Crema di frutta

Ciao cari! Oggi posto una ricetta da “scoperta dell’acqua calda”! Invece di fare le solite marmellate a me piace trasformare la frutta in una deliziosa crema dai mille usi: ci si possono riempire torte, spalmare su biscotti o fette biscottate per colazione o merenda, si può accompagnare con una granola per fare un dessert sano e genuino, insomma in un secondo una crema di frutta, a mio avviso più buona della marmellata!
DSC_1923 (Copia)
Ingredienti per la crema gialla:
1 ananas pulito
3 cucchiai di farina di manioca

Ingredienti per la crema arancione:
1/2 melone
3 cucchiai di farina di manioca

Procedimento:
Mettete la frutta che volete trasformare in crema nel mixer e frullatela. A questo punto unite la farina di manioca setacciata mescolando con una frusta in modo che non ci siano grumi e versatela in una pentola. Fate cuocere a fuoco basso continuando a mescolare finchè la vostra crema farà “pouf”!! A questo punto trasferitela in un contenitore e lasciatela raffreddare. E poi mangiatevela!!!
DSC_1920 (Copia)

DSC_1912 (Copia)
Spero si capisca dalle foto la consistenza da vera crema!! E questa è la mia farina che compro in un negozio etnico.
DSC_1931 (Copia)
Il punto:
Come vi dicevo, non è una vera e propria ricetta, ma un modo diverso per mangiare e presentare la frutta. Faccio questa crema con tutti i tipi di frutta e spesso la uso per farcire crostate o torte. Ad una cena l’ho servita come dessert con la granola appunto e tutti pensavano che chissà cosa fosse… fruttaaaa!!!Semplicemente!! E’ più o meno il procedimento per fare il gelo di anguria siciliano, quello però si fa bollire molto di più e ci si mette lo zucchero! Baciiii!

  1. si può usare in alternativa alla farina di manioca, la farina di riso integrale?

  2. Fantastica! E’ pure adatta ai bimbi, secondo me alla mia piacerà, ti farò sapere!

  3. Sarà…ma a me pare una magnifica scoperta!! Non è acqua calda!! 😀 😀 Non vedo l’ora di farla! Secondo te come viene con l’anguria? Ne sono ghiotta…

  4. Meravigliosa! Io sto pensando di farla con la pesca 😉
    Anch’io come Elisa, mi chiedevo se potevo sostituire la farina di manioca con quella di riso integrale?

    Brava Nica, hai avuto un’idea brillante! 😛 🙂

  5. Sembra davvero la frutta in omogeneizzato che preparavo ai miei piccoli… La farina però non saprei dove reperirla….. con cosa potrei sostituirla?
    Non vedo l’ora di provare a farla……
    😀

  6. E’ meravigliosa questa crema di frutta, Nica! Hai avuto una bellissima idea! 😀
    Presto pubblicherò la ricettuola che ti ho promesso… non mi sono dimenticata, sai?
    Un grosso bacio cara… 🙂

  7. ciao a tutte!
    con l’anguria iene buonissima! io la faccio quando mi avanza, ma essendo molto liquida occorre aumentare la dose di farina!
    con l’anguria se volete proprio una mousse più dura aggiungete 2 cucchiaini di agaranta, altrimenti per mezza anguria frullata e passata al colino io direi che servono almeno 5/6 cucchiai di manioca.
    per quanto riguarda la farina di riso, credo proprio che venga, ma direi anche con l’amido di mais o la fecola…il fatto è che la farina di manioca ha delle proprietà addensanti straordinarie!!!
    dida fammi sapere cosa ne pensa la tua piccolotta!
    baci a tutte

  8. Mi si è aperto un mondo!!
    Grazie mille per questa super ricetta!
    Baci e buon martedì!

  9. Allora vai con la farina di riso… grazie Nica! 🙂

  10. Nica, che bella ricetta! Dimmi solo una cosa, ma la farina di manioca e’ la stessa cosa della farina di tapioca?? Un bacio 🙂

  11. @Nica: grazie, allora prima che l’anguria finisca, corro!! 😀 E unserò la manioca perchè le altre farine di cereali farebbero salire troppo l’indice glicemico! 😀

  12. Oggi l’ho gustata con pesca e farina di riso 🙂 divina…
    Provare per credere 😉

  13. Mi ricordavo l’esistenza di queste creme; trovata ed ora vado a pulir l ananas giusto giusto bel maturo 😀

  14. grande gio! vedrai che anche a Pepi piacerà! Come ti dicevo via messaggini, per farcire le torte è perfetta la crema di frutta. provaci e poi mi saprai dire! Un bacio

  15. Leggo solo oggi questa fantastica ricetta. Una domanda: la farina di riso (che uso spesso per altre cose) deve cuocere un po’. Sbaglio?

  16. ciao laura, puoi farla cuocere un minuto spegni e lasci raffreddare! oppure frulli tutto e basta!
    un abbraccio

  17. Un fantastico dolcetto !!! Ho fatto mix ananas e mele, cotto, frullato, aggiunto manioca e una manciatona-ona di uvetta. Al consumo nn potevano mancare pinoli e cannella. Grazie Nica bella di questa ricettina facilissima, versatile e goduriosa 😉

  18. Golose al massimo queste creme di frutta! Domani proverò col melone invernale 😆 …
    Già pregusto il suo delicato sapore eheh 😉 !

  19. ho letto che in alternativa alla farina di manioca si può utilizzare anche l’amido di mais oppure la fecola e la farina normale? mentre per quanto riguarda l’ananas riesce bene anche con quello in scatola?
    GRAZIE!!!

  20. bella idea. visto che l’anguria èra enorme, ho invasettato parte abbondante di questa crema bellissima e sterilizzato il tutto . quindi,anguria anche d’inverno!:)
    grazie

  21. volevo aggiungere:
    ho letto che si può fare la marmellata con la sola parte bianca dell’anguria, quella zona duretta tra la buccia e la polpa. qualcuno di voi ha sperimentato? non vorrei sprecare energie ,varie, x una ricetta che a me par strana. ma ho tanta tanta di questa scorzetta bianca. razie

  22. volevo aggiungere:
    ho letto che si può fare la marmellata con la sola parte bianca dell’anguria, quella zona duretta tra la buccia e la polpa. qualcuno di voi ha sperimentato? non vorrei sprecare energie ,varie, x una ricetta che a me par strana. ma ho tanta tanta di questa scorzetta bianca. grazie

  23. @piccbio: anch’io ho sentito parlare di questa marmellata… 🙂 ho finanche trovato la ricetta una volta, su una rivista. Non l’ho mai assaggiata però e non ne conosco il valore nutrizionale e la digeribilità 😕 Darò un’occhiata su Internet 😉
    Ciaooo 😀 !

  24. sai Lali,non vorrei che il sapore decantato di questa marmellata provenga solo dallo zucchero aggiunto. mi sa che desisto 🙂 ciaoo

  25. Ciao Piccbio! son felice ti sia piaciuta, io me la faccio spessissimo questa crema!!
    per quanto riguarda l’altra domanda..no non l ho mai fatta nemmeno io la marmellata di cui parli..chissà magari lali si informa e i fa sapere!
    un abbraccio a tutte

  26. Questo é il riassunto di quel che ho trovato su Internet, in un sito “Il Corriere del Gusto”. Dicono che la marmellata di banco d’anguria sia squisita…
    Tempo: 2 ore
    1 Kg. di buccia d’anguria
    1 Kg. di zucchero
    1 stecca di vaniglia
    Preparazione
    eliminare la parte verde della buccia di una bella anguria matura e gettarla via.Togliere tutto lo strato bianco e tagliarlo a dadini regolari e metteteli in una capace pentola (non d’alluminio) dopo averli pesati.Aggiungere uguale quantita’ di zucchero e la stecca di vaniglia e mettere sul fuoco.Far cuocere per 2 ore a fiamma molto bassa, mescolando spesso con un cucchiaio di legno e facendo schiumare se necessario.
    Alla fine della cottura la marmellata dovra’ risultare piuttosto liquida peche’ col raffreddarsi tenderà a indurirsi. Si puo’anche passare al setaccio a meta’ cottura, per renderla più cremosa. Dopo aver eliminato la stecca di vaniglia, invasare ancora calda nei barattoli sterilizzati in precedenza.
    Lasciar raffreddare a coperchio aperto, poi chiudere ermeticamente.

  27. Io questa marmellata fatta in casa l’ho assaggiata (me ne aveva regalato un barattolo la mia vicina di casa) e sinceramente a me non è piaciuta perchè è estremamente dolce. Infatti di per se’ la parte bianca del cocomero non ha sapore… a parte la dolcezza l’unico sapore che si sente è quello dato dalla vaniglia 🙂

  28. Io credo che Gala abbia ragione 🙄 … il sapore di tale marmellata lo immagino tipo di …cetriolo con lo zucchero ecco 😕 !

  29. ciao belle donne! grazie lali per aver trovato la ricetta..ma anche a me non convince…trooooppo zucchero! e in più effettivamente il sapore di quella parte è nullo e privo di nutrienti..
    un abbraccioooo

  30. Ma…ma…ma 💡 a questo punto perché non far cuocere invece i cubotti di bianco d’anguria in olio, aceto, sale e cipolla per poi invasettarli come ho fatto con le zucchine sottovetro? 😉

  31. si lali si potrebbe provare anche se credo che a quel punto sappia solo di aceto e cipolla! che hanno sapori molto forti……

  32. Sì é vero, Nica … 🙂 !

  33. @Nica:grz a te della ricetta. volevo dire questo per chi usa la tapioca a granellini sferici:bisogna tenerla a bagno un’oretta prima di usarla ,altrimenti non amalgama. da queste mie parti,Non ho mai visto nei negozi la farina di tapioca a mo’ di polverina.quindi uso quella granulare,bagnandola prima dell’uso.
    @Lali. grz della ricerca . siamo tutte giunte alla medesima conclusione,mi pare. cioè a volte è più la spesa dell’impresa, e cmq ricetta sbilanciata e un po’ inutile.
    ciao a tutti/e 🙂

  34. Ciao e complimenti per la ricetta! Essendo io alquanto impedita mi sapresti dire la proporzione fra frutta e manioca? Ho notato che ne usi 3 cucchiai sia per 1 anans intero che per 1/2 melone..per 3 mele di media grandezza quanta ne dovrei usare? avendo dell proporzioni potrei cimentarmi in crostatine buone e sane 🙂

  35. Ciao Lara! dipende dal rutto in se, o meglio, da quanta acqua contiene. l’ananas contiene abbastanza acqua ma è fibroso, il melone è più acquoso…le mele ad esempio se le frulli sole fanno una crema abbastanza compatta quindi per 3 mele ne userei un cucchiaio da minestra e mezzo….come vedi vado ad occhio…mi spiace non poter essere più precisa ma spero comunque d’esserti stata d’aiuto!

  36. Ciao Lara! dipende dal frutto in se, o meglio, da quanta acqua contiene. l’ananas contiene abbastanza acqua ma è fibroso, il melone è più acquoso…le mele ad esempio se le frulli sole fanno una crema abbastanza compatta quindi per 3 mele ne userei un cucchiaio da minestra e mezzo….come vedi vado ad occhio…mi spiace non poter essere più precisa ma spero comunque d’esserti stata d’aiuto!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti