Gobbi in umido

I “Gobbi” forse più conosciuti come Cardi, è uno dei piatti più classici delle tradizioni campagnole marchigiane. Tipico nelle fredde serate invernali, anche perchè il gelo è fondamentale per renderlo ancora più buono e tenero. In una seconda versione sono fatti gratinare al forno, presto mi cimenterò anche in quella 🙂
In questo caso ho usato delle salsicce di Mopur, ma sono ottimi anche senza. Una cosa fondamentale però è di servirlo con una spolverata di VParmigiano.

Ingredienti:
1 gobbo
4 salsicce di Mopur
cipolla
1 scatola di polpa di pomodoro
maggiorana
1 peperoncino
limone
pepe
sale

Procedimento:
Pulire i gobbi. La parte commestibile sono i gambi, quindi bisogna togliere tutte le foglie. Quindi tagliarli a pezzi e metterli in acqua e limone per non farli annerire, sono della stessa famiglia dei carciofi.Lessarli in abbondante sempre con del limone. Quando sono cotti, considerare circa 50 min,  scolarli e metteteli ad asciugare su un canavaccio.
Tritare la cipolla spellata con la maggiorana e far soffriggere con le salsicce di Mopur tagliate a pezzi, per qualche minuto, poi unire i gobbi. Diluire la polpa di pomodoro con dell’acqua calda (poca), salare, pepare e unire il peperoncino.
Lasciar cuocere fino a quando il sugo non si è addensato.

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Per conoscere meglio VEGANOK, scarica qui il nostro rapporto di impatto Etico.
Renata Balducci, presidente di Associazione Vegani Italiani e fondatrice di Veganblog
  1. Buonissimi, la mia nonna marchigiana me li preparava sempre quando ero piccola e io son sempre stata convinta che fosse sedano, quando poi sono cresciuta e ho provato a rifarli (usando il sedano) sono rimasta molto delusa…ma qui nel Lazio non esistono, non ne ho mai visti!

    Reply
  2. Che bontà i cardi! Non sapevo si chiamassero gobbi…anche perchè sono dritti e lunghi! Quel loro retrogusto di carciofo è delizioso! Brava!

    Reply
  3. titti, da quel che so il cardo gobbo è solo una varietà di cardo..quella curva (appunto)..
    grande aledd! sono sempre alla ricerca di ricette per cardi…non sono nella tradizione della mia famiglia eppure l’orto del papà ne è sempre pieno…che stranezze!! ^__^

    Reply
  4. eheheh questa sarà la cena di domani.. federico impazzirà di gioia!!! grazie per l’idea!!! ottttttttima ricettina!

    Reply
  5. Mai mangiati i “gobbi” o cardi… Non so nemmeno che sapore abbiano.. dall’aspetto devono essere buonissimi con questo bel sughetto poi 😛

    Reply
  6. mai mangiati nemmeno io ma mi fanno davvero gola!

    Reply
  7. Molto invitanti, se trovo i cardi li faccio così ! 🙂

    Reply
  8. Non gli ho mai mangiati cotti i cardi o gobbi… interessante. Proverò come recupero dei cardi. 🙂

    Reply
  9. Buonissimi!!! faccio fatica a trovarli, i gobbi da noi sono praticamente introvabili!!!

    Reply
  10. Adoro i cardi, si dicon gobbi anche quelli di Nizza Monferrato che trovavo quando lavoravo a Torino, ( mi acorgo di citare spesso siruazioni legate a luoghi dove sono stato, non e’ un vezzo, mi sono veramente trasferito 12 volte) certo cominciano adesso ad essere buoni, poi con le prime gelate si esaltano.
    Ricordo che a quelli bisognava assolutamente togliere i filamenti del gambo, pena l’immangiabilita’, o i tuoi sono ancora teneri?
    Bella ricetta, opterei senza salsiccia ma con una bella polenta da accompagnare.
    Sapete perche’ si chiamano ” gobbi” ?
    Quando la pianta e’ matura e raggiunge ca. 80 cm. di altezza si estirpa, manualmente, senza danneggiare le radici e la si piega, legandola a ciuffo, poi si interra in maniera tale che diventi da verde a bianca per la perdita di clorofilla, le coste perdono buona parte della fibrosita’ diventando dolci e croccanti.
    E’ un processo continuo e laborioso, perche’ i giorni d’interramento e lo spessore dello strato di terra aumentano con la diminuzione delle temperature da ottobre a novembre.
    In pratica un’Opera alchemica…
    Viva il cardo gobbo, mi vien voglia di mettere su una Bagna Cauda.

    Reply
  11. Siamo ghiotti di gobbi in famiglia!! Io ne mangiavo vagonate già da piccola e mio figlio non è da meno! stiamo già gustando i primi della stagione, grazie al meraviglioso orto dei miei suoceri, anche se ancora non è freddo. Io li cucino usando l’aglio al posto della cipolla e, per variare, a volte li faccio in bianco. Vogliamo parlare di quelli al forno? e i gobbi fritti? gnamme gnamme!!!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti