Farinata di coste e cipolle

A colpo d’occhio sembra veramente una vera frittata ma questo è il miracolo della farina di ceci:-)

Ingredienti:

150 g di farina di ceci
acqua
1 bel pugno di coste, solo la parte verde
1 bella cipolla
peperoncino o pepe
noce moscata

Procedimento:
Preparate la  pastella che deve essere molto liquida, aggiungete 1 pizzico di sale, se vi piace noce moscata e pepe. Lasciate riposare e preparate la verdura: fate soffriggere leggermente la cipolla e aggiungete le coste che avrete precedentemente sbollentato, una volta pronte tritate il tutto finemente lasciatele raffreddare e aggiungetele alla pastella, potete cuocerla in forno o in padella io in questo caso ho usato la padella, scaldate bene ungendo con un po’ d’olio, deve cuocere molto bene fino a formarsi una bella crosticina, per girarla aiutatevi con un coperchio, muovetela spesso, veramente gustosa e saziante proprio per l’alto valore nutritivo della farina di ceci.

  1. Una domanda:
    se la faccio in padella (la farinata), con una padella in rame, per scongiurare il rischio che si attacchi, è meglio friggere un po’ l’olio prima di immergerla dentro?
    Poi non so perchè ma la farina di ceci non la trovo più nè all’esselunga e nè alla ipercoop.

    L’avevo fatta anch’io con le cipolle ma in forno, in una teglia bassa, ed era buonissima.
    Proveremo in padella prima o poi…

    Ciao!

  2. Una curiosità:
    per farla nella padella in rame e non farla attaccare è consigliabile scaldare prima l’olio?
    Grazie.

  3. Ciao Chicca! Posso chiederti dove si compra la farina di ceci?

  4. Io ho scoperto solo recentemente la farina di ceci. Ora devo limitarmi nel mangiarla 🙂 Personalmente compro la farina di ceci marca libera terra. La vendono ad esempio alla coop di Vicenza. Invece non l’ho trovata a quella di Padova. Hanno anche un sito http://www.liberaterra.it/ e sembra che sia possibile ordinarla anche online.
    Visto che è la prima volta che scrivo ne approfitto per fare i complimenti alla curatrice di questo blog!!! E’ stata una piacevole sorpresa ed ora sto provando un po alla volta le ricette proposte (ho già fatto la pasta di farro, i dolcetti di cocco e la “pasta” crudista di zucchine) .

  5. La padella deve essere sempre calda prima di mettere l’olio, che non deve essere tantissimo ma deve ungere bene tutta la padella! La Farina di ceci io la trovo sia nel negozio bio dove vado solitamente o anche al super della catena Iper.
    Sono felice che Tullio sia un nuovo membro della famiglia di Veganblog e che abbia già sperimentato qualcuna delle nostre ricette, spero ti siano piaciute 🙂 un salutone a tutti

  6. Adoro la farina di ceci, non capisco come faccia a non piacere al mio ragazzo. La vendono anche on-line su Tibiona.it.

  7. Ciao Sereva volevo chiederti dei prodotti Tibiona sono andata a vedere il loro sito e devo dire che è veramente interessante, anche i prezzi sono interessanti soprattutto sulla quantità, si trovano anche farine che non si trovano facilmente dipo quella d’orzo, miglio e amaranto, cosa ne pensi delle loro farine? Non ho mai acquistato nulla tramite internet e vorrei essere sicura del prodotto, grazie mille per la risposta che mi darai, un salutone!

  8. Quando non si trova la farina di ceci è segno che le scorte stagionali sono terminate.
    La farina di ceci è infatti un prodotto stagionale e soggetto quindi a momenti di poca disponibilità sul mercato, per fortuna.
    complimenti per il blog!!

  9. Sono andata a “recuperare” questa ricetta xchè ho comprato della farina di ceci sabato al naturasì e volevo provarla! Ho ridotto le dosi xchè faccio delle mono-porzioni (in casa mia mangio vegan soltanto io… per il momento!) ed è venuta buonissima! La prossima volta xò penso che la farò un pò più altina! grazie per questa ricettina!

  10. Grazie a te Loira per averla provata….i miei uomini che sono onnivori adorano le farifrittate con la farina di ceci, prova quindi a proporla anche non in monoporzioni 🙂 Salutone

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti