone o acido citrico

Procedimento :
Il procedimento dello sciroppo è quasi identico a quello di Francesco Sciroppo di fiori di tarassaco. Lasciare riposare i petali per permettere ai piccoli insetti di andarsene.

Risciacquare  delicatamente i petali. Versare l’acqua bollente su di loro e lasciare riposare per qualche ora.

Filtrare. Aggiungere il succo di limone e 180 g di zucchero ogni 100 g di acqua. Portare a (quasi) bollore per fare sciogliere lo zucchero. Ripetere l’operazione se non è abbastanza denso. Invece di fare lo sciroppo si può arrivare ad una “gelée” aggiungendo 400 g di zucchero e 1/2 bustina di pectina ogni 1/2 l di “succo. I papaveri usati sono i Papaver rhoeas che si trovono nei campi. Non si devono confondere con il papavero “ibrido”che gli assomiglia tanto ma dal quale non conosco la tossicità. Ha delle macchie nere alla base dei petali.

  1. evviva, un indovinello!!!!!!! 😀
    rapa?
    (la mia fantasia è abbastanza limitata…)

  2. Direi ribes rossi, ma non so… non mi pare la consistenza giusta…

  3. Noooooooooo………
    primo indizio : macchia bene i vestiti (addio t-shirt preferito)

  4. Allora mi schiero dalla parte di Chicca: ciliegie.

  5. ehhhhhhhhh no!
    Secondo indizio : Claude Monet

  6. Rosso, rosso, che altro c’è di rosso?
    Lamponi?
    Oppure rosa canina.. chissà che sapore ha, intanto il colore mi attira 😀

  7. Qualsiasi cosa sia ha un colore bellissimo!! Anche se penso anch’io che sia fatto con le ciliegie..

  8. Aspetta un momento.. non saranno mica papaveri?

  9. Noooo!
    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/29/Claude_Monet_037.jpg
    Vado a nascondermi dalla vergogna! E io che mi vanto tanto in giro di avere una ricetta per un liquore al papavero, la cui preparazione posticipo sempre per carenza – appunto – di papaveri!
    Mi servirebbe, questo sciroppino, che soffro d’insonnia…

  10. E si ci sono i papaveri rossi di Monet 🙂

  11. Brave! !!!
    Avete fatto in fretta, non me lo aspettavo!
    Adesso posto la ricetta giusta.

  12. monet era un indizio troppo facile, lo sapevo

  13. ce lo vedo bene come sostituto all’alchermes che è fatto con la cocciniglia? è alcoolico?

  14. Tecla, non credo che sia alcolico, è uno sciroppo. Però attenzione, che il papavero è leggermente oppiaceo in tutte le sue parti, quindi anche nei petali.
    Io non vedo l’ora di avere a disposizione un bel campo in cui raccogliere papaveri puliti per farmici il liquore… e questo sciroppo, naturalmente.

  15. difatti ho letto dopo 🙂
    ti fai il liquore di papaveri? e viene rosso e buono??perchè voglio trovare un sostituto a quell’alchermes per fare la zuppa inglese…anche se prima che mi metta a far liquori…:)

  16. Rossissimo, Tecla, davvero accattivante.
    Bè, se allora c’è tempo, vedrò di trovare dei papaveri lontani dal ciglio stradale e farlo, così lo posto

  17. ma che spettacolo, patricia! stupendo!!!!!!!!!!!

  18. Sto leggendo in questi giorni “Il mago di oz” ed ho appena passato il capitolo in cui i protagonisti si ritrovano in mezzo ad un bellissimo campo di papaveri, talmente profumati che il povero leone e Dorothy si addormentano e devono essere portati via dall’uomo di latta e dallo spaventapasseri (in realtà il leone lo portano via i topolini….)

  19. Lo proverò stasera Loira, e poi ti dico se Baum aveva ragione o no riguardo alle proprietà del papavero

  20. Non ci credo.. e pensare che non sono per niente brava con gli indovinelli!! Però non sapevo che ci si potesse fare anche uno sciroppo o un liquore..

  21. Che meraviglia!
    Vicino casa mi capita di trovare dei papaveri, per cui stavo cercando le immagini per nn confondere le 2 varietà, e può essere che nella foto dove hai indicato il fiore da nn usare sia in realtà il rhoeas (qll buono) anzichè l’hybridum ?(http://digilander.libero.it/felrig/photos/papaver_hybridum.htm)

  22. hai ragione DragonChild, ho cambiato le immagini. Grazie di averlo segnalato!

  23. Eh, in effetti pareva anche a me…
    In ogni caso non credo che ci sia poi tutto questo pericolo di incorrere nell’hybridum, mi pare che i campi siano pieni di rhoeas.

  24. http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/mod_viewtopic.php?t=3922
    Non sembra che il papavero con le macchie nere sia pericoloso…

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti