Chimichurri veg

Il chimichurri è una salsa tipica argentina prevalentemente crudele, ma qui, con sommo gaudio, l’ho modestamente migliorata e resa vegan. Il sapore è veramente lodevole e secondo me si sposa perfettamente con molte pietanze, a voi libera fantasia! Io mi limiterò a proporvi la mia personal proposta, non prima di rendervi partecipi di 2 cose fondamentali, ovvero la prima è che è una salsa veramente ròc en ròl, la seconda è che pubblico in anteprima mondiale le immagini delle mie adorate caprette 🙂 Sicchè, ròc en roll sia, colonna sonora: Velvet Revolver, “Libertad”.
SS103764
Ingredienti:
150 g di crauti
150 g di scarola
5 fettine di peperoncino Jalapeno
100 g ddi yogurt di soia naturale

Ingredienti per il chimichurri:
prezzemolo secco
peperoncino secco
aglio secco
origano secco
paprika dolce in polvere

Procedimento:
Per prima cosa, fondamentale, accendete il cd dei Velvet e via di ròc en roll, in un mortaio mettete tutte le spezie per il chimichurri, tritate e mescolate ben bene (le dosi sono ovviamente ad personam, ma non opinabili) e poi potete conservare il tutto per settimane in un vasetto di vetro  e usare a piacimento dove e come preferite 🙂 Ora prendetene un bel po’ e mescolatela allo yogurt, fatela riposare a temperatura ambiente per 1 ora minimo.Nel frattempo, tra un assolo di Slash e una cantata di Lucio (il mio rosso canor canarino), impiattate i crauti e la scarola separati, tra i 2 versate la salsa chimichurri, guarnite con qualche fetta di jalapeno, e godetevi il tutto! Il chimichurri con lo yogurt ricorda vagamente uno tsatsiki e a dir il vero non è così piccante come potrebbe sembrare, ma veramente piacevole e molto versatile, provar per credere. E ora una foto delle mie adorate caprette! in ordine: sulla sinistra Adriana (tutta bianca con gli occhi neri, è una pecora ma non ho ancora ben capito la razza l’ho salvata da brutta fine certa) le altre son tutte caprette tibetane, sulla porta in fondo a destra c’è Rocco (di nome e di fatto :-), chi vuol intendere intenda), davanti a lui Agata l’anziana, mamma di Elide, davanti ancora la mia prediletta Elide, a fianco a Agata c’è Dalila la piccolina l’ultima nata (figlia di Elide)  e davanti a lei tutta marrone c’è Ofelia. Visto Lali, promessa mantenuta!!SS103753
Bless and love!

  1. Rocco Rocco Rocco!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ho inteso 😉 ma non sto incitando perchè ho inteso, ma perchè è troppo buffo!!!!!!! 😛 Che belli….che belle…..grazie Luchino, anche io non vedevo l’ora di vederle per bene! 😀 Effettivamente Elide è forte, ma come ti guardavano mentre facevi la foto, eh? 😀 Ah ah ah, a me piace tanto anche Dalila, ma la pecora?
    Il tuo Chimichurri è stupendo. Io ho sempre adorato il nome, ma non ho mai mangiato quello crudele. Questo tuo però è pieno di amore. Ciao caro, ti abbraccio 🙂

    Reply
  2. Grazie carissima A! ho dimenticato di scrivere che qui stavano facendo merenda con le bucce di banana che è la loro merenda preferita, le adorano è dir poco, mi guardavano perché le stavo chiamando (sono molto molto affezionate a me e viceversa) 🙂 Adriana la pecorella si sta ambientando pian pianino essendo l’ultima arrivata e probabilmente di razza differente non è stata subito ben accettata ma adesso la situazione sta migliorando dai…

    bless!

    Reply
  3. Beeeeeh direi che é una ricetta molto beeeeeella che mi attira proprio :mrgreen: !!!
    Che amori i tuoi pelosi 😀 !!! La pecorella Adriana scommetto che crede di essere anche lei una capretta…. 😆 scommetto che E Rocco é troppo forte 😉 !
    Grazie Luca… sono bellissimi i tuo pelosi 🙂

    Reply
  4. Scusa il commento fa pietà (c’é di mezzo la tastiera :mrgreen: ) ma sono proprio contenta di vedere i tuoi amici 😀 !

    Reply
  5. ciao.deliziosissimi animali! ma,ma..cosa sono quelle orride placche gialle alle orecchie? per identificarle vero?come le applicate?!?
    non so se ti possono interessare alcune ricette della vegchef Mignao ,come aglio sottaceto,zuppa cipollosa,crespelle agli spinaci,formaggini saporiti (Lali ….),e altre ricette con ingredienti,e sapori, andini.
    ho seguito le sue vicissitudini con la famigliola di gatti,nascite ,morte,traslochi transoceanici…
    può il tutto interessare anche Lali , Ametista, Terri…?

    Reply
  6. Ma quante 🙂 e che belle!!! Interessante proposta di abbinamento 🙂 gnam!!!

    Reply
  7. Scusa … ovviamente parlavo della ricetta quando parlavo di abbinamento

    Reply
  8. scusa ovviamente parlando di abbinamento parlavo della ricetta …

    Reply
  9. si Madda sono per identificarle all’anagrafe ovino, essendo in Italia se ammazzi qualcuno sei libero dopo due giorni, se vuoi tenere degli animaletti solo per compagnia senza nessun altro fine devi: compilare 5 schede manco fossi a un esame universitario, iscriverle all’anagrafe della razza specifica, ricevere a casa 3 visite della polizia locale (una per una specie di interrogatorio sui perché e i percome del fatto che vuoi tenere gli animali e le altre due per farti le foto alla loro casa e al posto in cui le tieni), sottoporle a prelievi periodici del sangue e controllo delle ASL locali….va beh smetto che è meglio 🙂 comunque è tutto vero. Non ho capito il discorso su Mignao però…

    Reply
  10. ciao.e me lo immaginavo.e pensare che se fossero tutti così ligi al dovere, non ci sarebbero più allevamenti/canili lager!sembra che le leggi e le regole debbano valere solo per chi già le rispetta….
    per quanto riguarda Mignao ,pensavo ti interessassero le sue ricette particolari..

    Reply
  11. oh si le ho viste le sue ricette, sono splendide!! peccato non pubblichi più….
    Vorrei aggiungere che non voglio far polemica con niente o nessuno riguardo a ciò che ho scritto prima al commento n.9 , ho solo riportato qui una mia esperienza personale e una mia riflessione sul sistema Italico, giusto o sbagliato che sia 🙂
    bless and love!

    Reply
  12. Oh si anch’io ho visto qualche ricetta si Mignao: una chef notevole 🙂 ! Peccato non pubblichi più … come tanti altri bravi chef che hanno caratterizzato una grande generazione di Veganblog 😉 !

    Reply
  13. infatti il mio passatempo preferito (quando ho tempo da passare, pochissimo purtroppo) è andar a imparare da chi ci ha preceduto

    Reply
  14. ciao.a quando una foto del rosso Lucio,canoro canarino?

    Reply
  15. prossima pubblicazione vi mostrerò in anteprima mondiale Lucio il rosso canor canterino canarino e Futura (potevo chiamarla altrimenti!?) la sua rossa infinitamente paziente compagnia canarina

    Reply
  16. Lucio e la sua Futura…. hai detto tutto!!! <3

    Reply
  17. Dimenticavo: le tue pelosette sono stupendissime!!!!
    Ottima anche la ricetta, questa salsa la servivano anche in un ristorante dove ho lavorato secoli fa. Purtroppo accompagnava grigliate crudeli, ma io mi ricordo che se avevo i crampi della fame, tra un tavolo e l’altro, mi infilavo in cucina e me la spalmavo sul pane. Che buona, la servivamo con olio e succo di limone e sono quasi certa che ci mettessero anche l’alloro. W il chimichurriiiiiiiii!!!!!!

    Reply
  18. Mamma mia quante bontà! Metto nella lista da fare.Bellissime le tue caprette ♥♥♥

    Reply
  19. Che buona questa ricetta. Per fortuna la versione crudele non l’ ho mai assaggiata ma questa è degna di essere provata! Con cd dei velvet compreso… 😀 davvero adorabili le tue caprette!

    Reply
  20. caproni e caprette ringraziono vivamente 🙂

    Reply
  21. Che belle le capre!!! E grandissimo piatto!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti