Chiacchiere al forno


Ciao amici, quanto mi siete mancati !!!
No, ultimamente non sono stata stra-occupata a sistemare la casetta nuova (anche se mi sono finalmente arrivati i mobili di camera e salotto assieme a frigo e lavatrice, la cucina era già a posto, abbiamo già ordinato il divano che arriverà a fine marzo, quindi mancano solo poche cose: tavolo/sedie della cucina, materassi, lampadari, per ultimi i mobili del bagno… e poi forse dovremo essere pronti per andarci ad abitare ! J ), ma ho avuto grossi problemi con la connessione a Internet che solo oggi sono riuscita a risolvere.
E quindi, per farmi perdonare della mia assenza e dare il benvenuto a tutti i nuovi chefs, voglio virtualmente offrire a tutti voi questo vassoietto di chiacchere, per festeggiare insieme il Carnevale con una delle preparazioni più tipiche di questo periodo, ma restando sempre… in Zona.

Ingredienti:
65 g di farina di soya
45 g di farina integrale
8 g di cremor tartaro setacciato
la punta di 1 cucchiaino di vaniglia Bourbon in polvere
105 g di ricotta di soya scolata per almeno 48 ore
5 ml di grappa
la buccia grattugiata di un’arancia bio
1 pizzico di sale
13 g di fruttosio

Procedimento:
In una terrina mescolare le due farine, il cremor tartaro e la vaniglia.
In un’altra, più grande, unire la ricotta, la grappa, la buccia grattugiata dell’arancia ed un pizzico di sale.
Versare a pioggia gli ingredienti solidi sopra quelli cremosi, stemperando bene.
Per una lavorazione migliore, versare il composto sulla spianatoia, impastare con le mani e  raccogliere tutti gli ingredienti in una palla morbida, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigorifero per almeno 30 minuti.
Stendere la pasta con il matterello tra due fogli di carta forno e ricavare delle sfoglie molto sottili.
Con la rotella dentellata, ricavare in ogni sfoglia dei rombi, e nel mezzo farvi una riga.
Disporre le chiacchiere sopra la leccarda rivestita con carta da forno e cuocere a 180° per circa 10 minuti in forno ventilato.
Una volta raffreddate, spolverizzare le chiacchiere con il fruttosio mixato e reso al velo.

Il mio punto:
Per chi segue la Zona, questa è una preparazione dolce da 5 blocchi totali.
Quindi, pesare le chiacchere ottenute e dividerle in 5 parti uguali. Un blocco, costituito da ciascuna parte, può essere un dolce spuntino, od un piacevole dessert per completare un pasto leggero da 2 blocchi (e renderlo così da 3 blocchi).

  1. che belle che sono venute! complimenti!!
    ma cos’è la Zona??

  2. pardon ho letto ora la tua descrizione 🙂 interessante

  3. MicRob grazie !!! 😀

  4. Sei sempre dolcissima come questa splendida ricetta Ele!
    baciotti 🙂

  5. buooooooooone le chiacchiereeeee….. ;o9

  6. Ma fantastica! Sei incredibile! Non solo non hai usato margarina, ma sei riuscita anche a non aggiungere olio, nè nell’impasto nè per la cottura!! Bravissima! Queste voglio provarle assolutamente!! Buon Carnevale e buon lavoro nella tua casetta nuova!! E’ faticoso traslocare e sistemare,ma poi sai che soddisfazione!! 😀 Un abbraccio!

  7. Che spettacolo, sono golosissime Ele. Buon w.e.

  8. Brava Elettra! Mi sembra l’altro giorno che ci raccontavi: “fra un annetto andremo a vivere assieme”! Congratulazioni! 🙂

  9. al forno??? bellissima idea, ma con questa scusa ne mangerò a quintali…..in bocca al lupo per i preparativi per la casetta!

  10. Bellissime le chiacchiere cotte al forno!!! Assolutamente da provare… il rischio è che poi anch’io ne mangerei quintali! 😀

  11. Grazie ragazze, sono felice che vi piacciano le mie chiacchiere e lo sono ancor di più perchè la data fatidica del trasloco si sta avvicinando velocemente… Baciotti a tutte !!!

  12. Ambrosia e Mignao: vabbeh, sepoffà… tanto sono dietetiche !!! 😉

  13. Bellissime, buonissime!!! finalmente light anche per chi non è a dieta ma non sopporta i fritti!!!! Da provare assolutamente 🙂 Bravissima, complimenti per la nuova casetta, conosco la sensazione è bellissimo preparare e iniziare una vita insieme!!!!

  14. Eh sì Felicia, infatti non necessariamente bisogna essere a dieta per provarle !!! Grazie, sei sempre così gentile ! 🙂

  15. anch’io le preferisco al forno, sono molto più leggere… grappa, arancia e ricotta non li ho mai messi, proverò quanto prima! 🙂

  16. Luu: grappa ed arancia sono ingredienti che mia mamma usa sempre nella sua ricetta (onnivora), l’aggiunta della ricotta invece è opera mia… Ultimamente cucino spesso dolci con la ricotta nell’impasto, risultano leggeri e friabili. 😉

  17. mmmmmmmmmmmmm un paio grazie?!!?!? 😛

  18. Grazie Gemma, arrivano… 😉 😉 😉

  19. Anche a me, un paio, grazie. 😉

  20. Wow! *__* Questa versione tutta salutare delle chiacchiere mi piace proprio!!!! 😛 Ma che grande idea!!! 😛 Non ci avevo mai pensato di metterle al forno, anzichè friggerle 😛

    Grande Ele!!! 😛 un augurio di buon tutto 😉

  21. W la pasticceria Elettra!Baciooooo

  22. Mauschen e alessandra: 😳 grazie, un bacione !!!

    Nello: di solito (beh, per lo meno qui “al nord”… 😉 )si vedono persino al supermercato le chiacchiere cotte al forno, io non pensavo di aver postato chissà che novità, ed invece… Grazie per i complimenti !!! 😀 E dimmi un pò, come prosegue la tua dieta ???

  23. mmmh, mi sorprendi davvero!vorrei farle anch’io al più presto perché sennò carnevale passa e poi non c’è lo stesso gusto… fatte così al forno mi ispirano assaje. Ma mi chiedevo: secondo te se uso solo farina di grano è lo stesso? O forse la farina di soia è necessaria? grazie in anticipo e mille complimenti, coriandoli e stelle filanti =)

  24. Iri: scusa per il ritardo col quale ti rispondo, però sei sempre in tempo a farle, no ??? 😉
    Grazie per i complimenti !
    La farina di soya è fondamentale soprattutto per il bilanciamento dei nutrienti (porteine-grassi-carboidrati) nell’ambito del discorso della dieta Zona, inoltre dà croccantezza e fragranza al prodotto finito.

  25. Ciao a tutti, ma la ricotta vegana dove la trovo??!

  26. La fai in casa, molto semplice. Nel blog trovi varie ricette. Buon lavoro!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti