Gnocchi alla capricciosa

Lasciatevi sedurre da questo capriccio di cucina… E’ una ricetta facile da realizzare e di sicuro successo, soprattutto in caso di ospiti improvvisi a cena 😉 … parola di Lali!
Ingredienti (per 2 persone):
2 belle carote già lessate
farina semintegrale qb
1/2 cipolla rossa di Tropea
2 carciofini al naturale
2 cucchiai di funghetti famigliola gialla sottolio
3 pomodorini datterini
1 cucchiaio di peperoni a listarelle, sottaceto
1 cucchiaino di capperi dissalati
qualche oliva taggiasca
1 cucchiaio di ricotta di soia
1-2 cucchiai di olio evo buono
sale, pepe qb
1 pizzico di maggiorana essiccata

Procedimento:
Frullate le carote quando sono quasi fredde col minipimer ed aggiungete via via tanta farina quanto basta a formare un panetto di pasta morbido e sodo, dal quale ricaverete dei lunghi salsicciotti. Tagliate questi ultimi a tocchetti, poi passateli delicatamente e velocemente sui rebbi di una forchetta, dando loro la forma di gnocchi.
Mettete sul fuoco una pentola d’acqua e, mentre aspettate che raggiunga il bollore, tagliate finemente la cipolla e fatela imbiondire in 1 cucchiaio di olio evo. Aggiungete i capperi, le olive a rondelle, i pomodori datterini spezzettati, i peperoni tagliati a pezzettini, i carciofini a filetti e i funghetti e fate cuocere per 3 minuti, quindi spegnete il fornello e tenete da parte questo sughetto.
Quando l’acqua nella pentola sul fuoco inizierà a bollire, aggiungete alla stessa 1 cucchiaio di olio di semi – il che eviterà che gli gnocchi (si dice proprio cosí, dire “i gnocchi” é errato, ho controllato sul sito dell’Acccademia della Crusca 😆 ) si attacchino durante la cottura. Tuffate gli gnocchi di carota nell’acqua bollente e recuperateli con la schiumarola appena verranno in superficie, quindi trasferiteli nel tegame che contiene il sughetto. Unite la ricotta di soia e 1-2 cucchiai di acqua di cottura degli gnocchi e spadellate il tutto per 2-3 minuti a fuoco allegro, aggiungendo per ultima la maggiorana e, se occorre, ancora un filo di olio evo.

  1. Appena ho aperto la pagina e ho visto la foto, ho pensato… 🙂
    Ecco… qui c’è il tocco di Lali… 😉 🙂
    Bel piatto! Gustoso, colorato, e ricco di fantasia…!
    🙂 Un bacio anima bella…

    Io li ho sempre chiamati, gli gnocchi :mrgreen: 😉

  2. Grazie tesoro di Niki 😀 !
    Ho scritto la precisazione perche ultimamente sul web “gira” anche la versione errata… 😉
    Un abbraccio e buona serata 🙂 🙂 🙂

  3. si,si ,anch’io ho sempre detto gli gnocchi,slurp….!

  4. vero LLL hai ragione, qui tra le mie conoscenze e io in primis da che ho memoria abbian sempre detto Gli Gnocchi, non sapendo ma eravamo nel giusto, grazie per l’informazione

    bless and love!

  5. Brava madda 😀 !
    Gnocchi forever!!! 😉 😛 :-lol:
    Bacibaci 🙂

  6. Grazie Luca 🙂 🙂
    Gnoccolando si impara! 😆
    Bless and love 😀

  7. Ho un debole per i gnocchi L’ali. Un piatto di gnocchi mi conquista sempre. Grazie per la ricetta.

  8. Mumblemumblina… 🙂
    Pensavo… 🙄
    Dovrebbero venire bene anche con la zucca, tipo butternut o violina che rilasciano meno acqua 😉
    Buona Domenica dolce Lali! 🙂

  9. Questo perché adesso ci sono le mie amate zucche! E le mangerei in ogni veste! 😉

  10. Oh si Niki, credo che anche la zucca andrà benissimo!!! 😉

  11. Brava Lali, geniale ricetta! ottima anche per mamme che vanno sempre di corsa, come me!

  12. @Lali:
    Allright! 😉
    Buona settimana anima bella!

  13. @Vegmammaincucina: grazie cara! Go vegan!!! 😀

  14. mmmmm sembrano squisiti Lali! 🙂

  15. Donatella Buratti 18 Ottobre 2016, 12:05

    In tema di cucina naturale e sana non poteva mancare… l’Accademia della Cruca!!! Lali questi gnocchi sono golosissimi…. te li copio!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti