Brasato al barolo

Eh sì, è una ricetta un po’ invernale… ma questo vegan-classico piemontese è sempre buono, e poi in questo periodo a Torino la primavera tarda ad arrivare.
CIMG7802
Ingredienti:
500 g di seitan lavorato a mano
1/2 l di Barolo (o altro vino rosso a scelta)
1 carota grande
1 costa di sedano
1 spicchio di aglio
1 cipolla
2 foglie di alloro
1 rametto di rosmarino
3-4 grani di pepe
sale qb
olio qb

Procedimento:
Tagliate il seitan a fette sottili e le verdure a pezzetti, e mettete il tutto a bagno nel vino per 1 notte insieme agli aromi. Il giorno dopo asciugate il seitan e fatelo rosolare in un po’ d’olio per pochi minuti, dunque aggiungete le verdure. Quando sono quasi cotte aggiungete anche il vino e gli aromi e lasciate addensare. Alla fine riducete la salsa in crema con un frullatore a immersione e aggiustate di sale. E’ una ricetta veramente semplice, si fa quasi da sola.

Considerazioni:
Se il seitan vi piace morbido potete mettere il coperchio e farlo cuocere più a lungo nel vino; se lo preferite più duretto, e questo è il mio caso, vi consiglio di toglierlo dalla padella dopo averlo rosolato, far addensare la salsa solo con le verdure e aggiungere le fettine all’ultimo in modo che si insaporiscano. In questo caso forse ho fatto addensare un po’ troppo la salsa… ma era buona lo stesso!!

  1. Mamma mia che fame che mi hai fatto venire 🙂

  2. Ehi ma questa ė una ricetta speciale! La terrò in serbo per quando avrò ospiti!!! 😉

  3. Grazie! In effetti è una ricetta che fa scena, anche di fronte agli onnivori 😉

  4. Il seitan che trovo è naturale o alla piastra. Puoi spiegarmi cosa intendi con “lavorato a mano”? Grazie
    P.S.: sono alle “primissime armi” culinarie

  5. Ciao Serenella, scusa il ritardo! Il seitan alla piastra o naturale va benissimo: quello alla piastra è più saporito ed è addirittura un po’ più compatto, per via della forma. Se guardi bene nei seitan che acquisti vedrai che in molti di questi c’è la dicitura “lavorato a mano”… Ma io ti consiglio di sperimentare con quello che piace di più a te, che sia naturale, autoprodotto, alla piastra… e chi più ne ha più ne metta 🙂 Tanto il vino copre molto il sapore!

  6. Fa una voglia incredibile 🙂

  7. cheeky…con questa ricetta potresti partecipare al 1° concorso di cucina vegana organizzata da AssoVegan! Non sei curiosa di vivere questa avventura? se vuoi avere maggiori informazioni puoi scrivermi all’indirizzo mail vegcode@gmail.com e seguire la pagina fb dedicata https://www.facebook.com/pages/Tradizione-Regionale-Gusto-Vegano
    ti aspetto!

  8. Grazie Mille per la ricetta! Provata oggi a pranzo, ottima. Usato Seitan fatto a fatto usando ricetta trovato su questo sito. Sono proprio contento di aver trovato un’alternativa vegana per questa ricetta!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti