Cavallucci senesi

A volte non serve cercare ricette complicate quando la tradizione ci viene incontro! Come nella ricetta dei cavallucci senesi: semplice e povera, facilissima da fare… leggeri, ma profumatissimi e aromatici, riscuotono sempre un gran successo!image
Ingredienti:
650 g di farina
350 g di zucchero
200 g di noci sgusciate
170 g di acqua
90 g di arance candite
30 g di zucchero a velo
1 bustina di ammoniaca per dolci
15-20 g tra cannella, coriandolo, noce moscata, anice (le dosi vanno un po’ a gusto, la prima volta non esagerate perché l’anice è molto forte)

Procedimento:
In una ciotola capiente spezzettate le noci grossolanamente ed aggiungete l’arancia candita a cubetti, lo zucchero a velo, le spezie e l’ammoniaca: mescolate il tutto, aggiungete la farina e mescolate ancora. In un pentolino sul fuoco mettete lo zucchero e l’acqua e fate sciogliere lo zucchero: lasciatelo sul fuoco giusto il tempo per far sciogliere lo zucchero. Attenzione a non farlo caramellare altrimenti i cavallucci diverranno durissimi! Quando lo zucchero si è sciolto, versate lo sciroppo sugli altri ingredienti e amalgamate il tutto. Formate con l’impasto delle palline grandi circa una noce, passatele nella farina e poi premete sulla superficie con un dito schiacciandole per ottenere la caratteristica “buchetta”. Posizionateli sulla teglia ricoperta di carta da forno (a me ne sono venute 2 teglie) e infornate a 180° per massimo 15 minuti, non devono colorire altrimenti si induriscono! Lasciateli raffreddare completamente prima di mangiarli.

Nota:
I cavallucci hanno, da caldi, un odore di ammoniaca molto forte, assolutamente normale, che perderanno completamente una volta raffreddati!

  1. ammoniaca? Ma e` commestibile? A che serve nella ricetta? Si puo` sostituire con qualche altra cosa?

  2. rinascimentale ricetta, fantastico

    bless and love!

  3. Bellissimi questi dolcetti! 😀
    Credi che mi riusciranno lo stesso se sostituisco l’ammoniaca con 1/2 cucchiaino di bicarbonato? 🙄

  4. urcaaaaaaaaaAAAAAHH!! sono bellissimi! ma dimmi rimangono croccanti o soffici? dalla foto non capisco! bravissima! ma che cos’è l’ammoniaca per dolci o_o è un po’ inquietante! mai sentita prima!!!

  5. Sembrano avere la consistenza dei cantucci di Siena, o di certi biscottini sablé di Sassello… 🙄

  6. Assomigliano anche ai canestrelli… *.*
    Insomma bisogna che li prepari così mi rendo bene conto, eheh 😆 !

  7. Hanno un aspetto favoloso! Da provare!

  8. Daniela ho usato l’ammoniaca per dolci in bustina! Funziona da lievitante, però non ho mai provato a sostituirla con il lievito in polvere o bicarbonato Lali_64! Dentro non sono soffici, ma consistenti:)

  9. Davvero belli! Anche io non ho mai usato l’ammoniaca per dolci… non mi ha mai convinta 🙁 Io credo che verranno bene uguale usando anche solo bicarbonato. Nei biscotti ne basta un pizzico e la magia si compie 😉 Copio… copio… mia sorella li adorerà! 🙂
    Bravissima! 🙂

  10. Arual perdonami,ma è una ricetta classica quindi molto probabilmente non la fai solo tu così ma centinaia di persone. Vale per tante ricette dei dolci tipici. Non so dove vedi problema? Non c’è mica scritto che la ricetta è “sua”. E’ solo una ricetta.Tutto qui.Se la fai con le dosi identiche vuole dire che ricetta si trova così e che funziona. E’ bello non credi?

  11. Per darti un esempio migliore: prendiamo SUSHI- in rete sono migliaia di ricette tutte uguali. Perché? Perchè è una ricetta tipica. Esattamente come questa! Chi copia chi?Chi si vuole appropriare di una ricetta base? Nessuno. Non siamo ridicoli per niente. Marti96 ha preparato la ricetta ed è stata gentilissima di CONDIVIDERLA qua. Non è da tutti sai…Internet serve anche a questo. Condividere.Gratuitamente e con amore e entusiasmo.

  12. Veruska ti ringrazio, hai espresso perfettamente il mio pensiero! Non mi sembra di aver scritto che la ricetta fosse di mia invenzione, ma l’ho semplicemente proposta! In rete ho trovato una marea di ricette, tutte pressoché identiche, semplicemente perché quella dei cavallucci è una ricetta tradizionale che ha centinaia di anni…allora, chi ha copiato chi? lo stesso vale per tantissime ricette, si potrebbero fare esempi infiniti! Buona giornata a tutti:)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti