Crostone alla zucca

Che ne dite di una ricetta che esalti al massimo il gusto, il profumo ed il colore della zucca? Oggi è il primo febbraio… I cosiddetti ” giorni della merla” sono passati… Mi riferisco al 29, 30 e 31 gennaio… A proposito sapete perché si usa chiamarli in questo modo? Molte sono le leggende… Io ricordo questa: ” C’era una volta una bellissima merla bianca che infreddolita dalla temperatura invernale,  si riparò per tre giorni (il 29, 30 e 31  gennaio) in un camino e ne usci solo quando il freddo si placò… Inevitabilmente le sue piume divennero nere, poichè sporcate dalla fuliggine e dal fumo del camino… e da quel giorno tutti i merli indossano un manto di piume nere… “. La stagione invernale però non è ancora terminata, e nonostante ciò ci sono già ortaggi, verdure e frutti che non si trovano più con facilità… Degli amici passati a salutare, (amici preziosi che hanno un terreno ricco di un pò di tutto ), non si sono presentati a mani vuote… Anzi, oserei dire che si sono presentati a piene mani di… zucca!!! Non ho resistito, perciò, nonostante in questi giorni la mia cucina sia parzialmente “smantellata”, mi sono voluta togliere la voglia di un crostone alla zucca…crostonezucca1.jpg
Ingredienti per la base (per 2 persone):
pane toscano non salato

Ingredienti per la crema di zucca:
olio evo
1 patata grande
1 cipolla dolce
1/4 di zucca piccola dolce e soda
noce moscata grattugiata
2 mestoli di brodo vegetale
1 cucchiaio di panna vegetale
fior di sale qb (per aggiustare la sapidità … se occorre…)

Ingredienti per il condimento:
olio evo
1 pizzico di brodo vegetale granulare
semi di sesamo
semi di papavero
granella di mandorle
pinoli
rosmarino di Promiseland (per rosmarini di altre provenienza si declina ogni responsabilità sul risultato! 🙂 )crostonezucca3.jpgProcedimento per la crema di zucca:
Lavare, pelare e tagliare a dadini la patata, la zucca e la cipolla. Mettere sul fuoco una terrina di terracotta con olio evo, unendo prima la cipolla sino a farla appassire, poi la patata ed infine la zucca, tutte tagliate come detto a dadolini… Unire man mano brodo vegetale, facendo in maniera che il composto non sia troppo liquido… Mescolare di tanto in tanto mentre cuoce… Macinarvi la noce moscata ed aggingere la panna vegetale… Mescolare ancora con un cucchiaio di legno. Quando il tutto apparirà tenero, spengere la fiamma. Con un frullatore ad immersione frullare il tutto, che dovrà risultare cremoso e denso.

Procedimento per il condimento:
Nel frattempo, mentre la nostra crema cuoce, a parte, in un’altra piccola terrina mettiamo a tostare i semi sesamo, evitando che diventino scuri… perchè non danno un buon sapore… Il sesamo va tostato al punto giusto… Togliamo il sesamo e lasciamolo da parte. Nella stessa terrina ora mettiamo olio evo, 1 pizzico di brodo vegetale granulare, pinoli, semi di papavero, granella di mandorle, facciamo andare un po’… Appena il tutto risulterà cotto al punto giusto, ovvero dorato e profumato, uniamo il sesano tostato ed il rosmarino… ma lasciamo solo per pochi secondi sul fuoco e poi spengiamo.
crostonezucca2.jpg
Procedimento:

Posiamo sul nostro piatto da servito 1 fetta e 1/2 di pane toscano non salato, che potremo tostare o meno (io avevo il camino spento e non l’ho tostato, anche se lo preferisco decisamente croccante, non troppo, al punto giusto), condiamo il pane con 1 filo di olio evo ed 1 pizzico di fior di sale… Adagiamo sul pane 2 mestoli della nostra cremosa di zucca e condiamo il tutto con la salsina… ed ancora 1 filo di olio evo a crudo… Aggiustiamo di sale  con il fior di sale se occorre… Decoriamo con qualche aghetto fresco di rosmarino di Promiseland: “le plat est prêt”. Poi mangiamo e lecchiamoci i baffi… 🙂 (come abbiamo fatto io Sauro… rimpiangendo poi di non averne preparata una quantità superiore… :-)!)

  1. Bellissima e buonissimissima, sono appena tornata da un pranzo poco soddisfacente…..non posso dire ne da chi ne perchè…..e questo mega crostone di pane soddisferebbe tutte le mie voglie gustative 🙂 Possibile averne uno via aerea per stasera?

  2. Sarebbe possibile se non l’avessimo finito… e ci abbiamo anche consumato un’ulteriore fetta di pane per ripulire bene il piatto!… Era un piatto semplicemente paradisiaco… Eh si, la BioContessa per zuppe e minestra va proprio lasciata stare…
    🙂

  3. Chicca, spero proprio non manchi lìoccasione per condividere presto qualche gustoso piatto.. Potremmo studiare un menù fatto di un piatto mio ed uno tuo.. uno mio ed uno tuo.. 🙂 Dall’antipasto al dolce…
    Perchè no?
    🙂

  4. Sarebbe davvero molto bello! lo spero davvero dal profondo del cuore che possa succedere d’organizzare un bel menù insieme 🙂 Sauro…potevi risparmiarne una fetta….quanto buono è il vostro pane senza sale….mmmmmmmm 🙂 Un abbraccio

  5. Eh si.. Il pane senza sale e’ ottimo.. e si presta ad un sacco di impeghi…
    In estate quando si prepara la panzanella…non c’e’ pane che tenga il confronto.. ci vuole questo…
    Inoltre e’ particolare anche la sua compattezza.. In inverno me ne accorgo anche quando preparo la pappa con il pomodoro calda calda…
    Oppure come fondo per le creme di verdure… o per i cacciucchi…( vegan ovviamente…)
    🙂

  6. Ma che bellezza! Mi hai dato un’ idea per eventali cene.

  7. @Molly: e’ veloce ed appetitoso… e di grande effetto!!
    Inoltre, come per tutte le nostre ricette vegan, rappresenta qualcosa che di solito gli altri non sono abituati a mangiare…
    🙂
    Un abbraccio

  8. Mi raccomando l’olio extra vergine d’Oliva di quello VERO, spremuto a freddo e sopratutto Toscano!.. (i soldi risparmiati sulla qualità dell’olio sono sempre risparmiati male)
    🙂

  9. Panzanella…..pappa al pomodoro….allora giri il dito nella piaga! Sauro se mi permetti: buono l’olio toscano ma anche il mio siculo 🙂 Spero di potervelo far assaggiare un giorno 🙂

  10. Caciucco vegan? ti prego ricetta ricetta!!!!

  11. He he… niente da dire sull’ìolio Siciliano, ma sarà che son cresciuto in Toscana mangiando piatti sempre ben irrrorati di olio Toscano, ma mi piace proprio di più, specie sul pane bruschettato lo reputo il migliore… Quando passid i qua porta una bottiglia che ci divertiamo a farci un pò di assaggini tra i due olii su diversi tipi di pane (evviva l’incontro tra culture oleose diverse!!!)
    🙂

  12. Epper ti dirò vicino a noi, in Sicilia, abita un ragazzo toscano toscano che mette l’etichetta sulle bottiglie del suo olio con “Olio Siciliano-sudore toscano” 🙂 e dice che naturalmente sono due oli diversi, ma l’oilio che si fa dove siam noi ha un grado di acidità bassissimo che lo rende favoloso….non vedo l’ora comunque di questo scambio oleoso su pane 🙂

  13. P.S.: Mari se mi leggi dalla Sicilia saluta l’uomo del sudore toscano 🙂 e fagli lasciare magari un commento per Sauro….

  14. @fede80: Del cacciucco vegan ho già preparato le foto… A gentile richiesta stasera inserisco la ricetta.. Ok?
    Era f a v o l o s o … anche a detta di non vegani.. che si sono leccati il piatto e la pentola di cottura.. per non parlare dei gesti .. come dire” alla grande alla grande! “…
    Devo essere poco modesta: e’ stato un gran successo!!
    Vi lancio la ricetta con le mie fotazze!! a più tardi…
    🙂

  15. He he… Un saluto all’uomo del sudore Toscano da parte mia 🙂

  16. Grande grande! aspetto con ansia!

  17. Che bella!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Complimenti Renata, è una ricetta favolosa a dir poco!!! Io adoro la zucca ma qui da noi se ne trova poca a dir la verità!!! Comunque, appena riesco a reperirla, questa è una ricetta da fare assolutamente!

  18. @ Paola: Grazie chery.. Ma tu dove abiti? se vuoi te la spediamo!!!
    🙂
    Un abbraccione!

  19. @fede 80: sarà pubblicata alle 23.00!!
    🙂

  20. Guarda Renata, domani mattina c’è il mercato qui da noi. Speriamo di trovarla, altrimenti ti faccio sapere…sai non vorrei disturbarti troppo ma…sinceramente un pò di zucca mi piacerebbe riceverla. Io vivo in Puglia, se è il caso domani ti invio il mio indirizzo! Grazie di vero cuore!!!

  21. ‘sto crostone ha una faccina…

  22. @Francesca: Ti piace la sua “espressione!??? 🙂

  23. @ Paola: Trovata la zucca Paoletta??
    Facci un fischio….
    🙂

  24. Un'”espressione” favolosa…parla: dice “mangiami mangiami” ^_____^

  25. ^______________________^ @ Simpaticissima!!
    🙂

  26. marò che bello 🙂
    se parlavi di questo tipo di presentazione della zuppa di barbabietole, beh.. fai pure ^_^
    anche se sinceramente l’olio d’oliva mi piace solo ligure.. quelli pungenti o fruttati nn mi piacciono poi così tanto he he..

  27. @ Si intendevo appunto come abbinare la tua Zuppa di barbiabietole proprio per la prsentazione.. ma l’idea delle patate mi e’ piaciuta e mi sono venute anche delle ideuzze..
    Appena la preparerò te ne darò un’assaggio”visivo” !!!
    🙂

  28. Trovata trovata trovata!!!!!!!!!!!!! Pensa che un fruttivendolo del mercato l’ha portata per caso e voilà!!!!!!!!! Scusate l’ignoranza in materia…ma di solito le vendono già aperte o chiuse? Forse faccio una domanda cretina………… 🙂
    Grazie di cuore Renata per la tua disponibilità!!!

  29. @ Paoletta: Grandioso!!!!
    Spesso di trovano anche tagliate.. sta tranqui Poulette!!!
    Che bello… !!
    In ogni caso ricorda che per la zucca e per anche per altri ortaggi es.: I cavoli neri che sono prettamente toscani…, siamo a ” esposizione”
    spediamo in tutta Italia…ehehehe !!! Il primo e’ un pacco regalo per i nostri soci vegani…ehehehe.
    ( Se ti venisse voglia di Ribollita, che tra l’altro io mi magio questa sera .. fatta da mia suocera.. la mammetta di Sauro, che e’ Fiorentina!!! .. Invidia?? eheheh !)
    Buona cenetta Paola e non farti problemi se hai bisogno fischia!!!
    Un mega abbraccio
    🙂

  30. @ sempre per PAOLA: Ma me lodici dove abiti???
    Ciaooooo!

  31. Ecco anche la ribollita!!!! che buona e che invidia! Mmmm comunque a differenza dello stramaledetto sedano rapa venezianamente non reperibile, qui ho trovato il cavolo nero per la ribollita e per il pesto…stranezze della vita! (dei fruttivendoli però!)

  32. Bene Fede.. almeno questo…
    Sai e’ difficoltoso anche reperire il cavolo nero…non qui da noi in Toscana..
    Ma so che in giro e’ raro..
    A proposito delle ribollita.. te ne lascio un pò da parte.. ehe :-)!!

  33. Ma Renatucciaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!! Non è che posso dare nome cognome e indirizzo così!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Scrivimi la tua mail che te lo dico e poi magari vi aspettiamo pure a te e Saurino per una gita nella nostra meravigliosa Puglia ! 🙂

  34. Ciao Paola,
    ti ho appena risposto per email per conto di Renata…
    🙂

  35. No.. Paola volevo sapre la zona della Puglia in cui vivi.. !!

  36. Renata questa ricetta è semplice quanto semplicemente bellissima (e a proposito complimenti per la foto e per le terrine belline 🙂 )… mi volete far contenta? Ecco fatemi un bel crostone con roba bona sopra (fagioli, zucchine….) e con dei bei ruscelletti di olio verrrrrde e mooolto piccante come si usa da me in Tuscany, sale pepe e erbette. Vi amerò….

  37. Buongiorno a tutti……..ieri sera ho fatto questa squisitezza…………..ci siamo leccati i baffi e non solo!!!!!
    Grazie

  38. Renata ti ho inviato una mail all’indirizzo che mi ha fornito Sauro! Io comunque vivo nel brindisino, in particolare nei trulli della Valle D’Itria!!!! Quando volete venire la porta è aperta!!!!

  39. @ Lella: Grazie Lella per aver provato la mia ricetta… sono veramente felice che vi sia piaciuta.. Se hai apportato modifiche, fammelo sapre… così potrò valutare alternative.. E’ sempre intressante sapere !!
    @Paola: Si …! Grazie tante! ho rivetuo la tua maill..
    Beh.. che dire .. secondo me il posto in cui abiti e’ divino..!!!!
    Adoro il mare… ci sono nata e vissuta.. ma quello tuo dev’essere meraviglioso!!
    Io se fossi in te non inviterei così a spada tratta… Qualcuno potrebbe cogliere la palla al balzo.. e portarti.. zucche.. cavolo nero.. e quant’altro non si trova dalle tue pari.. direttamente a domicilio.!!
    Un abbraccione a tutte!!
    🙂

  40. Cara Renata avervi qui sarebbe un onore per me!!!! 🙂
    E comunque io e Roberto siamo abituati ad avere ospiti e amici in casa!!! 🙂 Si il posto dove viviamo è bellissimo, non a caso mio marito ha lasciato Alessandria per venire a vivere qua!!!! 🙂

  41. @ Paola… : anche noi amiamo avere friends per casa…penso che in certe persone sia innata l’indole della ” condivisione”.. Anche noi amiamo condividere questo posto e le nostr cose genuine con chi amiamo…

    🙂

  42. Grazie a te x aver inserito questa bontà, non ho cambiato nulla della tua ricetta se non aggiungere anche i semi di lino ma solo xchè io li ho già nel contenitore mischiati con il sesamo. Devo dire che questo condimento è ottimo anche xchè io vivo in maremma e le zucche quì non son buone come quelle mantovane, son + dolci quasi gelatinose, a volte stuccano ma questo condimento gli conferisce un sapore veramente veramente buono!
    Baci

  43. Dimenticavo: ho usato il porro al posto della cipolla xchè non ne avevo in casa!
    Baci

  44. Mi son mangiata due mega fettone di pane “bruschettato” con la zucca fatta così, è eccezzionale cara Renata…….piaciuta tanto anche ai due uomini 🙂 Grazie della ricetta….un abbraccione

  45. bonissima questa – con crostone e senza!!!!
    😉

  46. Ieri l’ho tradotta e più guardavo le foto e più mi faceva gola… quindi mi sono fatta il pane e oggi a pranzo gnaaaaaaam! Al mio mentore é piaciuta moltissimoooooo! E anche a me!!! Ho grigliato il pane e l’ho grattato con l’aglio: non riesco a impedirmelo! Troppo buona! 😆

  47. Ho preparato questa crema di zucca sabato sera ed è venuta buonissima!!! Ho ricevuto i complimenti da parte di tutti i commensali e l’indomani era ancora più buona 🙂
    Invece del pane toscano ho usato del semplice pane tostato e non ho messo la panna veg perchè al gusto e consistenza mi sembrava già ottima!
    Grazie di cuore a tutti gli chef… siete una continua fonte di ispirazione e vorrei conoscervi tutti per ringraziarvi singolarmente per tutto il tempo che spendete nel postare le vostre ricette, quindi “GRAZIE”!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti