Lozovi Sarmi

Лозови Сарми: involtini con foglie di vite.
Chi è stato in Grecia o è stato in un qualsiasi ristorante greco questo piatto viene chiamato “Dolomadhes-Δολομασες”, però è un piatto che si fa in tutto l’ex impero di Bulgaria (Macedonia, Albania, Serbia e Croazia) dove vengono per l’appunto chiamati Sarmi. Questa è la ricetta tradizionale, non c’è nessuna veganizzazione, ma c’è  anche una versione con carne macinata, quindi se venite in Bulgaria fate attenzione che siamo tra il menu postni (Постни ястя).
Ingredienti:

1 confezione di foglie di vite in salamoia
500g di riso preferibilmente originario o ribe
1 cipolla o cipollotto fresco
un pizzico di menta, timo e sale
olio di semi

Procedimento:
Prima di tutto dividere le foglie di vite, fare attenzione che non si rompano, tritare la cipolla, mettere 1 cucchiaio di olio a scaldare, mettete le cipolle a rosolare, aggiungete il riso, il timo e la menta, non cuocere il riso subito.
Portate la padella col riso in un piano di lavoro, aprite le foglie in un piatto facendo in modo che la parte piu scura risulti appoggiata al piatto, con un cucchiaio mattete un po di riso al centro della foglia, piegare la foglia chiudendo il riso dentro e disporlo in una pentola con l’apertura in basso, continuare fino ad esaurire le foglie.
Mettete un piatto rovesciato sui sarmì, mettere un sasso o qualsiasi cosa che faccia da peso, riempite d’acqua fino a coprire il tutto, salate e metetelo a bollire, lasciar cuocere finchè il riso non sia cotto, ci vorranno circa 45 minuti o 1 ora e buon appetito.
Passare in padella serve solo ad insaporire il riso.
La parte della foglia interiore deve stare in alto così che la sarmà venga con la parte piu scura verso l’esterno.
Non ne mettete tanto di riso, crescerà durante la cottura.
Chiudere bene la foglia facendo in modo di non far fuoriuscire il riso (non sono affetto da nessuna malattia strana, la mia mano è bianca perchè ho i guanti 🙂 )
Disponeteli stretti con la parte di chiusura verso in basso per fare in modo che non si aprano durante la cottura.
Mettete un sasso o un qualsiasi peso sopra i sarmì per farli star fermi durante la cottura.
ed il piatto è pronto, versatevi un grappino, un po di musica balkanica e hajde nazdrave.

P.S.
la sarma che si è aperta l’ho aperta io per farle vedere dentro, non mi si e sppappolata 🙂

Sostieni anche tu la libera informazione!

Scegli per i tuoi acquisti prodotti certificati VEGANOK e invita i tuoi conoscenti a fare lo stesso.
Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Per conoscere meglio VEGANOK, scarica qui il nostro rapporto di impatto Etico.
Renata Balducci, presidente di Associazione Vegani Italiani e fondatrice di Veganblog
  1. Che bel piatto! ma dove si trovano le foglie di vite in salamoia? io abito in una città abbastanza grande: se trovo un negozio di alimentari albanese trovo anche le foglie di vite?

    Reply
    • Deborah Battista 8 Luglio 2020, 14:34

      Raga è la mia droga, mia madre me li fa con la carne macinata mista un 800 g ed è uno spettacolo perché poi sopra si mangiano con lo yogurt bianco o greco e un piacere di gusto
      Però non va messa la menta e cazzi simili va solo sale un po’ di pepe paprica dolce e aneto in Spezia isiccata

      Reply
  2. piatto davvero interessante, difficile da pronunciare XD.
    @ Lo io ho mangiato le foglie di vite in un ristorante greco, una volta, per cui credo che dovresti trovarli anche in un esercizio del genere.

    Reply
  3. Che splendore!
    Se trovo le foglie di vite i provo al più presto!!!!

    Reply
  4. Che buoni!!! Li adoro!!! Anch’io ho sempre desiderato provare a farli ma le foglie di vite ancora non le ho trovate… pensavo quasi di andare a “depredare” la vite dei vicini e poi cuocerle… ma credo che rischierei una pallottola nel “didietro”… 😉

    Reply
  5. Ah, quanto mi ricordano le ferie estive in Geecia… 😉

    Reply
  6. Non li ho mai fatti perchè non sò dove recuperare le foglie di vite 🙁

    Reply
  7. Le foglie di vite io le trovo in un negozio di alimenti etnici, anche asiatici, ma se avete problemi potete farveli dare da un amico contadino, scegliete o fatevi schegliere quelle piu tenere, il periodo migliore per la raccolta varia tra fine giugno e metà luglio, vanno lavati bene e bolliti per 30 45 minuti in acqua salata

    Reply
  8. Provate!!! E’ semplice e meraviglioso!

    Reply
  9. li amoooo!!!!! che nostalgia della Grecia però… 🙂

    Reply
  10. Li ho assaggiati proprio due settimane fa e mi sono piaciuti moltissimo!! Tra l’altro cercavo proprio la ricetta e…eccola qui! Grazie!! 🙂

    Reply
  11. Che spettacolo! Vedo sempre le foglie di vite in barattolo al negozio arabo ma non le prendo mai perchè ho paura di non cucinarle.
    Farò una prova! 😉

    Reply
  12. Propongo qualche variante per chi, come me, non trova facilmente le foglie di vite. Uso le foglie di verza, appena sbollentate.Io faccio tutto a crudo:condisco il riso crudo in una ciotola con semi di finocchio,cipolla tritata,qualche goccia di olio,curry.
    Ne metto un po’in ogni foglia, arrotolo, metto in teglia con acqua,vino bianco,cipolla,lascio cuocere a fuoco lento per mezz’ora,tre quarti d’ora. Provare per credere. Ciao!

    Reply
  13. xmaridina.. non ti conviene usare la verza, dovresti usare invece le foglie del cavolo cappuccio, bollirlo in aqcua, sale e aceto e usarlo, se ti avanzano le foglie, mettilo sott’aceto

    Reply
  14. Le foglie di vite si possono trovare in qualsiasi negozio rumeno.
    buon appetito!!

    Reply

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla barra degli strumenti