Ciliegie sciroppate

Faccio molte conserve per avere la mia frutta e verdura anche nel periodo invernale. In primavera ho fatto le ciliegie sciroppate.  Una ricetta semplice e gustosa._DSC1154Ingredienti:
ciliegie
1 l di acqua
300 g di zucchero di canna

Procedimento:
Lavate le ciliegie e lasciatele circa 10 minuti in acqua tiepida. Poi riempiamo i barattoli di vetro e aggiungiamo lo sciroppo fatto con acqua e zucchero. Sterilizziamo in un pentolone con acqua a 85-90° gradi per 15 minuti.

  1. ciliegie tutto l’anno,eh?!!!! 🙂
    questa procedura sarà buona anche per le pesche e altra frutta,vero??
    🙂

    Reply
  2. voglio suddetto pupazzetto

    bless and love!

    Reply
  3. Si ottime così anche le mele con un pò di cannella e chiodo di garofano. Ormai questa è la mia dose per la frutta sciroppata. Viene bene quindi non cambio. Luca -lui è Danbo. La scritta è diversa questa l’ho modificata io. Comprato su ebay dal Giappone. Lei invece è Yotsuba 🙂

    Reply
  4. Hahhah la foto è incredibile!

    Reply
  5. Strabelle e sicuramente squisite !!! 😛 😛 😛
    E il pupazzetto é proprio carino 😉 !

    Reply
  6. Veruska, ho la frutta pronta ma ho un dubbio::quando dici: sciroppo con acqua e zucchero, intendi solo una miscela a temperatura ambiente oppure lo sciroppo è fatto sulla fiamma a temperatura alta? grazie grazie 🙂

    Reply
  7. Basta che si scioglie lo zucchero nel acqua mescolando a temperatura ambiente.

    Reply
  8. grazie mille. oggi frutta sciroppata e ortaggi in agrodolce, secondo le tue ricette. 🙂

    Reply
  9. Mi raccomando lascia riposare ortaggi almeno un esetto prima di consumarle in modo che “maturino”

    Reply
  10. Scusa Veruska, per la dose di acqua e zucchero che dai quante ciliegie servono ? Grazie

    Reply
  11. Secondo me MMM conviene prima riempire i barattoli e poi ogni litro d’acqua si aggiungono 300 g di zucchero e se non basta se ne fa un altro po’ magari con 150 g di zucchero x metà dose di acqua 🙄 …

    Reply
  12. Esatto Lali! Proprio come hai scritto.

    Reply
  13. Lali, il dubbio mi è venuto perché io uso un altro metodo. Riempio il barattolo con amarene o visciole poi verso lo zucchero a ricoprire le frutta, sbatto un po’ in modo che lo zucchero scenda tra gli spazi e lascio al sole di giugno – luglio il tutto finché lo zucchero non si è sciolto. In pratica anche io faccio ad occhio ma la misura mia è il barattolo pieno. Adesso è il momento delle pesche e delle prugne. A ferragosto vado a raccogliere i prugnoli selvatici poi ci faccio liquore (Bargnolino che mi pare proprio tu mi hai suggerito)e vino liquoroso, magari mischiandolo a quello di frutti di bosco che è in “officina”.

    Reply
  14. Credo che i metodi ce ne sono tanti. Ho letto del procedimento che usi te. Il mio metodo è usato nella nostra famiglia da sempre. Lo fa così anche la mia mamma e io visto che il risultato mi piace e d è veloce faccio allo stesso modo.

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti