Crostata fruttosa dei festeggiamenti

Ecco la seconda torta che ho preparato in occasione del mio onomastico e del compleanno di mio cugino 🙂 Nulla di particolare, se non l’ennesima crostata di frutta (ma nel mio caso la prima :-P) realizzata attingendo e rielaborando in chiave personale le innumerevoli ricette presenti qui sul blog 😉
Ingredienti per la base:
160 g di farina 0
50 g di farina di mais bramata (rimacinata col frullatore)
50 g di mandorle macinate finemente
7 g di cremor tartaro
scorza grattugiata di 1 limone piccolo
70 g di olio di germe di mais
15 ml di succo di limone
65 ml di latte di mandorle (autoprodotto)
70 ml circa di sciroppo di agave

Ingredienti per la farcitura:
150 g di cous cous
600 ml di acqua
55 g di zucchero integrale di canna
2-3 gocce di olio essenziale di limone
sciroppo d’acero qb
frutta fresca a piacere (ho usato 2 kiwi, 1/2 pesca circa e un po’ di mirtilli)
4 foglioline di menta per decorare

Ingredienti per la copertura:
acqua qb
30 g di tapioca
30 g di xilitolo
1 cucchiaino di agar agar in polvere

Procedimento:
Incominciate a preparare la base della vostra crostata unendo tutti gli ingredienti secchi ed impastandoli con i liquidi; lasciate riposare in frigorifero per 1/2 ora (ho preso esempio dalla ricetta Crostatine speciali di VeggieKriss). Nel frattempo, dedicatevi alla preparazione della crema: fate cuocere il cous cous a fuoco bassissimo insieme all’acqua, allo zucchero e all’olio essenziale di limone, rimescolando spesso, fino a quando non avrà assorbito tutto il liquido; a questo punto, frullatelo a lungo ed aggiustate di sciroppo d’acero finché non avrete raggiunto il grado di dolcezza desiderato, ottenendo appunto la vostra crema pasticcera (naturalmente, ho copiato quasi alla lettera la Crema pastic… c’era di Marianna :-P). Preriscaldate il forno a 180°, estraete la palla d’impasto dal frigo, stendetela nello stampo apposito livellandone la superficie e rialzandone leggermente i bordi
bucherellate con una forchetta e fatela cuocere per 15-20 minuti. Lasciatela intiepidire prima di ricoprirla con la crema precedentemente preparata (ne ho usato circa 1/3 o 1/4, la rimanenza l’ho trasferita in un barattolo e conservata in frigo ;-)). Lavate, pelate e tagliate la frutta e disponetevela nel modo che più vi aggrada :-P. 
Riponete nuovamente al fresco ed occupatevi della realizzazione della gelatina trasparente che darà il tocco finale alla vostra crostata :-D: seguite il procedimento della Gelatina di tapioca per dolci di Silvia D servendovi degli ingredienti sopraelencati (io ho utilizzato lo xilitolo, ovvero l’unico tra i dolcificanti che avevo in casa dal colore “neutro”: è bianco come lo zucchero semolato, ma mooooolto più salutare!); una volta tiepida, versatela sopra la superficie della crostata rivestendola completamente (bordi esclusi :-)); in questa fase vi occorrerà applicare una certa manualità e delicatezza, in modo da non scomporre più di tanto la farcitura preparata in precedenza: potete aiutarvi con una spatola o pennello in silicone. Decorate con le foglioline di menta. Di nuovo in frigo per 1 ora almeno e… voilà 😉

Il punto:
Niente male, è stata apprezzata decisamente più della cheesecake gelata… Non è venuta particolarmente dolce, il che tuttavia è stato un punto a suo favore: infatti è risultata leggera e rinfrescante ed anche i commensali onnivori si sono complimentati per la sua “non-stucchevolezza” 😀 Anche queste son soddisfazioni 😛

  1. Bellissima! Brava!!! Ne vorrei sul serio una fetta ora. Non ti preocc per fb, non devi farlo per forza..ti faremo sapere cosa abbiamo deciso 😉

  2. He son soddisfazioni quando tutti si complimetano, vuol dire che la torta era buona davvero! 🙂

  3. OPS… complimentano.

  4. buona…ma non so cosa sceglie tra quella gelata e questa 🙁

  5. Ma che bello ti sei fidata della mia base che emozione 🙂 ti e’ piaciuta allora? Son contenta ^___^

  6. me che bellezza e che bontà!!!! tanti auguri per Santa flowerpower 😉 ciao! 🙂

  7. Che ficata la gelatina di tapioca 😀 adesso devo assolutamente comprare le perle di tapioca ehehe 😀

  8. Grazie mille a tutte 😀
    @Romina: mi sono appena iscritta…ma come lo trovo il gruppo di cui parli? Scusa, sono un po’ imbranata 🙁
    @VeggieKriss: sì, mi è (anzi CI è ;-)) piaciuta molto 😛 L’unica (piccola :-)) “pecca” è stata la mancata indicazione della quantità di latte…io purtroppo non sono tanto capace ad andare a occhio 🙄 e così ne ho messo un po’ troppo, con la conseguenza che ho dovuto aggiungere altra farina per recuperare la consistenza dell’impasto 🙂 In più ho aumentato le quantità di agave perché era un po’ poco dolce 😛 Ma la consistenza finale era davvero uno spettacolo!!!
    @Fede: ah ah ah!!! Santa FlowerPower mi mancava 😆
    @Cassie: eccèrrrto, non puoi non provarla 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti