Il riso del giorno dopo 2

Di nuovo il riso avanzato, ma pure il puré! E allora… crocchette! Ma si, una piccola maialatina… Ogni tanto un peccatuccio ci sta, e per pulirci la coscienza (almeno quella… ), abbiniamo il tutto ad una bella insalata verde o di pomodori, giusto per alleggerire il tutto. E’ tutto molto semplice, ma di sicuro piacerà a tutti.

Ingredienti:

riso bollito
puré di patate
pepe
noce moscata
latte di soia
farina
pan grattato
olio evo

Procedimento:
Prendete il riso e mescolatelo al puré avanzato: le dosi le dovete gestire ad “occhio”, il tutto infatti dipende dalla consistenza del puré. Dovete regolarvi tenendo conto del fatto che dopo aver amalgamato questi ingredienti, dovrete formare delle crocchette che andrete a passare nella farina, dopo di che le girerete per un attimo in un piatto contenente del latte di soia e le infarinerete nel pan grattato. A questo punto friggete il tutto quel tanto che basta per dorare il tutto, e servite dopo aver scolato su carta da cucina accompagnato da insalata fresca.

  1. Le patate avanzate non si mangiano maiiiii!!!! Meno che mai il purè! Le patate, se avanzano, vanno buttate perchè diventano velenosissime!

  2. Questo non lo sapevo. Come mai? E se avanzo le patate lesse del pranzo a cena non si possono mangiare?

  3. Diciamo che possono mangiarsi, al massimo entro il giorno seguente la cottura.
    Il motivo è semplice: la patata è un ortaggio delicato che subisce una specie di ossidazione e al contatto con la luce produce la “solanina” che è un alcaloide glicosidico tossico.
    quando le patate, dopo qualche giorno dalla cottura diventano verdi , colorazione dovuta all’esposizione solare, sono fonte cospicua di solanina e quindi tossiche per il nostro organismo.

  4. Beh, allora non dovrebbero esserci problemi per il recupero delle patate per questa ricetta: basta non aspettare veramente il giorno dopo come cita il titolo della stessa. Io personalmente questi avanzi li faccio andare già a cena, difficilmente il giorno dopo: sono un po’ meno a rischio?

  5. si si, tranquilla! 😉

  6. La solanina è presente solo nelle parti verdi della pianta di patate.
    Non è quindi presente nel tubero a meno che questo sia esposto alla luce e assuma un colore verde.

  7. questo signore dice che le patate nei gg successivi alla loro cottura, si possono mangiare e che il colore dovuto dall’ossidazione è ininfluente
    http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/10/08/miti-culinari-8-le-patate-conservate-diventano-tossiche/

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti